Connect with us

Il Calcio Racconta

13 Febbraio 1985 Campobasso è il centro del mondo: ottavi di Coppa Italia Campobasso – Juventus 1-0. Ugolotti in esclusiva a GliEroidelCalcio: “Una piazza che merita un grande progetto”.

Published on

GLIEROIDELCALCIO.COM (Federico Baranello) – Ci sono date che rimangono scolpite nel cuore. Ci sono momenti così profondi che lasciano il segno, situazioni in cui, anche a distanza di anni, ci si ricorda con chi si era, chi ci stava intorno, chi con noi ha condiviso una certa gioia o un certo dolore. Per chi ha le sorti del Campobasso nel cuore uno di questi momenti è sicuramente il 13 febbraio 1985. Una data che nessun abitante di Campobasso, tifoso o no della squadra rappresentante la città, può dimenticare. Stiamo parlando probabilmente del momento più alto della storia rossoblù, gli ottavi di Finale di Coppa Italia contro la Juventus, nel giorno dell’inaugurazione dello Stadio Nuovo Romagnoli di Selvapiana. Sono gli anni ‘8o e la città, designata capoluogo di regione nel 1963, è in piena fase di espansione. In questo periodo avviene, infatti, un importante incremento demografico accompagnato da un ovvio sviluppo edilizio. Si concentrano qui gli uffici della pubblica amministrazione regionale, ma anche i privati con nuovi sportelli bancari e agenzie assicurative. Nel 1982 fu fondata l’Università degli Studi del Molise che contribuì così anche all’aumento della popolazione studentesca.

Insomma un’atmosfera particolare in questi anni avvolge il capoluogo molisano, come ci conferma anche Guido Ugolotti, autore del tiro-partita entrato nella storia, che per l’occasione abbiamo raggiunto. Ugolotti si dimostra, come al solito, estremamente gentile e, dalle sue prime parole, anche orgoglioso del periodo trascorso a Campobasso. “Provenivo da ambienti diversi, Roma su tutti, ma trovai una società eccezionale in tutte le sue componenti. C’era un’atmosfera familiare, un periodo splendido per la città che in quel momento era anche una vetrina per tutta la regione. Per la partita con la Juventus c’era tanta attesa ed euforia, una grande voglia da parte dei tifosi e della cittadinanza di partecipare all’evento. L’inaugurazione del nuovo stadio era già di per sé un avvenimento per la città, in più arrivava lo squadrone bianconero. Una partita importante ma affrontata anche con tranquillità, si era consapevoli della differenza tra noi e loro, quindi nessuna pressione da risultato chiaramente. Anche perché era in campionato che dovevamo dire la nostra. Noi ovviamente eravamo tutti determinati a voler fare bella figura. Prima della partita il Presidente Antonio Molinari e l’allenatore Bruno Mazzia fecero leva proprio sul senso di appartenenza, ponendo l’accento sul fatto che eravamo, in qualche modo, il biglietto da visita dell’intera zona geografica, non solo della città. Ci spronarono a dare il massimo perché fuori c’erano 40.000 persone sugli spalti e una regione intera che ci avrebbe guardato”.

 

ugolotti glieroidelcalcio disegno

Ugolotti visto da Walter Genua (CB Goal Febbraio 1985)

La Juventus che scendeva in terra molisana aveva appena vinto la Supercoppa Uefa ai danni del Liverpool e vincerà la Coppa dei Campioni, sempre con i Reds, nella tragica serata dell’Heysel del Maggio successivo. Insomma una corazzata, una squadra che non autorizzava i campobassani a fantasticare nulla.

 

“Quando scendemmo in campo”, continua Ugolotti, “Ci trovammo in mezzo ad una bolgia indescrivibile ed entusiasmo alle stelle, un colpo d’occhio eccezionale. Io avevo già affrontato la Juventus altre volte, l’avevo battuta con la Roma e segnai anche a Torino quando avevo la maglia del Pisa, ero abbastanza abituato a certe partite. Mi ricordo invece nei volti di alcuni dei miei compagni la meraviglia di avere di fronte una squadra leggendaria, fortissima e con calciatori che molti di loro avevano visto solo in TV. Facevamo la conta per capire chi di loro non fosse stato schierato in campo, in una logica che oggi definiremmo di turnover, ma poi ci rendemmo conto che era comunque una squadra praticamente imbattibile”.

Invece al ‘38 succede ciò che nemmeno i più ottimisti si sarebbero mai azzardati a sognare, cross al centro dell’area, un colpo di testa di un difensore bianconero e la palla si dirige verso Ugolotti… “Sono andato d’istinto verso il pallone”, ci dice Ugolotti, “Stop di petto, palla a terra e tiro verso la porta. Ci fu la deviazione da parte del difensore bianconero, Pioli, e la palla entrò in rete. Un boato unico, indescrivibile. Io feci un’esultanza direi liberatoria. Non avevo fatto tanti gol in quella stagione e con il cambio allenatore trovai più spazio. Fu importante per me, ma soprattutto per la piazza, lo meritava”.

Poi nella partita di ritorno il risultato fu ribaltato, 4-1 per la squadra torinese: “Fu proprio nella partita di ritorno che pensai che forse avremmo potuto passare il turno”, prosegue Ugolotti, “..al ‘15 andammo in vantaggio con Perrone e subito feci due calcoli … avrebbero dovuto farci tre reti se volevano andare avanti nella competizione, abbiamo creduto nel sogno. Loro invece ce ne fecero quattro. Ecco io credo che Campobasso, dove ho ancora molte amicizie, meriti molto di più. Credo meriti un progetto come quello di allora, dove crederci e farci credere l’intera città. Dopo quegli anni non ci sono stati più momenti come quelli purtroppo. È una piazza che ha fame di calcio, un enorme bacino d’affetto: merita un grande progetto”.

campobasso gli eroi del calcio

La pagina scritta quel giorno, innanzi a nomi che hanno fatto la storia del calcio come Trapattoni, Scirea, Cabrini, Tardelli, Paolo Rossi, Platini e Boniek, riecheggerà per l’eternità, così come il commento finale del telecronista locale Gennaro Ventresca, pillole di un altro calcio da tramandare alle generazioni più giovani, un commento fiero, composto ma anche ironico: “Ribadiamo il finale, tra la sorpresa generale e diciamo anche tra qualche muso lungo di tifoso juventino, il Campobasso ha battuto la Regina del calcio italiano, la pluri-scudettata, la Juventus. Con queste ultime scene sul Romagnoli si conclude una giornata che ha del sensazionale perché è andato tutto bene. Risultato che forse non era in previsione che è venuto a rendere ancora più scintillante un giorno glaciale per quanto riguarda la temperatura ma sicuramente tropicale per quanto riguarda il caldo che si è venuto a generare a livello di entusiasmo in questo Stadio”.

 Scrivere una poesia a volte è più semplice di ciò che si pensa.

 

Si ringraziano Guido Ugolotti per aver accettato il nostro invito e Antonio Salvatore per il materiale che ci è stato messo a disposizione.

IMG_4325

Classe ’68, appassionato di un calcio che non c’è più. Collezionista e Giornalista, emozionato e passionale. Ideatore de GliEroidelCalcio.com. Un figlio con il quale condivide le proprie passioni. Un buon vino e un sigaro, con la compagn(i)a giusta, per riempirsi il Cuore.

Continue Reading
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il Calcio Racconta

Addio a Ferdinando Di Stefano

Published on

GLIEROIDELCALCIO.COM – “… hay un interior derecha que se llama nada menos que Di Stéfano” … così il Mundo Deportivo del 9 settembre 1968 si riferisce a Ferdinando Di Stefano, alludendo ovviamente ad Alfredo Di Stefano.

Si, perché Ferdinando Di Stefano fece parte di quella formazione che l’8 settembre del 1968 al Salinella affrontò in amichevole il grande Real Madrid.

Ferdinando purtroppo ieri ci ha lasciati.

Era nato a Milano il 21 giugno del 1940 e il suo debutto avviene con la Solbiatese in serie D, poi la C con le maglie di Anconitana, Pisa e Torres. In seguito la cadetteria con il Modena nel 1966 dove disputa due campionati. Si trasferisce a Taranto nel 1968 dove vince il campionato di C guadagnandosi la promozione: una stagione da protagonista con 22 presenze e ben sette reti. Con il Taranto resta altri due anni in B e conquista due salvezze e termina la carriera con il Manduria tra la serie D e la promozione.

Noi vogliamo ricordarlo così quando, nel 2012, fece dono della sua maglia ad un grande collezionista del Taranto, Niko Molendini. Una maglia in versione bianca a manica corta, colletto rossoblù e maniche con identico richiamo cromatico, con numero 9 blu scuro in similpelle cucito. La maglia fu da lui utilizzata in Taranto – Cosenza del 18 maggio 1969, terminata 3-1 e proprio il terzo gol fu realizzato da Di Stefano.

Ferdinando Di Stefano insieme a Niko Molendini nel giorno del passaggio di consegne della maglia

Ciao Ferdinando…

Continue Reading

Il Calcio Racconta

Auguri Livorno! 104 anni di gloria

Published on

GLIEROIDELCALCIO.COM “14 Febbraio 1915″: Le due squadre di calcio cittadine la Spes e la Virtus Juventusque decidono di unirsi per formare un unico forte team che avrebbe potuto lottare con gli squadroni della penisola. Dopo lunghe e fitte riunioni il 14 Febbraio 1915 in via Grande fu siglato l’accordo definitivo della fusione. Il colore sociale fu l’amaranto: quello della città”

Inizia così il comunicato sul sito ufficiale del Livorno calcio che intende celebrare i 104 anni di storia del Club.

Nel corso della sua storia la Società ha cambiato la sua denominazione sociale a causa di alcune vicende difficili passando da Unione Sportiva ad Unione Calcio Livorno a Pro Livorno, arrivando fino all’attuale A.S. Livorno Calcio 1915.

Il comunicato della società labronica si arricchisce di molti “numeri” che raccontano la storia di questa importante società. Spiccano nella tabella due secondi posti, nel 1920 dietro l’Internazionale e nel 1943 dietro al Torino, una vittoria in Coppa Italia di serie C e la partecipazione alla Coppa Uefa. Partecipazione quest’ultima raggiunta sotto la gestione del Presidente Spinelli che ha portato agli amaranto anche tre storiche promozioni: dalla C1 alla B e dalla B alla A per ben due volte.

Buon Compleanno Livorno!!!

I NUMERI DI 104 ANNI DI STORIA

2 volte secondo in serie A:
– nel 1920 perde la finalissima per lo scudetto con l’Internazionale a Bologna (Internazionale-Livorno 3-2)
– nel 1942/1943 è secondo in classifica dietro al Torino (Torino 44, Livorno 43)

1 coppa Italia di serie C nel 1986/1987
Campania-Livorno 1-0, Livorno-Campania 3-0
1 partecipazione Coppa Uefa
– 2006/07, passa i preliminari ed il girone, eliminato ai sedicesimi

I record degli amaranto

Partite iniziali senza vittorie nel girone unico a 20 squadre di serie A:
13 nella stagione 1948/1949 (7 pareggi).
Massimo di calci di rigore in una partita nel girone unico a 20 squadre di serie A:
4 Atalanta-Livorno 4-2, 19ª giornata del campionato 1948/1949, arbitro Zambotto, realizzati uno per parte.
Maggior numero di vittorie iniziali consecutive nei campionati di serie C:
9 nel 1997/1998, serie C1 girone A.
Massimo di gare imbattuto consecutivamente in serie C2:
29 (tutto il campionato 1983/1984).
Minor numero di reti subite in campionato C2:
7 (1983/1984)
Maggior numero di punti in serie A:
43 (1942/1943, 2 punti a vittoria);
49 (2005/2006, 3 punti a vittoria).

Più gare giocate:
76 con il Modena
62 con il Pisa
46 con la Lucchese

Massimo vittorie:

27 con il Pisa

Massimo sconfitte:

18 con Torino e Juventus

Maggior numero di spettatori in A:

19.726 in Livorno-Juventus 2-2 (2004/2005)

Le partite

Vittorie interne con il punteggio più largo:
Livorno-Gerbi Pisa 11-0 (1919/20)
Livorno-Grion Pola 8-0 (serie A 1932/1933)
Livorno-Messina 7-0 (serie A 1932/1933)
Livorno-Trapani 6-0 (serie B 2014/15)

Vittorie esterne con il punteggio più largo:

Prato-Livorno 0-6 (1919/20)
Comense–Livorno 0-4 (serie B 1932/33)
Treviso-Livorno 0-4 (serie B 2008/09)
Ascoli-Livorno 1-5 (serie B 2010/11)
Albinoleffe-Livorno 0-4 (serie B 2011/12)

Sconfitte interne con il punteggio più largo:

Pro Livorno-Trento 0-5 ( serie C1 1988/89)
Livorno-Sassuolo 0-4 (serie B 2010/2011)
Livorno-Spezia 1-5 (serie B 2012/13)

Sconfitte esterna con il punteggio più largo:

Torino-Livorno 10-1 (serie A, 1928)
Torino-Pro Livorno 9-1 (serie A 1945/1946)
Modena-Livorno 8-1 (serie B 1955/1956)

Partite con più gol:

Triestina-Livorno 5-4 (1948/1949)
Parma-Livorno 6-4 (serie A 2004/2005)

Maggior numero di presenze in serie A:
210, Mario Stua

Maggior numero di presenze totali:

369, Mauro Lessi

I fedelissimi:

Lessi 369 presenze;
Protti 278 presenze;
Magnozzi 277 presenze;

I principali cannonieri:
Magnozzi 184 reti (compresi tornei non a girone unico)
Protti 123 reti
Lucarelli 103 reti

Migliori cannonieri del Livorno in serie A:

Busoni 26 gol (1933/1934)
Lucarelli 24 gol (2004/2005, Capocannoniere stagionale)

Partecipazione dei giocatori amaranto con le rappresentative nazionali:

Magnozzi (26 più 3 con il Milan in Nazionale A, 13 gol)
Lucarelli (6 in Nazionale A, 3 gol)
Amelia (2 in Nazionale A, 7 in Under 21)
Chiellini (4 in Nazionale Under 21, 1 gol)

Giocatori campioni del mondo con la maglia amaranto:

Amelia (Germania 2006)

Vai al comunicato ufficiale

Continue Reading

Il Calcio Racconta

12 febbraio 1997 – Addio a Federico Pisani e Alessandra Midali

Published on

GLIEROIDELCALCIO.COM – “Emozioni e ricordi più che mai vivi perché Chicco e Ale sono sempre qui, in mezzo a noi. Sono trascorsi ventidue anni dalla loro tragica scomparsa. Difficile, impossibile dimenticare. Il Presidente Antonio Percassi e tutta la famiglia Atalanta ricordano con immutato affetto Federico Pisani e Alessandra Midali. Chicco e Ale saranno per sempre nei nostri cuori…”

Questo il comunicato odierno dell’Atalanta che ricorda Federico e Alessandra prematuramente scomparsi il 12 febbraio 1997.

Chicco, così soprannominato, nasce il 25 luglio 1974 a Castelnuovo Garfagnana e comincia la sua carriera di calciatore con il Margine Coperta, una società satellite dell’Atalanta in provincia di Pistoia. La Dea lo porta a Zingonia per aggregarlo nel settore giovanile e a 17 anni esordisce nella massima serie. Attaccante velocissimo e sfuggente risulta spesso e volentieri decisivo a partita in corso. Nel 1993 vince il torneo di Viareggio con Prandelli e il Campionato Primavera, poi va in prestito al Monza prima di far ritorno di nuovo a Bergamo.

“Uno Speedy Gonzales che saltava gli avversari come uno sciatore supera i pali di uno slalom…” (Cit. La Stampa, 13 febbraio 1997).

Con l’Atalanta conta 64 presenze e 6 gol prima di quella tragica serata e quel triste incidente del 12 febbraio 1997 dove insieme alla fidanzata Alessandra Midali morirà in un incidente stradale sulla sua BMW mentre percorreva l’autostrada Milano-Laghi. Con loro c’erano anche due amici rimasti fortunatamente illesi: si sposeranno e chiameranno i due figli Federico e Alessandra. La domenica successiva all’incidente si gioca Atalanta-Vicenza. La partita termina 4-0, i gol si mescolano alle lacrime dei suoi compagni e di tutti i tifosi presenti. L’Atalanta ha ritirato la sua maglia, la numero 14 e intitolato a lui il campo principale del Centro Sportivo Bortolotti a Zingonia e la curva Nord. Solo un tragico destino ha fermato la sua “serpentina” nei campi di calcio, quella corsa e quel talento promettente.

“Un giocatore veloce come “Pisu” – raccontava spesso Mondonico – serve sempre. Grazie a lui siamo tornati in serie A e ci siamo restati” (Cit. La Stampa, 13 febbraio 1997).

“Abbracciati alla vostra stella… Regalateci la gioia più bella”…

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Continue Reading

più letti

WP-Backgrounds Lite by InoPlugs Web Design and Juwelier Schönmann 1010 Wien
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: