Dino Alinei: il Napoli e la sua collezione…Anema e Core!

IOGIOCOPULITO.IT (Federico Baranello) – Napoli è sinonimo di storia, cultura, politica, economia, arte e natura. E’ sinonimo di musica, teatro e buona cucina. Napoli è la fantasia al potere, conosciuta in tutto il mondo con le sue stravaganze, bellezze e contraddizioni che la rendono unica. Napoli è la città del sole e del mare, che abbraccia uno dei golfi tra i più belli e celebrati al mondo. Se si pensa poi a Napoli con l’occhio di chi segue il calcio, non si può non pensare a Maradona che con la città ha creato un binomio indissolubile: Campá cu te, sempe cu te, pe’ nun muri’! Un Amore mai sopito quello dei napoletani per “El Pibe de Oro”, un amore grande come quello che prova Dino Alinei per il suo Napoli.

Dino Alinei e Vinicio
 Dino ha sessantasei anni, è un Medico Radiologo, “fidanzato con Fedora quando ancora le figurine si attaccavano con la colla e sposato poi nel 1977” ci dice. Dino non è tifoso del Napoli, lui con il Napoli ci fa l’amore…”Cominciai a frequentare lo stadio all’età di quattro anni sulle spalle di mio padre: era Napoli – Torino del 1955 (2-2), allo stadio al Vomero, prima di campionato ed esordio per Vinicio. Dopo 2’ Vinicio segna. Ero piccolo ma ho ancora negli occhi la festa per quel gol: gli abbracci, le urla, i mortaretti, rimasi scioccato. Da allora non ho più smesso di andare allo stadio, non ho più smesso di seguire il mio Napoli. Ero bambino ma leggevo il Corriere dello Sport e Il Calcio Illustrato e quando a scuola ero chiamato a scrivere un tema, usavo dei vocaboli che sbalordivano le maestre: erano tutti termini presi in prestito dal mondo del calcio. Molte di quelle riviste fanno parte ora della mia collezione, nel senso che sono proprio quelle che avevo da bambino, oltre a tutte quelle che ho trovato in seguito nel corso degli anni”.

La voce di Dino ha un timbro deciso e fiero, con quell’inflessione tipica di queste parti, ma al contempo ricercata e nobile. Il Napoli è tradizione di famiglia in casa Alinei, …Anema e Core, “Papà era l’otorino di fiducia del Napoli negli anni che vanno dal ’62 al ’74 ed aveva la Tessera di Servizio per accedere allo Stadio, ma non voleva nulla gratis, non voleva sembrare uno che approfittava della situazione e così comprava anche l’abbonamento con il quale faceva il suo ingresso. Ebbe un passato da calciatore in serie C con la Bagnolese negli anni ’40. Arrivò Amadei a Napoli, prima da calciatore e poi da allenatore, e diventò un amico di famiglia. Veniva spesso a casa nostra. Noi abitavamo in un palazzo in centro storico e lui arrivava ogni mercoledì con la sua Giulietta gialla. Non vi dico cosa succedeva sotto casa, una ressa infinita di gente. Appena arrivava a casa nostra chiedeva sempre a mia madre se poteva preparare la “panzanella”, ne era ghiottissimo. Mi ricordo anche che vidi Napoli – Juventus (2-1) del 6 dicembre 1959, in braccio alla moglie di Amadei, la Sig. Rita. Io ero sulle sue gambe e lei per il nervosismo che la partita gli trasmetteva, senza rendersene conto, si mise il mio colletto del cappotto in bocca: me lo rovinò tutto”.

Dino non poteva che essere un grande tifoso del Napoli vista la sua infanzia, ma qualcosa scatta dentro di lui al punto di farlo diventare anche un collezionista: “Come la maggior parte di coloro che raccolgono memorabilia iniziai a collezionare le figurine. I miei genitori me le compravano solo se mi comportavo bene, erano un premio alla mia condotta. Si trattava delle figurine sagomate e cartonate, che risultavano pesanti, come quelle Cremifrutto che ritraevano il giocatore in piedi, in commercio dal 1962 al 1966. Bellissime. Ricordo anche quelle che si prendevano dal dispenser delle “Gomme masticanti”: inserivi 10 lire e giravi la manovella. Poi sono passato al cartaceo, in particolare i biglietti delle partite. Prima erano bellissimi, con delle grafiche davvero spettacolari, in particolare quelli della nazionale italiana. Erano tutti dell’Istituto Grafico Bertello di Borgo San Dalmazzo. Ora continuo a collezionarli, ma ritengo abbia poco senso, non mi attraggono molto hanno perso il loro fascino…quella poesia insita. Arrivato poi a una certa età sono stato più attratto dagli oggetti del campo, dalle “reliquie” possiamo dire, maglie in particolare. Ora è più facile trovare maglie ma prima un calciatore ci faceva l’intera stagione e spesso anche più di una. Bisognava arrivare a lui direttamente o entrare nella cerchia dei suoi familiari. Una curiosità …alcune maglie le ho trovate tramite il “mercato delle pezze” a Ercolano. Tutte le mattine alle 04:00”, nuje ca perdimmo ‘a pace e ‘o suonno, “iniziava il mercato, un mercato che esiste ancora. Scaricavano balle di abbigliamento usato piene di tutto e io compravo a scatola chiusa. Devo dire che così facendo ho acquistato anche un sacco di cose inutili, perché l’accordo era che tutto quello che era “azzurro” era mio. Ora devo dire che con WhatsApp è più facile, ti fanno una foto e decidi se t’interessa o meno. Prima o andavo personalmente oppure se mi chiamavano dovevo prendermi tutto. Con questo metodo una volta trovai addirittura una maglia di Pontel del 1961, da non credere”.

Dino è una valanga di ricordi ed emozioni che potrebbero sconfinare in concitazione, ma lui no, lui parla “assestato”: “Una volta, in un mercatino, trovai una figurina di Dolo Mistone terzino sinistro e bandiera del Napoli da metà anni ’50 a metà anni ’60. Misi la figurina nel portafoglio per poi sistemarla in collezione come faccio sempre. Quella volta me ne dimenticai e mi rimase nel portafoglio per qualche tempo. Un giorno, mentre ero a lavoro al centro diagnostico, ho sentito di un paziente che una volta entrato ha esordito dicendo Buongiorno, ho un appuntamento mi chiamo Dolo Mistone. Non credetti alle mie orecchie, andai fuori dal mio studio e arrivai nella segreteria e lo vidi. Tirai fuori la figurina, così per fargliela vedere, solo per fargli piacere. Invece lui ha creduto che io me la volessi far autografare. In realtà io non volevo perché comunque mi avrebbe deturpato la figurina, ma non ebbi il coraggio di dirgli di no. Ce l’ho ancora così. Fu un grande giocatore, e giocò praticamente sempre e solo con il Napoli. Era un terzino che si lanciava in attacco e a tal proposito diceva: se si lancia in attacco Facchetti lo chiamano “fluidificante”, se lo faccio io sono pazzo. Fu una grande bandiera del Napoli in un periodo difficilissimo”.

Dino ha una collezione immensa fatta di tantissime foto, figurine, dischi, sciarpe, bandiere gagliardetti, programmi, biglietti e maglie. Tra i tanti “pezzi” anche gli statuti del Naples Foot-ball Club e dell’Unione Sportiva Internazionale in Napoli del 1916, antesignane della compagine azzurra: due pezzi più unici che rari.

Nel 1979 Dino ha anche conseguito il patentino di Allenatore Dilettanti: docente in quell’edizione il bicampione del mondo nel ‘34 e nel ‘38 Giovanni Ferrari. Dino è stato anche il Presidente dell’Associazione Italiana Napoli Club per un triennio a partire da fine anni ’90. L’Associazione, nel periodo di Maradona, ha raggiunto oltre 900 club affiliati in tutto il mondo.

“Il collezionismo è cambiato molto, così com’è cambiata molto la società, con il sempre crescente utilizzo della tecnologia. Ora siamo facilitati nel trovare e cercare il “pezzo” mancante, anzi vediamo “cose” che non sapevamo nemmeno esistessero. Il sapore della ricerca diretta, il frugare in cataste di cose impolverate, sporcarsi le mani era un’emozione diversa. La tecnologia ci consente di avere il mondo in casa, ma i vantaggi tecnologici sono vanificati dall’assenza di emozione. Certo ora ho un archivio elettronico, foto disponibili tramite mail, WhatsApp e altre diavolerie varie, ma al contempo la tecnologia ha decretato la fine di alcuni tipi di collezionismo quali biglietti e abbonamenti per esempio, che ora sono caricati su di una card o stampati a casa su carta A4”.

Dalla terrazza di casa sopra Mergellina Dino ci saluta, e noi lo ringraziamo per aver condiviso la sua storia a tinte azzurre. “Il mio desiderio?” aggiunge Dino, “è trovare quello che non ho ancora trovato”.

Dino, sulle spalle del padre nel 1955 al Vomero e nel 1981 è lui a portare sulle spalle il figlio al San Paolo. Nel 2011 è il nipote a salire sulle sue spalle: la dinastia degli Alinei continua.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...