Connect with us

Gli Eroi del Collezionismo

TARANTO AMORE MIO: la collezione di maglie di Niko MOLENDINI

Published on

IOGIOCOPULITO.IT (Federico Baranello) – Il Mar Grande le bagna la costa esterna, il Mar Piccolo quella interna: siamo a Taranto, la “Città dei due Mari”. Siamo in una città dalle origini antichissime, fondata dagli Spartani e in seguito divenuta colonia della Magna Grecia. Conosciuta anche come “Terra dei delfini” per un antichissimo insediamento di cetacei proprio di fronte, tra gli isolotti di San Pietro e San Paolo. Il delfino quindi assurge a simbolo della città, un simbolo entrato anche nella rappresentazione e logo del Taranto Calcio. Una storia molto travagliata, quella del Club, negli ultimi decenni. Una storia nata nel Luglio del 1927 dalla fusione dell’U.S. Pro Italia e la Audace Foot Ball Club che diede vita all’Associazione Sportiva Taranto. Un club avvolto dalla passione e dall’amore per questi due colori, il rosso e il blu. Colori che hanno riempito, e continuano a riempire, la vita di Niko Molendini, collezionista di maglie del Taranto.

Lo abbiamo raggiunto per farci raccontare la sua passione e la sua “impressionante” collezione.

Niko ha quarantacinque anni (suonati dice lui), sposato con Francesca, e lavora nell’ambito dell’abbigliamento. “Ho una vita normalissima” ci dice Niko, “…famiglia, lavoro, pesca e… Taranto. Amo questa città in tutte le sue sfaccettature”. Niko inizia a elencare i luoghi della sua città: un elenco appassionato che parte dalle Colonne Doriche, sino al Castello Aragonese per poi attraversare il Ponte girevole di San Francesco di Paola che unisce la Città Nuova e la Città Vecchia. Un ponte citato anche da D’Annunzio in “Laudi del Cielo del Mare della Terra e degli Eroi”: “Ma sul ferrato Cardine il tuo Ponte gira e del ferro il tuo Canal rintrona”.

“Ricordo il mio quartiere, Italia Montegranaro, e i luoghi della mia infanzia. Indelebili in me sono le partite a pallone per la strada”, prosegue Niko, “quelle partite che non terminavano mai, con il campo disegnato a terra con i gessi. Le porte erano le saracinesche, o due giubbotti o due sassi. Quanti palloni abbiamo recuperato sotto le macchine in sosta, e quante volte ci siamo invece fermati per far passare le auto per poi ricominciare. Divenuto più grande cominciai a giocare nell’Oratorio di San Giovanni Bosco, un oratorio storico”.

La voce si fa più intensa, commossa: “La passione per questi colori mi è stata trasmessa da mio padre Giovanni. Lui negli anni ’50 e ’60 organizzava i pullman per le trasferte. Un clima differente da oggi, un tifo diverso, genuino e comunque spontaneo. In trasferta non si andava certo nei settori ospiti, non esistevano. Non c’erano scorte, non c’era polizia e si andava in mezzo al pubblico di casa e non sempre erano atmosfere tranquille. Ancora oggi nei racconti di qualcuno più anziano sento parlare dei Pullman che organizzava mio padre. Una bella soddisfazione per me, un misto di orgoglio ed emozione. Agli inizi mio padre quasi mi trascinava allo stadio, ero piccolo. Durante la partita mi distraevo e magari giocavo a calcio con dei barattoli o con palle di carta, insomma dovevo prendere a calci qualcosa. Era il mio vizio, la mia malattia. Andavamo sempre nei settori popolari, su quei tavoloni di legno e tubi innocenti che era lo Stadio Salinella, dal 1978 “Stadio Erasmo Iacovone” dopo il mortale incidente dell’attaccante, prima dell’ammodernamento dell’85. Uno stadio dove il rumore dei piedi sui tavoloni produceva un rumore infernale. Dove quando il Taranto segnava si prendeva la “seduta”, che era di legno, e la si sbatteva ripetutamente contro la struttura di ferro del seggiolino invocando il secondo gol. Quando lo Stadio nell’85 fu ristrutturato questi seggiolini vennero buttati via… tranne uno che ho recuperato, e fa parte della mia collezione. Beh, che dire… Niko è davvero “oltre”!

“Io ero attratto da quei ragazzi che cantavano e ballavano sempre, sotto il sole e sotto l’acqua, incessantemente. Ero attratto dai tamburi, i fumogeni, le urla e i canti. Mi mandavano in estasi. Insomma erano gli “Ultras” ed io volevo essere come loro. Volevo essere uno di loro. Cominciai quindi man mano ad allontanarmi da mio padre, finché alla fine andai là in mezzo. Diventai uno di loro. Eravamo ragazzi e i nostri genitori erano preoccupati quando andavamo in trasferta. Ricordo quando andai a vedere il mio primo Derby con il Bari nell’86, al ritorno in stazione trovammo i nostri genitori ad attenderci dopo che erano stati annunciati per radio alcuni scontri tra tifoserie”.

Niko ci racconta di un calcio che non esiste più:Non esisteva materiale ufficiale all’epoca, c’era un negozio in città che si chiamava “Asso di Coppe” che produceva delle maglie con lo sponsor, la “Publiradio”, primo sponsor ufficiale della storia del Taranto e apparso nella stagione 1982/83. Allo stadio s’incontrava qualcuno con la maglia, ma erano quelle che qualche giocatore o qualche magazziniere aveva loro regalato. Intorno i diciotto anni le trasferte diventarono sempre più abituali per me e, con la squadra che regalava qualche gioia, ci venivano lanciate le maglie in curva a fine partita, un grande classico. A quel punto mi venne la fissa per la maglia, una sorta di bottino di guerra per me. Le mettevo allo stadio, le sfoggiavo, mi piaceva. Poi ho cominciato invece a ritenere questo gesto come una sorta di sacrilegio. Allora ho cominciato a conservarle in un armadietto nella mia stanza, piegate, imbustate… amate, accarezzate e coccolate. Iniziava quel meccanismo dal quale non sono più uscito e cioè quello di recuperare le maglie appunto, di collezionare. Le chiedevo a tutti, conoscenti, parenti, amici. Una corsa sfrenata cercando di accaparrare tutto ciò che capitava. Poi, con il tempo, si arriva a un bivio: o abbandoni o decidi di passare al livello successivo. Io decisi di aumentare il livello. Cominciai a cercarle in modo mirato, quasi scientifico. Iniziarono però anche le difficoltà, perché ci si cominciava a scontrare con il meccanismo del lucro e la follia di alcuni personaggi. Aumentò anche lo stress e il pressing che facevo alle persone che sapevo avevano la maglia che stavo cercando. Mi ricordo una volta che stavo in macchina con mia moglie e passammo davanti ad un centro sportivo, dove stavano giocando a calcetto. C’era un ragazzo con una maglia che mi sembrava interessante. Ho parcheggiato lasciando mia moglie in macchina, sono salito di corsa sulle scale, poi di corsa verso gli spogliatoi per arrivare al campo dove ho fermato la partita per parlare con quel ragazzo: mi resi conto che era una normalissima maglia da negozio. Mi hanno preso per pazzo. Poi ho fatto anche qualche altra pazzia, come quando ho trovato la Pouchain del 1981 e l’ho pagata … va beh non lo dico.”

“Prima dell’arrivo di internet si usava il passaparola al bar, per strada e allo stadio. Ma anche annunci su riviste o giornali. Le trattative erano più o meno lunghe ma si trovava anche chi te le regalava, come ad esempio tanti ex calciatori. C’era più cuore, più sentimento. Poi arriviamo nell’era di Internet e lo scenario cambia abbastanza. Il tutto ora si svolge sui “Social” dove ho trovato nuovi contatti per scambi e ho potuto allargare la mia collezione. Con molti collezionisti ho buoni rapporti, ma in generale le trattative sono brevissime c’è poco margine di contrattazione. Esiste ormai un grande business nel cimelio da calcio purtroppo, ho assistito a trattative esagerate anche solo per un pantaloncino. Certo un po’ è anche colpa nostra, di noi collezionisti. Ci sono quelli che vogliono una determinata cosa e, in virtù di una evidente disponibilità economica, alzano i prezzi in materia esagerata. Quello che non cambia, e che probabilmente non cambierà mai, è il susseguirsi di speranza e attesa nella trattativa”.

Ma questa storia, la storia di Niko, dove lo ha portato? Cosa ha in collezione ora?

“La mia collezione parte dal 1946/47 con una maglia che mi è stata donata dalla moglie del difensore Salvatore Tomaselli. E’ la mia prima maglia della collezione per anzianità, e lo dico con orgoglio”. Questa maglia mette i brividi … aggiungiamo noi.

“Belle e rare sono anche le maglie anni ‘60, in particolare ne ho due della stagione 1968/69 appartenute a Giuseppe Malavasi e, quella bianca, a Nando Di Stefano. Spettacolari!! Mi piacciono poi molto le UMBRO anni ’70, in particolare quelle a maniche lunghe”.

“Ho poi in collezione tre maglie di Erasmo Iacovone, il mito”, qui traspare l’emozione. Iacovone da queste parti significa qualcosa di indescrivibile, tutti sanno la sua storia, anche i bambini. La storia di un ragazzo di 26 anni che stava per diventare padre. Calciatore e Bomber di un Taranto che ambiva alla massima serie. Considerato il giocatore più forte che abbia mai vestito la maglia Rossoblu. Una vita spezzata da un incidente d’auto nel Febbraio del 1978.

(Le maglie del Mito “Erasmo Iacovone”)

“Non faccio una grandissima ricerca per le maglie degli ultimi quindici anni” aggiunge Niko, “non perché non mi interessino, ma perché in qualche modo alla fine “escono fuori”. Il difficile, dove bisogna impegnarsi davvero, è il periodo precedente. Quelle in “lanetta” poi sono difficili da recuperare, ma quando ci si riesce mi emoziono, mi vengono i brividi. Se penso quante ne sono andate distrutte per fare gli stracci per le officine c’è da impazzire”. Non è la prima volta che un collezionista ci racconta di questa “pratica” singolare, chiediamo maggiori dettagli: “Nelle officine meccaniche venivano scaricate balle di stracci per pulire arnesi e macchinari dal grasso che si accumulava. Tra questi stracci capitava di tutto, ed era frequente trovarci brandelli di maglie da calcio anche molto datate”. Una sorta di “mattanza” si potrebbe definire con gli occhi del collezionista.

“Lo scorso Settembre” ci racconta ancora Niko, “…insieme ad un altro collezionista, Carlo Esposito, e allo storico Franco Valdevies, abbiamo organizzato la mostra “Io t’Amo” nella splendida cornice del Castello Aragonese, per i 90 anni del Club. La mostra mi ha dato molto, una soddisfazione enorme. E’ il successo più grande, è stato come raggiungere un sogno, il coronamento della passione. Sono giunte tante persone: tifosi, semplici curiosi, giocatori ed ex giocatori e amici collezionisti. Alcuni hanno percorso centinaia di chilometri per poter essere presenti. Da “Pelle d’oca” sono stai i racconti delle persone più anziane che hanno raccontato le loro storie. Così come i bambini che facevano domande. Passato e futuro di questa terra. Emozione ed orgoglio per me e per noi organizzatori. E’ stato il riconoscimento di 30 anni di collezionismo, di sacrifici, di ricerche, di rinunce e di soldi spesi. Nessun rimpianto sia chiaro, ma ho un sogno, che è quello di un Museo permanente dove si possa pagare un biglietto minimo di ingresso e favorire la ricerca di “pezzi” nuovi, per la storia di questo grande club”.

Questo è il sogno di un uomo che accarezza le maglie…”Ho una grande cura per queste maglie, periodicamente gli faccio prendere aria, le piego, le guardo e ogni volta è come se fosse la prima volta. Questa è la mia emozione. Per conoscere la storia di un club, devi conoscere la storia della maglia: e questa è una maglia gloriosa!”. Questa frase ci arriva come una sentenza. Poi un pensiero alla famiglia…”Il calcio è entrato presto, prestissimo, nella mia vita, e mi ha condizionato molto. Quando hai il calcio come passione occupi molto tempo per seguirlo, spendi denaro e togli tempo alla famiglia. Ringrazio mia moglie Francesca per avermi sopportato e supportato in tutti questi anni nella mia passione”.

Salutiamo e ringraziamo per questo splendido viaggio che ci è stato concesso di poter fare: “Grazie Niko, abbiamo terminato, puoi toglierti la maglia del Taranto ora…” … la risposta non poteva che essere questa ”Ma ce’ si’ stuedeke? Non esist proprio”. 🙂

La collezione completa di Niko Molendini la potete trovare su www.lemagliedeltaranto.it

 

Classe ’68, appassionato di un calcio che non c’è più. Collezionista e Giornalista, emozionato e passionale. Ideatore de GliEroidelCalcio.com. Un figlio con il quale condivide le proprie passioni. Un buon vino e un sigaro, con la compagn(i)a giusta, per riempirsi il Cuore.

Continue Reading
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Gli Eroi del Collezionismo

FIGURINE FOREVER la 2^ edizione a Bologna

Published on

GLIEROIDELCALCIO.COM – Domani 12 gennaio a Bologna torna “Figurine Forever”, la manifestazione giunta alla sua seconda edizione. L’appuntamento per gli appassionati delle figurine è presso il grande spazio dell’Estragon Club, al Parco Nord. Lo scorso anno l’edizione fu caratterizzata, e non poteva essere diversamente, dai mondiali di calcio, mentre quest’anno il calcio sudamericano e la Panini d’oltreoceano sono i protagonisti.

Abbiamo raggiunto Gianni Bellini, il più grande collezionista al mondo di figurine dedicate al calcio e ideatore, insieme a Emiliano Nanni, di Figurine Forever:

“In primis è un’occasione per incontrarsi”, esordisce ai nostri microfoni Gianni Bellini, “…incontrarsi mentre intorno c’è una mostra, un mercatino, un luogo per scambiare i doppioni ma anche la possibilità di giocare a Subbuteo. La mostra riguarda gli album Panini dedicati alla Copa America, ma si potranno ammirare anche album dei vari campionati dei paesi latinoamericani come Brasile, Argentina, Cile, Messico, Uruguay, Perù, ecc., tutti provenienti dalla mia collezione. Ci sarà anche una parte dedicata al calcio femminile e in particolare alle Azzurre, qualificate ai mondiali di Francia 2019. Sarà poi presente un’Area espositori composta dai migliori professionisti del settore oltre ad una parte dedicata al libero scambio tra collezionisti di figurine e cards nuovi o del passato, non solo calcistici. Inoltre, la grande novità di questa edizione di Figurine Forever, ci sarà l’area dimostrativa Subbuteo che, grazie alla collaborazione con Bologna Tigers, permetterà di apprezzare durante tutta la giornata la magia di questo gioco con partite ed esibizioni del club felsineo. Alle ore 11:30 avrà inizio un talk show condotto da Giorgio Comaschi, che vede tra i partecipanti gli ex calciatori Eraldo Pecci e Franco Colomba, l’attore Andrea Santonastaso e Carlo Alberto Cenacchi autore del libro ENEAS. Insomma un fitto programma per una giornata speriamo indimenticabile”.

Gianni è davvero emozionato e preso dall’evento e ci tiene a farci una precisazione: “Questa manifestazione è nata intorno ad un tavolo di un Bar e piano piano sta diventando importante. Come importante è la collaborazione con l’Istituto Ramazzini, infatti l’intero ricavato della giornata sarà devoluto alla ricerca e alla prevenzione del cancro. Venite, divertiamoci e facciamo anche un’opera buona. Mi sembra giusto”.

Allora se domani siete a Bologna…

Grazie Gianni

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Continue Reading

Gli Eroi del Collezionismo

A Ostia arriva il “Viaggio con la storia del calcio”

Published on

GLIEROIDELCALCIO.COM (Federico Baranello) – Dal 12 di Gennaio a Ostia, presso il Litus Roma Hostel, avrà luogo la mostra itinerante denominata “Viaggio con la storia del calcio”. Il percorso, giunto alla tredicesima tappa, è un’esposizione di cimeli della storia dei Mondiali dal 1930 ad oggi, dove è possibile “incontrare” le maglie dei campioni del passato che consentiranno di ripercorrere oltre novant’anni di storia del calcio nazionale e internazionale. Tra gli oggetti esposti, oltre duemila reliquie, è possibile ammirare il pallone usato in Scozia-Inghilterra del 1872, prima partita internazionale giocata, i palloni e gli scarpini utilizzati nel primo Mondiale di calcio del 1930 oltre le maglie autentiche di “Campioni senza tempo” quali Cruijff, Maradona, Pelé e Falcao. Tutto il materiale esposto racconterà, come già accaduto nelle altre sedi dove la mostra ha fatto tappa, la storia del calcio ma anche quella del “Bel Paese”. La mostra sarà inaugurata il 12 gennaio alle ore 11,00 alla presenza del Presidente Nazionale Aics Bruno Molea, del Presidente del X Municipio Giuliana Di Pillo e dall’Assessore allo Sport e cultura Silvana Denicolò e resterà aperta sino a domenica 27 gennaio. Inoltre per l’occasione la mostra vedrà ulteriori due sezioni dedicate alla Lazio e alla Roma grazie alla collaborazione di Lazio 100 e all’Unione Tifosi Romanisti che esporranno ulteriori cimeli delle due compagini romane.

 

Continue Reading

Gli Eroi del Collezionismo

“Football Memorabilia”: Internet Live il 13 Dicembre. Giulio Filippo Bolaffi, A.D. dell’omonima casa d’aste, racconta la terza vendita all’incanto in questo settore

Published on

GLIEROIDELCALCIO.COM (Federico Baranello) – Anche quest’anno, il terzo di seguito, i collezionisti, gli appassionati di calcio e della sua storia, i tifosi ma anche “semplici” investitori, avranno la loro asta dedicata ai cimeli del calcio sul sito Astebolaffi.it. Infatti, la famosa e prestigiosa casa d’aste decide di investire ancora, e in maniera più convinta e decisa, nella memorabilia del gioco più bello del mondo. Il calcio, che muove interessi e sentimenti, si conferma ancora una strada che la casa d’aste ha intenzione di continuare a percorrere e esplorare. Un viaggio che cerchiamo di capire e scoprire con l’Amministratore Delegato, nonché Presidente, della stessa casa organizzatrice della vendita all’incanto, Giulio Filippo Bolaffi.

“Questa terza asta è un logico proseguimento del cammino intrapreso tre anni or sono” ci dice Bolaffi, “Nella prima ci ritrovammo a sfruttare alcune circostanze contingenti che ci avevano portato, ai margini di una trattativa molto diversa, allo Statuto di fondazione del Milan del 1900. Riuscimmo a predisporre la prima vendita all’incanto del genere in Italia ma con pochi “pezzi” tra cui, oltre al già citato Statuto, la maglia di Gigi Riva dello storico scudetto sardo, la maglia di Zoff della stagione 1977/78. L’asta, che comunque fu un gran successo, conteneva una ventina di lotti circa: andarono tutti venduti. A quel punto ci abbiamo creduto e abbiamo pensato di continuare con la seconda asta lo scorso anno: 83 lotti, tra cui una collezione di gagliardetti appartenuti all’arbitro Daniele Tombolini, la maglia di Saadi Gheddafi, figlio del dittatore libico, alcune maglie appartenute ad Andrea Agostinelli, ex giocatore della Lazio e non solo, tra cui una maglia di Maradona. Inoltre anche la maglia di Riva dei “Mondiali” del 1974 e i guanti di Dino Zoff utilizzati durante il Mundial vincente di Spagna ’82, oltre alla splendida maglia del Brasile di Pelè indossata nel 1971. Insomma fu qualcosa di più strutturato rispetto alla prima. L’asta attuale, come poc’anzi detto, è l’asta del consolidamento, delle certezze ma anche delle speranze. Un campo in cui abbiamo investito creando un apposito dipartimento strutturato e con un responsabile. Insomma una sola asta annuale, al momento, ma scadenzata e nota al mercato e per la quale si lavora costantemente. Pian piano ci stiamo creando la nostra autorevolezza in questo settore e le persone ci contattano sempre più per affidarci le loro collezioni. Abbiamo infatti valutato nel corso di quest’ultimo anno molti più oggetti. Ovviamente, come anche negli altri settori, abbiamo svolto una cernita importante scartando oggetti non degni o di dubbia provenienza, oppure perché abbiamo ritenuto che non avessero “dignità collezionistica” o semplicemente erano rovinati o danneggiati. Insomma noi eseguiamo costantemente delle valutazioni in ambito qualità e autenticità. Poi capita anche che gli oggetti rispettino tutti gli standard da noi ritenuti imprescindibili ma semplicemente poi non si trovano gli accordi con i relativi proprietari. In questa asta proponiamo oltre 200 lotti composti da una grande varietà di oggetti”. Qui la voce di Filippo Bolaffi assume un tono pregno di soddisfazione…Abbiamo tra i nostri lotti il contratto, il primo da professionista, di un giovanissimo Boniperti, ceduto alla società F.C. Juventus dal club dilettantistico A.C. Momo, con le firme autografe del giocatore, dei rappresentanti dei due club e della F.I.G.C. Il contratto presenta due curiosi errori di battitura, uno sul nome di battesimo, Gianpiero anziché Giampiero, e l’altro sulla data di nascita, 14 luglio, anziché 4 luglio. Un documento che definirei romantico, di un calcio ormai purtroppo troppo lontano. Inoltre è presente anche una pittura ad olio di Gigi Meroni, grande genio calcistico del Torino. Il calciatore era famoso per la sua eccentricità fuori dal campo espressa anche con la pittura. Il quadro viene venduto accompagnato da numerose fotografie di Meroni nella sua vita privata e non, tra cui una con la sua famosa “gallina da passeggio”. Inoltre abbiamo importanti “pezzi” della Juventus anni ‘80 come la maglia di Michael Laudrup nella rara versione gialloblu, la maglia indossata da Gaetano Scirea nella stagione 1985/86 e la maglia di Platini della stagione 1984-85. Siamo poi entrati in possesso di una selezione di maglie del giocatore degli anni ‘60 Mario Trebbi, come quella del Benfica indossata dal difensore Raul Machado durante la finale della Coppa dei Campioni 1962-63 contro il Milan e scambiata proprio con Trebbi a fine gara. Un pezzo da Museo. Stessa provenienza per la maglia Crylor della Società Sportiva Monza 1912, rossa con banda bianca verticale e stemma del club, indossata da Mario Trebbi durante le stagioni 1969-73. Inoltre anche la seconda maglia del Napoli indossata da Maradona, nell’unica volta della sua carriera in cui giocò con il numero 9, avendo in quell’occasione ceduto la sua 10 all’erede designato, un giovanissimo Gianfranco Zola. Presenti anche altri cimeli quali fotografie autografate, programmi ufficiali e svariate maglie delle nazionali, tra cui alcune dell’Italia come quella di Albertosi”.

Insomma pezzi importanti, esclusivi che donano prestigio alla casa Bolaffi. Un’asta che ancora non muove i volumi di quelle in altri settori, ma …” l’asta fa parlare molto di se”, continua l’A.D., “anche se non è la più importante al momento in termini economici. È proprio questa la differenza con altre aste più consolidate, il calcio ha una cassa di risonanza enorme, riesce a far parlare di se in modo importante. Anche in azienda si respira un’aria diversa perché si entra in contatto con degli oggetti, come le maglie ad esempio, che suscitano a tutti delle emozioni, anche se non sei un collezionista. Inoltre anche in azienda capita di incontrare persone più o meno note nell’ambito del mondo del calcio e questo rende il settore e questa asta più “sexy” di altre. Non a caso anche le richieste di interviste si moltiplicano in questo periodo”. Poi una precisazione: “Il calcio si conferma come un mercato in cui vogliamo dire la nostra. Un mercato ancora poco conosciuto ma che crediamo possa crescere. E la crescita passa anche attraverso una “educazione all’asta”, perché si tratta di una modalità molto diversa dalle altre”.  

Ora non ci resta che attendere il 13 Dicembre. Manca poco.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Qui puoi trovare il catalogo completo dell’asta

Continue Reading

più letti

WP-Backgrounds Lite by InoPlugs Web Design and Juwelier Schönmann 1010 Wien
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: