Connect with us

Gli Eroi del Collezionismo

TARANTO AMORE MIO: la collezione di maglie di Niko MOLENDINI

Published on

IOGIOCOPULITO.IT (Federico Baranello) – Il Mar Grande le bagna la costa esterna, il Mar Piccolo quella interna: siamo a Taranto, la “Città dei due Mari”. Siamo in una città dalle origini antichissime, fondata dagli Spartani e in seguito divenuta colonia della Magna Grecia. Conosciuta anche come “Terra dei delfini” per un antichissimo insediamento di cetacei proprio di fronte, tra gli isolotti di San Pietro e San Paolo. Il delfino quindi assurge a simbolo della città, un simbolo entrato anche nella rappresentazione e logo del Taranto Calcio. Una storia molto travagliata, quella del Club, negli ultimi decenni. Una storia nata nel Luglio del 1927 dalla fusione dell’U.S. Pro Italia e la Audace Foot Ball Club che diede vita all’Associazione Sportiva Taranto. Un club avvolto dalla passione e dall’amore per questi due colori, il rosso e il blu. Colori che hanno riempito, e continuano a riempire, la vita di Niko Molendini, collezionista di maglie del Taranto.

Lo abbiamo raggiunto per farci raccontare la sua passione e la sua “impressionante” collezione.

Niko ha quarantacinque anni (suonati dice lui), sposato con Francesca, e lavora nell’ambito dell’abbigliamento. “Ho una vita normalissima” ci dice Niko, “…famiglia, lavoro, pesca e… Taranto. Amo questa città in tutte le sue sfaccettature”. Niko inizia a elencare i luoghi della sua città: un elenco appassionato che parte dalle Colonne Doriche, sino al Castello Aragonese per poi attraversare il Ponte girevole di San Francesco di Paola che unisce la Città Nuova e la Città Vecchia. Un ponte citato anche da D’Annunzio in “Laudi del Cielo del Mare della Terra e degli Eroi”: “Ma sul ferrato Cardine il tuo Ponte gira e del ferro il tuo Canal rintrona”.

“Ricordo il mio quartiere, Italia Montegranaro, e i luoghi della mia infanzia. Indelebili in me sono le partite a pallone per la strada”, prosegue Niko, “quelle partite che non terminavano mai, con il campo disegnato a terra con i gessi. Le porte erano le saracinesche, o due giubbotti o due sassi. Quanti palloni abbiamo recuperato sotto le macchine in sosta, e quante volte ci siamo invece fermati per far passare le auto per poi ricominciare. Divenuto più grande cominciai a giocare nell’Oratorio di San Giovanni Bosco, un oratorio storico”.

La voce si fa più intensa, commossa: “La passione per questi colori mi è stata trasmessa da mio padre Giovanni. Lui negli anni ’50 e ’60 organizzava i pullman per le trasferte. Un clima differente da oggi, un tifo diverso, genuino e comunque spontaneo. In trasferta non si andava certo nei settori ospiti, non esistevano. Non c’erano scorte, non c’era polizia e si andava in mezzo al pubblico di casa e non sempre erano atmosfere tranquille. Ancora oggi nei racconti di qualcuno più anziano sento parlare dei Pullman che organizzava mio padre. Una bella soddisfazione per me, un misto di orgoglio ed emozione. Agli inizi mio padre quasi mi trascinava allo stadio, ero piccolo. Durante la partita mi distraevo e magari giocavo a calcio con dei barattoli o con palle di carta, insomma dovevo prendere a calci qualcosa. Era il mio vizio, la mia malattia. Andavamo sempre nei settori popolari, su quei tavoloni di legno e tubi innocenti che era lo Stadio Salinella, dal 1978 “Stadio Erasmo Iacovone” dopo il mortale incidente dell’attaccante, prima dell’ammodernamento dell’85. Uno stadio dove il rumore dei piedi sui tavoloni produceva un rumore infernale. Dove quando il Taranto segnava si prendeva la “seduta”, che era di legno, e la si sbatteva ripetutamente contro la struttura di ferro del seggiolino invocando il secondo gol. Quando lo Stadio nell’85 fu ristrutturato questi seggiolini vennero buttati via… tranne uno che ho recuperato, e fa parte della mia collezione. Beh, che dire… Niko è davvero “oltre”!

“Io ero attratto da quei ragazzi che cantavano e ballavano sempre, sotto il sole e sotto l’acqua, incessantemente. Ero attratto dai tamburi, i fumogeni, le urla e i canti. Mi mandavano in estasi. Insomma erano gli “Ultras” ed io volevo essere come loro. Volevo essere uno di loro. Cominciai quindi man mano ad allontanarmi da mio padre, finché alla fine andai là in mezzo. Diventai uno di loro. Eravamo ragazzi e i nostri genitori erano preoccupati quando andavamo in trasferta. Ricordo quando andai a vedere il mio primo Derby con il Bari nell’86, al ritorno in stazione trovammo i nostri genitori ad attenderci dopo che erano stati annunciati per radio alcuni scontri tra tifoserie”.

Niko ci racconta di un calcio che non esiste più:Non esisteva materiale ufficiale all’epoca, c’era un negozio in città che si chiamava “Asso di Coppe” che produceva delle maglie con lo sponsor, la “Publiradio”, primo sponsor ufficiale della storia del Taranto e apparso nella stagione 1982/83. Allo stadio s’incontrava qualcuno con la maglia, ma erano quelle che qualche giocatore o qualche magazziniere aveva loro regalato. Intorno i diciotto anni le trasferte diventarono sempre più abituali per me e, con la squadra che regalava qualche gioia, ci venivano lanciate le maglie in curva a fine partita, un grande classico. A quel punto mi venne la fissa per la maglia, una sorta di bottino di guerra per me. Le mettevo allo stadio, le sfoggiavo, mi piaceva. Poi ho cominciato invece a ritenere questo gesto come una sorta di sacrilegio. Allora ho cominciato a conservarle in un armadietto nella mia stanza, piegate, imbustate… amate, accarezzate e coccolate. Iniziava quel meccanismo dal quale non sono più uscito e cioè quello di recuperare le maglie appunto, di collezionare. Le chiedevo a tutti, conoscenti, parenti, amici. Una corsa sfrenata cercando di accaparrare tutto ciò che capitava. Poi, con il tempo, si arriva a un bivio: o abbandoni o decidi di passare al livello successivo. Io decisi di aumentare il livello. Cominciai a cercarle in modo mirato, quasi scientifico. Iniziarono però anche le difficoltà, perché ci si cominciava a scontrare con il meccanismo del lucro e la follia di alcuni personaggi. Aumentò anche lo stress e il pressing che facevo alle persone che sapevo avevano la maglia che stavo cercando. Mi ricordo una volta che stavo in macchina con mia moglie e passammo davanti ad un centro sportivo, dove stavano giocando a calcetto. C’era un ragazzo con una maglia che mi sembrava interessante. Ho parcheggiato lasciando mia moglie in macchina, sono salito di corsa sulle scale, poi di corsa verso gli spogliatoi per arrivare al campo dove ho fermato la partita per parlare con quel ragazzo: mi resi conto che era una normalissima maglia da negozio. Mi hanno preso per pazzo. Poi ho fatto anche qualche altra pazzia, come quando ho trovato la Pouchain del 1981 e l’ho pagata … va beh non lo dico.”

“Prima dell’arrivo di internet si usava il passaparola al bar, per strada e allo stadio. Ma anche annunci su riviste o giornali. Le trattative erano più o meno lunghe ma si trovava anche chi te le regalava, come ad esempio tanti ex calciatori. C’era più cuore, più sentimento. Poi arriviamo nell’era di Internet e lo scenario cambia abbastanza. Il tutto ora si svolge sui “Social” dove ho trovato nuovi contatti per scambi e ho potuto allargare la mia collezione. Con molti collezionisti ho buoni rapporti, ma in generale le trattative sono brevissime c’è poco margine di contrattazione. Esiste ormai un grande business nel cimelio da calcio purtroppo, ho assistito a trattative esagerate anche solo per un pantaloncino. Certo un po’ è anche colpa nostra, di noi collezionisti. Ci sono quelli che vogliono una determinata cosa e, in virtù di una evidente disponibilità economica, alzano i prezzi in materia esagerata. Quello che non cambia, e che probabilmente non cambierà mai, è il susseguirsi di speranza e attesa nella trattativa”.

Ma questa storia, la storia di Niko, dove lo ha portato? Cosa ha in collezione ora?

“La mia collezione parte dal 1946/47 con una maglia che mi è stata donata dalla moglie del difensore Salvatore Tomaselli. E’ la mia prima maglia della collezione per anzianità, e lo dico con orgoglio”. Questa maglia mette i brividi … aggiungiamo noi.

“Belle e rare sono anche le maglie anni ‘60, in particolare ne ho due della stagione 1968/69 appartenute a Giuseppe Malavasi e, quella bianca, a Nando Di Stefano. Spettacolari!! Mi piacciono poi molto le UMBRO anni ’70, in particolare quelle a maniche lunghe”.

“Ho poi in collezione tre maglie di Erasmo Iacovone, il mito”, qui traspare l’emozione. Iacovone da queste parti significa qualcosa di indescrivibile, tutti sanno la sua storia, anche i bambini. La storia di un ragazzo di 26 anni che stava per diventare padre. Calciatore e Bomber di un Taranto che ambiva alla massima serie. Considerato il giocatore più forte che abbia mai vestito la maglia Rossoblu. Una vita spezzata da un incidente d’auto nel Febbraio del 1978.

(Le maglie del Mito “Erasmo Iacovone”)

“Non faccio una grandissima ricerca per le maglie degli ultimi quindici anni” aggiunge Niko, “non perché non mi interessino, ma perché in qualche modo alla fine “escono fuori”. Il difficile, dove bisogna impegnarsi davvero, è il periodo precedente. Quelle in “lanetta” poi sono difficili da recuperare, ma quando ci si riesce mi emoziono, mi vengono i brividi. Se penso quante ne sono andate distrutte per fare gli stracci per le officine c’è da impazzire”. Non è la prima volta che un collezionista ci racconta di questa “pratica” singolare, chiediamo maggiori dettagli: “Nelle officine meccaniche venivano scaricate balle di stracci per pulire arnesi e macchinari dal grasso che si accumulava. Tra questi stracci capitava di tutto, ed era frequente trovarci brandelli di maglie da calcio anche molto datate”. Una sorta di “mattanza” si potrebbe definire con gli occhi del collezionista.

“Lo scorso Settembre” ci racconta ancora Niko, “…insieme ad un altro collezionista, Carlo Esposito, e allo storico Franco Valdevies, abbiamo organizzato la mostra “Io t’Amo” nella splendida cornice del Castello Aragonese, per i 90 anni del Club. La mostra mi ha dato molto, una soddisfazione enorme. E’ il successo più grande, è stato come raggiungere un sogno, il coronamento della passione. Sono giunte tante persone: tifosi, semplici curiosi, giocatori ed ex giocatori e amici collezionisti. Alcuni hanno percorso centinaia di chilometri per poter essere presenti. Da “Pelle d’oca” sono stai i racconti delle persone più anziane che hanno raccontato le loro storie. Così come i bambini che facevano domande. Passato e futuro di questa terra. Emozione ed orgoglio per me e per noi organizzatori. E’ stato il riconoscimento di 30 anni di collezionismo, di sacrifici, di ricerche, di rinunce e di soldi spesi. Nessun rimpianto sia chiaro, ma ho un sogno, che è quello di un Museo permanente dove si possa pagare un biglietto minimo di ingresso e favorire la ricerca di “pezzi” nuovi, per la storia di questo grande club”.

Questo è il sogno di un uomo che accarezza le maglie…”Ho una grande cura per queste maglie, periodicamente gli faccio prendere aria, le piego, le guardo e ogni volta è come se fosse la prima volta. Questa è la mia emozione. Per conoscere la storia di un club, devi conoscere la storia della maglia: e questa è una maglia gloriosa!”. Questa frase ci arriva come una sentenza. Poi un pensiero alla famiglia…”Il calcio è entrato presto, prestissimo, nella mia vita, e mi ha condizionato molto. Quando hai il calcio come passione occupi molto tempo per seguirlo, spendi denaro e togli tempo alla famiglia. Ringrazio mia moglie Francesca per avermi sopportato e supportato in tutti questi anni nella mia passione”.

Salutiamo e ringraziamo per questo splendido viaggio che ci è stato concesso di poter fare: “Grazie Niko, abbiamo terminato, puoi toglierti la maglia del Taranto ora…” … la risposta non poteva che essere questa ”Ma ce’ si’ stuedeke? Non esist proprio”. 🙂

La collezione completa di Niko Molendini la potete trovare su www.lemagliedeltaranto.it

 

Classe ’68, appassionato di un calcio che non c’è più. Collezionista e Giornalista, emozionato e passionale. Ideatore de GliEroidelCalcio.com. Un figlio con il quale condivide le proprie passioni. Un buon vino e un sigaro, con la compagn(i)a giusta, per riempirsi il Cuore.

Gli Eroi del Collezionismo

Un “Goal” per l’Università: quando “il collezionismo” finanzia la ricerca

Published on

GLIEROIDELCALCIO.COM (Federico Baranello) – Da venerdi 16 a domenica 18 novembre, presso la splendida cornice dell’Aula Magna dell’Università degli studi di Pavia, Football – Collection Italy si mette in mostra per sostenere il progetto “DiVino Argento”

“Il progetto”, ci dice la dottoressa Barbara Vigani del Dipartimento di Scienze del Farmaco di UNIPV, “nasce dalla collaborazione tra il Dipartimento di Chimica e quello di Scienze del Farmaco e coniuga la tradizione, campagna e cultura del vino, con la Chimica sicura, la Green Chemistry. Si basa infatti sullo sfruttamento della capacità che possiedono alcune sostanze naturali provenienti dai prodotti di scarto della lavorazione dell’uva, le classiche vinacce, di trasformare i sali d’argento in nanoparticelle d’argento per il trattamento delle ulcere cutanee gravi. In questo modo anche uno scarto agroalimentare sarà valorizzato e non sarà considerato solo un rifiuto da smaltire. I fondi raccolti verranno interamente utilizzati per finanziare borse di studio, che sono i nostri goal, di giovani ricercatori. Un primo goal, al raggiungimento di 12.500 Euro, consentirà di finanziare una borsa di studio di sei mesi per un giovane ricercatore. Ovviamente al raggiungimento di importi più elevati si potrà finanziare un periodo maggiore o assegnare più borse di studio”.

Ringraziando la Dottoressa Vigani per la sua cortesia, ci chiediamo: come possono le maglie da calcio finanziare la ricerca? “Siamo orgogliosi e fieri” ci dice Massimiliano Scali di Football – Collection Italy, “di poter mettere a disposizione di un fine così nobile la nostra collezione di maglie. Faremo un’esposizione nella splendida Aula Magna dell’Università di Pavia dal 16 al 18 novembre. Ci sarà la possibilità, tramite un piccolo contributo, di poter visionare una buona parte della nostra collezione di maglie degli anni ’60, ’70 e ’80 oltre ad altri cimeli storici. Inoltre ci sarà l’opportunità, più unica che rara, di poter vestire e farsi fotografare con le maglie originali dei campioniSaranno tre giorni molto impegnativi dove gli appuntamenti si susseguiranno con un ritmo davvero incalzante. Interverranno, tra gli altri, i figli di Mario Trebbi, indimenticabile difensore del Milan con cui vinse due scudetti e una Coppa dei Campioni a cavallo degli anni ’50 e ’60. Interverranno telefonicamente anche gli ex calciatori Pelagalli e Pasinato dando vita ad un Derby a distanza, oltre a Pierino Prati e Giovanni Lodetti che ci hanno confermato la loro presenza. Ma non mancheranno altri ospiti… Ci sarà poi anche “Tutto il calcio… minuto per minuto” con le voci dei telecronisti storici imitati da Roberto Valentino. In questi giorni poi, per annunciare ai pavesi l’evento, abbiamo trovato la disponibilità di alcuni negozianti che ci hanno concesso di poter utilizzare le loro vetrine per esporre alcune maglie: devo dire che anche questa è una particolarità nella già particolare collaborazione tra noi e l’Università. Tra le tante maglie che i visitatori potranno incontrare possiamo annunciare che esporremo la maglia della Nazionale italiana alle Olimpiadi di Roma del ’60 e tante tante altre sorprese. L’iniziativa è nobile e invito tutti all’università per contribuire alla ricerca. Siamo tutti speranzosi per l’iniziativa e per quel che riguarda me e Roberto, il mio socio, abbiamo cercato di prepararla nel migliore dei modi. La certezza è quella di aver dato il massimo”.

Ora non resta che andare a Pavia …

Il Programma:

Continue Reading

Gli Eroi del Collezionismo

Mezzo Secolo d’Azzurro – La mostra itinerante di Mauro Grimaldi (VIDEO)

Published on

GLIEROIDELCALCIO.COM (Federico Baranello – Paolo Laurenza) – Siamo andati a trovare Mauro Grimaldi, vice presidente della Lega Pro, di fatto ormai il Presidente, presso lo spazio eventi del Carré Français a Roma dove è stata allestita la mostra Mezzo Secolo d’Azzurro, curata da Grimaldi stesso. L’occasione di incontrarlo deriva anche dalla presentazione della sua ultima fatica letteraria, il libro storico La Nazionale del Duce, uno spaccato sul calcio, sulla propaganda e sullo sport del Ventennio.

Alla mostra si può ammirare il pallone con il quale l’Italia vinse in Francia nel 1938 il Campionato mondiale di calcio e ci sono i giornali originali dei primi anni del ‘900 che raccontano le imprese dei calciatori azzurri. Si respira aria di leggenda in questa sala dove il calcio non è visto solo come sport ma descrive un popolo, una nazione, una storia, tra palloni, foto, tessere e biglietti.

La mostra, promossa dall’Associazione Sant’Anna di Aldo Rossi Merighi e con il patrocinio ANCI Liguria e Piemonte, Lega Pro e Lega Dilettanti, sarà a Roma sino al 21 ottobre per poi divenire itinerante in numerose città italiane.

Mauro Grimaldi ci ha lasciato alcune dichiarazioni sugli obiettivi che la mostra si propone e ci anticipa alcune delle piazze che verranno “toccate” dalla manifestazione. Non perdetevi il video…

Gli Eroi del Calcio

Federico Baranello – Paolo Laurenza

Continue Reading

Gli Eroi del Collezionismo

Passione e nostalgia…la collezione dedicata all’Udinese di Antonello Schiavello

Published on

GLIEROIDELCALCIO.COM (Federico Baranello) – “La passione per il collezionismo la coltivo sin da piccolo quando, con mio padre, andavo a vedere le partite casalinghe dell’Udinese, la squadra della mia città d’origine. Erano gli anni ‘70 e ricordo con nostalgica memoria, che conservavo gelosamente tutti i biglietti e i programmi delle partite cui assistevo”.

Inizia così il nostro incontro con Antonello Schiavello, tifosissimo e collezionista di cimeli dei bianconeri friulani.

Antonello è un cinquantaduenne di Udine, trasferitosi a Levane in provincia di Arezzo nel 1995 per “inseguire i suoi sogni”: l’amore per Lucia, sua moglie. Ora è perfettamente integrato in questa sua “seconda” terra, che l’ha accolto e alla quale è grato, pur mantenendo una sana nostalgia verso la terra d’origine. E proprio la nostalgia ricorre nelle parole e nel tono di quest’uomo, una voce pacata, ma ferma e decisa: “Sono cresciuto dando calci ad un pallone, com’era normale all’epoca per dei bambini. Collezionavo le figurine e ascoltavo “Tutto il calcio minuto per minuto”. Giocavamo a pallone in cortile sotto casa nella piazzetta antistante dove c’era un negozio di abbigliamento, la cui vetrina, protetta dalla saracinesca, era la nostra porta. Di tanto in tanto facevamo suonare l’allarme a forza di pallonate. Non è necessario raccontare i danni fatti e i rimproveri presi nel corso del tempo. Ovviamente quello era uno dei tanti luoghi dove passavamo il tempo con il nostro miglior amico: il pallone. Si giocava ovunque ci fossero due metri di terra o di prato. Ci si andava a dormire con il pallone. Quando poi ero più grandicello, ci si affrontava tra squadre di quartiere dando vita così a dei tornei bellissimi. Poi andai a giocare con il “San Gottardo di Udine”, ero un’ala sinistra, ero bravo eh…”. Vista la serietà che riconosciamo al nostro interlocutore, c’è da credergli.

“Purtroppo non andavo bene a scuola”, continua Antonello, “e la mia famiglia mi fece lasciare il calcio, a me che avevo in testa solo quello. Con mio padre andavamo al vecchio Stadio Moretti a vedere l’Udinese, anche se io all’epoca avevo una grandissima passione per il Milan, ammiravo Gianni Rivera. In quel periodo, un giorno, senza sapere come, sono riuscito a entrare dentro lo spogliatoio del Milan. Certo non c’erano gli sbarramenti che ci sono ora, quindi immagino sia stato più facile. Mi riportarono fuori Albertosi e Rivera: incredibile. In quegli anni l’Udinese era in serie C ed io andavo a vedere alcune amichevoli di prestigio. Poi la promozione in B del 1977/78 e quella in A del 1978/79. Poi arrivò Zico, e il mondo non fu più come prima… cominciai a frequentare la curva e seguire il movimento Ultrà, pur rimanendone sempre un po’ defilato. In maniera inconsapevole cominciai a raccogliere da terra anche i tagliandi usati da altri spettatori, oltre a conservare i miei. Non sapevo ancora che proprio grazie a quei primi biglietti sarebbe iniziato il mio fantastico viaggio all’interno di un mondo affascinante, pregno di passione autentica: il mondo del collezionismo. Un viaggio che ancora sto facendo. All’epoca non esisteva il collezionismo o comunque non era diffuso, oggi invece è diventato un business e qualcuno cerca di approfittarsi della nostra passione provando a ingannare i veri collezionisti”. C’è sincero rammarico per questo da parte di Antonello.

“Mi sono reso conto di essere un collezionista nei primi anni ’90, quando ho cominciato a guardare le cose che avevo accumulato. Non l’ho deciso di collezionare, mi ci sono ritrovato piano piano. Da quel momento, cioè da quando ho realizzato di esserlo, ho iniziato ad avere un approccio metodico”. Una metodologia che ha portato Antonello ad avere oltre 300 maglie da gioco indossate, 200 distintivi, 150 gagliardetti, palloni, scarpe, statue, sciarpe, libri, giornali e riviste, 1500 tra cartoline e fotografie, monete e medaglie e materiale della Curva Nord.

Nella collezione sono presenti anche le Tessere degli anni ’20 e biglietti oltre a tute, figurine e abbonamenti.

Questo slideshow richiede JavaScript.

“Tra le maglie che valgono di più, c’è sicuramente quella di Zico utilizzata a Torino contro la Juventus nell’83/84, quella blu, bellissima. Ho ricevuto tante richieste e offerte per quella maglia, ma per me conta il valore affettivo non quello economico. Altro pezzo cui sono molto legato è il contratto di un giocatore che qualcuno ha anche definito “bidone” e/o “meteora, ha avuto invece una media partita ottima: Herbert Neumann. Sono riuscito a recuperare il suo contratto relativo alla stagione 1980/81, con l’importo ben visibile, 100 milioni del vecchio conio, e le firme oltre che del giocatore anche dell’Amministratore Delegato dell’Udinese che all’epoca era Franco Dal Cin. Un “pezzo” a cui sono legato molto più che a una maglia, davvero importante per me”. Qui Antonello fa una pausa, evidentemente si gode ancora questa reliquia dopo averne parlato. A domanda precisa poi risponde: “Il mio sogno? Una maglia anni 40 … questo è il mio desiderio da collezionista dell’Udinese. Colgo anche l’occasione per ringraziare mia moglie Lucia, davvero una pazienza infinita. E’ lei che durante le mostre mi aiuta, mi supporta e mi sopporta. Certo, quando vede che ancora arriva della corrispondenza con delle “cose” si domanda “Ma dove le mettiamo? … prima o poi dovremmo uscire noi da casa”.

 

Antonello ha una collezione spaventosa, ed è anche molto scrupoloso come lui stesso ammette: “Sono molto pignolo, per esempio le figurine devono essere tutte originali con la velina, nessuna da recupero entra nella mia collezione. Discorso diverso ovviamente per quelle che si attaccavano con la colla”.

Il nostro amico poi si sofferma su una “sezione” molto particolare della sua collezione…”Si tratta di qualcosa di unico nel suo genere, firmata subbuteo. Dal 1896, anno di nascita dell’Udinese, e sino ad oggi, ho conferito incarico a un maestro di Firenze di ricreare, fedelmente in ogni particolare, un giocatore del Subbuteo per ogni stagione sportiva con la maglia della società friulana. Inoltre, ho fatto creare altre “pedine” con le seconde, terze e maglie speciali, nonché i palloni particolari e storici utilizzati dalla squadra. Ora possiedo una preziosissima e unica “storia della maglia” dell’Udinese in versione subbuteo. Credo davvero di essere l’unico collezionista in Italia a possedere una simile raccolta. Chiaramente nei prossimi anni la collezione sarà aggiornata con la creazione di nuovi “calciatori” che vestiranno le nuove maglie”. 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Nel 2016 il nostro amico ha anche organizzato una mostra: “A Montevarchi, provincia di Arezzo, ho voluto rendere omaggio al club in occasione dei suoi 120 anni di storia. Una mostra importante per me in un contesto che non era nella regione di appartenenza della squadra, credo caso più unico che raro, sicuramente insolito. Per me è stato importante far conoscere una realtà diversa dalla Fiorentina ai ragazzi, infatti, sono venute molte scuole calcio locali, oltre a ex calciatori come Calori e “Ciccio” Graziani. Insomma mi sono ritrovato in molti servizi media-giornalistici della regione, un grande successo e una soddisfazione enorme. Per l’occasione mi sono premurato di offrire alcuni prodotti tipici friulani. Insomma per alcuni giorni il Friuli è stato in Toscana”.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Quello che per noi è assolutamente chiaro è che quel bambino che raccoglieva da terra i biglietti delle partite esiste ancora. È nascosto dietro le sembianze di un uomo, ma è ancora lì. Quel bambino non perde occasione per incrementare la sua raccolta e accorciare in qualche modo la distanza con la sua terra d’origine. Un rapporto con la sua collezione, e gli oggetti a essa riferiti, che vanno oltre il semplice possesso, un legame che allevia la nostalgia.

“Grazie a questa mia passione ho avuto la possibilità di conoscere tantissima gente appassionata con la quale condividere idee e realizzare progetti più o meno importanti. Ho conosciuto tanti ex calciatori e dirigenti dell’Udinese tramite i quali sono riuscito ad avere alcuni oggetti o maglie. E poi la mia costante e mirata ricerca in ogni “dove”.

“Udinese nella pelle, per la vita e, domani lassù… nel paradiso fra le stelle…” (Antonello Schiavello)

Nello SlideShow ancora tanti oggetti della collezione di Antonello, e parliamo di una piccolissima parte…

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Continue Reading

più letti

WP-Backgrounds Lite by InoPlugs Web Design and Juwelier Schönmann 1010 Wien
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: