Connect with us

Gli Eroi del Collezionismo

“Solo per la Maglia”: la mostra di Rino Morelli a Brindisi

Published on

IOGIOCOPULITO.IT (Federico Baranello) – Posizionata sul tacco dell’italico stivale e affacciata sull’Adriatico sorge una città molto amata sin dai tempi antichi, sia dai Romani sia dai Greci: Brindisi. Non a caso la Via Appia, considerata dai Romani Regina Viarum, la Regina delle strade, giunge da queste parti. La città è, da sempre, una porta verso l’Oriente e un importante crocevia di culture e popoli. Ha vissuto fortune alterne tra periodi molto prosperi e periodi di grande decadenza. Quasi immedesimandosi nella stessa sorte della sua città anche la relativa rappresentativa locale di calcio ha avuto un andamento storicamente altalenante. Vicende comunque che non hanno mai minimamente intaccato l’amore dei suoi tifosi e il loro attaccamento alla maglia. Attaccamento alla maglia che Rino Morelli ha interpretato alla lettera: possiede infatti oltre 120 maglie storiche della compagine biancazzurra. La sua splendida ed unica collezione è stata esposta sabato 13 e domenica 14 Maggio u.s. a Brindisi nella prestigiosa cornice di Palazzo Nervegna. La collezione di Rino spazia dalle maglie del Brindisi del 1966, anno in cui il Commendatore Franco Fanuzzi rilevò la Brindisi Sport e fece apporre la “V” sulla maglia, sino ai giorni nostri.

La mostra, dal titolo “Solo per la maglia”, è stata patrocinata dal Comune di Brindisi ed è stata preceduta da una conferenza stampa alla presenza del Sindaco Angela Carluccio e all’Assessore allo Sport Elena Marzolla. Durante la conferenza stampa Morelli ha ribadito un concetto a lui molto caro: “La mostra non deve essere solo un ricordo, vorrei che fosse il punto di partenza per qualche imprenditore di avvicinarsi al calcio brindisino per portarlo nelle giuste categorie e nel calcio che conta davvero”. Morelli ha omaggiato il sindaco con un gagliardetto del Brindisi risalente alla fine degli anni ‘70.

                                    

Rino, cinquantatré anni, sposato, con due figli, si occupa di “Sicurezza” nel locale stabilimento di una nota azienda farmaceutica. Noi lo abbiamo raggiunto e si dimostra persona garbata, gentile e molto, molto appassionato della sua squadra del cuore e della sua collezione. E’ stato per quindici anni un “Arbitro” sino a raggiungere quello che allora era il Campionato Interregionale: “Un’esperienza eccezionale che mi ha insegnato tanto, un’esperienza fondamentale. C’è stato un momento nella mia vita in cui arbitrare era tutto, poi ho dovuto fare una scelta professionale. E’ stata dura smettere. Durante quel periodo iniziai a collezionare gagliardetti, me ne capitavano tantissimi. Poi, appena ho smesso di arbitrare, ho cominciato a raccogliere anche le maglie. Ne ho recuperata una, poi un’altra… poi è diventato qualcosa di cui non mi sono quasi accorto. Un giorno mi sono fermato…e mi sono reso conto di ciò che avevo. Mi sono reso conto che stava nascendo qualcosa di importante. Così ho cominciato a cercare le maglie in maniera più strutturata. La collezione è così aumentata di valore e di spessore”. La passione di Rino è travolgente: “Questa mia ricerca mi ha fatto entrare in contatto con molte persone e mi ha consentito di conoscere alcune verità ed aneddoti davvero peculiari. Alcuni magazzinieri tra gli anni ‘60 e ’70, per esempio, mi hanno raccontato che le maglie, che venivano usate per ben più di una stagione, venivano poi vendute come stracci. No dico, rendiamoci conto, le maglie dei nostri beniamini considerate stracci! In particolare venivano vendute ai meccanici dell’epoca della città. Si recuperavano solo i numeri, se in buone condizioni, per riattaccarli ovviamente su altre maglie. Ho verificato e incrociato le informazioni è ho avuto conferma di questa “delittuosa” pratica. Venivano vendute a peso. È stata una stilettata al cuore. Non avrei potuto venire in contatto con informazione peggiore. Ho casa piena di maglie e nel salone ho una vetrina. Le curo in maniera maniacale, le controllo una ad una periodicamente. Alcune hanno più di cinquant’anni e sono giunte a noi dopo aver attraversato mille vicissitudini raccontate in alcuni casi da evidenti macchie o dagli strappi. Mia moglie mi aiuta ad accudirle, a stirarle”. Mentre ci racconta questa attività percepiamo, dal tono di voce, che le maglie vengono coccolate come si fa con i figli prima di metterli a letto. Il suo racconto prosegue: “Il tempo ha cambiato tutto, anche il materiale con cui vengono prodotte. Ora le maglie moderne sono leggere, controllano l’aspetto termico, ma posseggono indubbiamente meno poesia. Molti giovani che vengono alle mostre ne toccano il tessuto e non capiscono come sia possibile che qualcuno abbia giocato con quelle maglie di lana. Quando pioveva poi si inzuppavano e pesavano qualche chilogrammo”. Inevitabile una domanda sull’apprezzamento da parte dei figli verso la sua collezione: “I figli sono presi da altro, lo sappiamo. A volte mi fanno delle domande ma forse più per farmi contento che altro. Comunque mi hanno aiutato nello scorso week end, insieme a mio fratello, ad organizzare tutta la parte logistica della mostra. Non è facile, senza di loro non riuscirei. Io spero si appassionino. Ma è difficile”.

Dietro ogni collezionista c’è sacrificio, sia di tempo sia economico:Alcune di queste maglie sono davvero costose e soprattutto quelle in lanetta chi le ha non le cede per poco. Io ne ho una trentina circa, quando se ne trova una è un evento. Per me una vera e propria festa. Con il tempo ho imparato che si possono trovare nei posti più disparati, in luoghi impensabili. Questo è proprio il contrario di ciò che si crede. Le cose più belle, importanti e rare non le ho trovate dai collezionisti ma da persone che le avevano per caso. Persone che a volte mi dicono anche di averne avute altre e le hanno regalate”. Con i nostri occhi una follia, con gli occhi di Rino una tragedia.

Tra le maglie più antiche quella del difensore Giordano Martinelli e dell’attaccante Egidio Ghersetich, entrambe della stagione 1966/67.   

brindisimostra                                

Poi tra le più preziose quella di Bernardino Cremaschi soprannominato “Il Grande Blek”, come un famoso fumetto dell’epoca. Scomparso nel 2007, fu uno degli artefici della promozione del Brindisi in Serie B nell’71/72. Nonostante siano trascorsi molti anni è sempre rimasto nei cuori dei tifosi brindisini tanto che il 27 aprile 2014 gli è stata intitolata la Tribuna Centrale dello Stadio Franco Fanuzzi. Con la maglia del Brindisi ha disputato tre campionati di serie C e uno di serie B per un totale complessivo di 130 gare tra campionato e Coppa Italia. Mise a segno 30 reti, e ben 13 nella stagione della magica e storica promozione in serie B.

cremaschi                          

“Un periodo magico quello”, ci racconta Morelli, “un periodo in cui abbiamo cullato il sogno della Serie A, un’atmosfera fantastica di cui la città si è ubriacata”. In quel periodo qualcuno in via De’ Caracciolo, proprio nel bel mezzo della città vecchia, scrisse su di un muro una sorta di dedica proprio a Cremaschi: “BLEK L’INVINCIBILE”. Quella scritta, dopo circa quarantacinque anni, è ancora lì, fa parte della città, fa parte della storia. Una scritta un po’ sbiadita che ricorda un giocatore, ma soprattutto un uomo che ha fatto piangere, abbracciare e emozionare il popolo brindisino come pochi.

                         

Una storia splendida, appassionante. Decidiamo quindi di raggiungere la famiglia di Dino Cremaschi, l’uomo che ha fatto sognare Brindisi. Abbiamo il piacere e l’onore di poter scambiare qualche battuta con la figlia Vanessa: “Con la città di Brindisi ho un legame forte, un senso di appartenenza profondo. È un po’ come se fosse casa mia. È un sentimento questo che mi ha trasmesso la mia famiglia, perché anche per i miei genitori quello è stato un periodo fantastico. Ho sentito sulla mia pelle e visto con i miei occhi di come sia forte ancora oggi l’unione tra la città e la figura di mio padre. Un legame forte e vivo perché alimentato ogni giorno dalla passione e il lavoro disinteressato di tante persone, passione che si riaccende in un attimo quando si torna a parlare di quel periodo. Ho capito quanto il mio cognome sia importante a Brindisi perché legato a un periodo d’oro per la città. Mi raccontano di un uomo che non si arrendeva sul campo ma anche di una persona pulita ed onesta, questo ci riempie il cuore. Tutto ciò si trasforma in gratitudine, con il sorriso e gli occhi lucidi. Ringrazio, a nome della mia famiglia, sia Rino Morelli che il Presidente dell’Associazione Culturale Pro Brindisi, Rino Lecci, per quanto fatto e quanto stanno facendo in memoria del mio papà”.

Proprio sulla maglia del “Grande Blek” Morelli ci racconta: ”Lo scorso anno organizzai una mostra nei giorni 13 e 14 di febbraio. Proprio in chiusura, mentre stavamo riponendo le maglie, mi si avvicina una persona e mi dice che in casa aveva una maglia che poteva interessarmi. Ovviamente non mi lasciai sfuggire la cosa e il giorno dopo ci incontrammo: aveva la maglia di Cremaschi. Era il 15 di febbraio…il giorno del compleanno dell’Invincibile Blek. Ho pensato tanto a questa cosa, un segno del destino”. Un segno da libro “Cuore”.

Tante persone hanno visitato la mostra, nostalgici e giovani, semplici curiosi e ex calciatori. Tutti con la passione nel cuore, come quella che muove Rino nel cercare di tramandare una tradizione. Così come quella scritta che celebra “Blek l’invincibile”, un po’ sbiadita ed erosa dalle intemperie e dal tempo che passa inesorabile, è ancora lì per chi ha voglia di soffermarsi e rivederla, così la collezione di Morelli merita di essere “vissuta” per potersi tuffare nella storia. Una storia fatta di uomini e maglie. Maglie con la “V”.

Classe ’68, appassionato di un calcio che non c’è più. Collezionista e Giornalista, emozionato e passionale. Ideatore de GliEroidelCalcio.com. Un figlio con il quale condivide le proprie passioni. Un buon vino e un sigaro, con la compagn(i)a giusta, per riempirsi il Cuore.

Continue Reading
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Gli Eroi del Collezionismo

FIGURINE FOREVER la 2^ edizione a Bologna

Published on

GLIEROIDELCALCIO.COM – Domani 12 gennaio a Bologna torna “Figurine Forever”, la manifestazione giunta alla sua seconda edizione. L’appuntamento per gli appassionati delle figurine è presso il grande spazio dell’Estragon Club, al Parco Nord. Lo scorso anno l’edizione fu caratterizzata, e non poteva essere diversamente, dai mondiali di calcio, mentre quest’anno il calcio sudamericano e la Panini d’oltreoceano sono i protagonisti.

Abbiamo raggiunto Gianni Bellini, il più grande collezionista al mondo di figurine dedicate al calcio e ideatore, insieme a Emiliano Nanni, di Figurine Forever:

“In primis è un’occasione per incontrarsi”, esordisce ai nostri microfoni Gianni Bellini, “…incontrarsi mentre intorno c’è una mostra, un mercatino, un luogo per scambiare i doppioni ma anche la possibilità di giocare a Subbuteo. La mostra riguarda gli album Panini dedicati alla Copa America, ma si potranno ammirare anche album dei vari campionati dei paesi latinoamericani come Brasile, Argentina, Cile, Messico, Uruguay, Perù, ecc., tutti provenienti dalla mia collezione. Ci sarà anche una parte dedicata al calcio femminile e in particolare alle Azzurre, qualificate ai mondiali di Francia 2019. Sarà poi presente un’Area espositori composta dai migliori professionisti del settore oltre ad una parte dedicata al libero scambio tra collezionisti di figurine e cards nuovi o del passato, non solo calcistici. Inoltre, la grande novità di questa edizione di Figurine Forever, ci sarà l’area dimostrativa Subbuteo che, grazie alla collaborazione con Bologna Tigers, permetterà di apprezzare durante tutta la giornata la magia di questo gioco con partite ed esibizioni del club felsineo. Alle ore 11:30 avrà inizio un talk show condotto da Giorgio Comaschi, che vede tra i partecipanti gli ex calciatori Eraldo Pecci e Franco Colomba, l’attore Andrea Santonastaso e Carlo Alberto Cenacchi autore del libro ENEAS. Insomma un fitto programma per una giornata speriamo indimenticabile”.

Gianni è davvero emozionato e preso dall’evento e ci tiene a farci una precisazione: “Questa manifestazione è nata intorno ad un tavolo di un Bar e piano piano sta diventando importante. Come importante è la collaborazione con l’Istituto Ramazzini, infatti l’intero ricavato della giornata sarà devoluto alla ricerca e alla prevenzione del cancro. Venite, divertiamoci e facciamo anche un’opera buona. Mi sembra giusto”.

Allora se domani siete a Bologna…

Grazie Gianni

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Continue Reading

Gli Eroi del Collezionismo

A Ostia arriva il “Viaggio con la storia del calcio”

Published on

GLIEROIDELCALCIO.COM (Federico Baranello) – Dal 12 di Gennaio a Ostia, presso il Litus Roma Hostel, avrà luogo la mostra itinerante denominata “Viaggio con la storia del calcio”. Il percorso, giunto alla tredicesima tappa, è un’esposizione di cimeli della storia dei Mondiali dal 1930 ad oggi, dove è possibile “incontrare” le maglie dei campioni del passato che consentiranno di ripercorrere oltre novant’anni di storia del calcio nazionale e internazionale. Tra gli oggetti esposti, oltre duemila reliquie, è possibile ammirare il pallone usato in Scozia-Inghilterra del 1872, prima partita internazionale giocata, i palloni e gli scarpini utilizzati nel primo Mondiale di calcio del 1930 oltre le maglie autentiche di “Campioni senza tempo” quali Cruijff, Maradona, Pelé e Falcao. Tutto il materiale esposto racconterà, come già accaduto nelle altre sedi dove la mostra ha fatto tappa, la storia del calcio ma anche quella del “Bel Paese”. La mostra sarà inaugurata il 12 gennaio alle ore 11,00 alla presenza del Presidente Nazionale Aics Bruno Molea, del Presidente del X Municipio Giuliana Di Pillo e dall’Assessore allo Sport e cultura Silvana Denicolò e resterà aperta sino a domenica 27 gennaio. Inoltre per l’occasione la mostra vedrà ulteriori due sezioni dedicate alla Lazio e alla Roma grazie alla collaborazione di Lazio 100 e all’Unione Tifosi Romanisti che esporranno ulteriori cimeli delle due compagini romane.

 

Continue Reading

Gli Eroi del Collezionismo

“Football Memorabilia”: Internet Live il 13 Dicembre. Giulio Filippo Bolaffi, A.D. dell’omonima casa d’aste, racconta la terza vendita all’incanto in questo settore

Published on

GLIEROIDELCALCIO.COM (Federico Baranello) – Anche quest’anno, il terzo di seguito, i collezionisti, gli appassionati di calcio e della sua storia, i tifosi ma anche “semplici” investitori, avranno la loro asta dedicata ai cimeli del calcio sul sito Astebolaffi.it. Infatti, la famosa e prestigiosa casa d’aste decide di investire ancora, e in maniera più convinta e decisa, nella memorabilia del gioco più bello del mondo. Il calcio, che muove interessi e sentimenti, si conferma ancora una strada che la casa d’aste ha intenzione di continuare a percorrere e esplorare. Un viaggio che cerchiamo di capire e scoprire con l’Amministratore Delegato, nonché Presidente, della stessa casa organizzatrice della vendita all’incanto, Giulio Filippo Bolaffi.

“Questa terza asta è un logico proseguimento del cammino intrapreso tre anni or sono” ci dice Bolaffi, “Nella prima ci ritrovammo a sfruttare alcune circostanze contingenti che ci avevano portato, ai margini di una trattativa molto diversa, allo Statuto di fondazione del Milan del 1900. Riuscimmo a predisporre la prima vendita all’incanto del genere in Italia ma con pochi “pezzi” tra cui, oltre al già citato Statuto, la maglia di Gigi Riva dello storico scudetto sardo, la maglia di Zoff della stagione 1977/78. L’asta, che comunque fu un gran successo, conteneva una ventina di lotti circa: andarono tutti venduti. A quel punto ci abbiamo creduto e abbiamo pensato di continuare con la seconda asta lo scorso anno: 83 lotti, tra cui una collezione di gagliardetti appartenuti all’arbitro Daniele Tombolini, la maglia di Saadi Gheddafi, figlio del dittatore libico, alcune maglie appartenute ad Andrea Agostinelli, ex giocatore della Lazio e non solo, tra cui una maglia di Maradona. Inoltre anche la maglia di Riva dei “Mondiali” del 1974 e i guanti di Dino Zoff utilizzati durante il Mundial vincente di Spagna ’82, oltre alla splendida maglia del Brasile di Pelè indossata nel 1971. Insomma fu qualcosa di più strutturato rispetto alla prima. L’asta attuale, come poc’anzi detto, è l’asta del consolidamento, delle certezze ma anche delle speranze. Un campo in cui abbiamo investito creando un apposito dipartimento strutturato e con un responsabile. Insomma una sola asta annuale, al momento, ma scadenzata e nota al mercato e per la quale si lavora costantemente. Pian piano ci stiamo creando la nostra autorevolezza in questo settore e le persone ci contattano sempre più per affidarci le loro collezioni. Abbiamo infatti valutato nel corso di quest’ultimo anno molti più oggetti. Ovviamente, come anche negli altri settori, abbiamo svolto una cernita importante scartando oggetti non degni o di dubbia provenienza, oppure perché abbiamo ritenuto che non avessero “dignità collezionistica” o semplicemente erano rovinati o danneggiati. Insomma noi eseguiamo costantemente delle valutazioni in ambito qualità e autenticità. Poi capita anche che gli oggetti rispettino tutti gli standard da noi ritenuti imprescindibili ma semplicemente poi non si trovano gli accordi con i relativi proprietari. In questa asta proponiamo oltre 200 lotti composti da una grande varietà di oggetti”. Qui la voce di Filippo Bolaffi assume un tono pregno di soddisfazione…Abbiamo tra i nostri lotti il contratto, il primo da professionista, di un giovanissimo Boniperti, ceduto alla società F.C. Juventus dal club dilettantistico A.C. Momo, con le firme autografe del giocatore, dei rappresentanti dei due club e della F.I.G.C. Il contratto presenta due curiosi errori di battitura, uno sul nome di battesimo, Gianpiero anziché Giampiero, e l’altro sulla data di nascita, 14 luglio, anziché 4 luglio. Un documento che definirei romantico, di un calcio ormai purtroppo troppo lontano. Inoltre è presente anche una pittura ad olio di Gigi Meroni, grande genio calcistico del Torino. Il calciatore era famoso per la sua eccentricità fuori dal campo espressa anche con la pittura. Il quadro viene venduto accompagnato da numerose fotografie di Meroni nella sua vita privata e non, tra cui una con la sua famosa “gallina da passeggio”. Inoltre abbiamo importanti “pezzi” della Juventus anni ‘80 come la maglia di Michael Laudrup nella rara versione gialloblu, la maglia indossata da Gaetano Scirea nella stagione 1985/86 e la maglia di Platini della stagione 1984-85. Siamo poi entrati in possesso di una selezione di maglie del giocatore degli anni ‘60 Mario Trebbi, come quella del Benfica indossata dal difensore Raul Machado durante la finale della Coppa dei Campioni 1962-63 contro il Milan e scambiata proprio con Trebbi a fine gara. Un pezzo da Museo. Stessa provenienza per la maglia Crylor della Società Sportiva Monza 1912, rossa con banda bianca verticale e stemma del club, indossata da Mario Trebbi durante le stagioni 1969-73. Inoltre anche la seconda maglia del Napoli indossata da Maradona, nell’unica volta della sua carriera in cui giocò con il numero 9, avendo in quell’occasione ceduto la sua 10 all’erede designato, un giovanissimo Gianfranco Zola. Presenti anche altri cimeli quali fotografie autografate, programmi ufficiali e svariate maglie delle nazionali, tra cui alcune dell’Italia come quella di Albertosi”.

Insomma pezzi importanti, esclusivi che donano prestigio alla casa Bolaffi. Un’asta che ancora non muove i volumi di quelle in altri settori, ma …” l’asta fa parlare molto di se”, continua l’A.D., “anche se non è la più importante al momento in termini economici. È proprio questa la differenza con altre aste più consolidate, il calcio ha una cassa di risonanza enorme, riesce a far parlare di se in modo importante. Anche in azienda si respira un’aria diversa perché si entra in contatto con degli oggetti, come le maglie ad esempio, che suscitano a tutti delle emozioni, anche se non sei un collezionista. Inoltre anche in azienda capita di incontrare persone più o meno note nell’ambito del mondo del calcio e questo rende il settore e questa asta più “sexy” di altre. Non a caso anche le richieste di interviste si moltiplicano in questo periodo”. Poi una precisazione: “Il calcio si conferma come un mercato in cui vogliamo dire la nostra. Un mercato ancora poco conosciuto ma che crediamo possa crescere. E la crescita passa anche attraverso una “educazione all’asta”, perché si tratta di una modalità molto diversa dalle altre”.  

Ora non ci resta che attendere il 13 Dicembre. Manca poco.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Qui puoi trovare il catalogo completo dell’asta

Continue Reading

più letti

WP-Backgrounds Lite by InoPlugs Web Design and Juwelier Schönmann 1010 Wien
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: