Connect with us

Il Calcio Racconta

“Hai visto Forlivesi?”, storia di un figlio di Roma – Terza ed ultima parte

Published on

GLIEROIDELCALCIO.COM (Federico Baranello – Dario Canali – Mattia Zucchiatti) – Prima della gara con il Trastevere dell’11 marzo 1945 abbiamo visto come la stampa romana sia preoccupata delle condizioni del giovane attaccante giallorosso: “Forlivesi si è rimesso ultimamente da una bronchite che l’ha tenuto a letto per parecchi giorni. Ma il ragazzo è bene allenato e gode la piena fiducia dei dirigenti della Roma …”. La compagine giallorossa s’impone con un 2-0 e una delle reti porta proprio la firma del nostro Mario. Pochi giorni prima della contesa quindi il ragazzo aveva avuto problemi di salute ma questo non gli aveva impedito di scendere in campo e di firmare uno dei due gol vittoria. Non c’è dato sapere se il suo fisico fosse già minato dalla malattia che lo porterà alla morte il 29 Marzo successivo, ma sicuramente non era al massimo della forma.

forlivesi foto articoloLa Signora Vilma Forlivesi, cugina di Mario, da noi raggiunta per l’occasione ci racconta: “Io e la mia famiglia abitavamo a Via Montello e la famiglia di Mario a Via Sabotino, nel quartiere Prati. Eravamo vicinissimi e frequentavamo le stesse amicizie. Tra noi c’era anche Corrado Mantoni, il noto presentatore TV, che all’epoca era un radiofonico dell’Eiar, era poco più grande di noi. Qualche giorno prima che venisse a mancare”, prosegue la Signora Vilma con evidente commozione, “Io e Mario facemmo una corsa sulle scale per vedere chi riusciva ad arrivare prima all’appartamento dove abitavamo noi. Arrivai prima io e pensai che mi avesse fatto vincere perché ero più piccola di lui. Mario era uno sportivo, non potevo vincere. Arrivò un po’ dopo molto affaticato. Non mi aveva fatto vincere. Con il tempo ho capito che stava male davvero. Era un ragazzo davvero buono e generoso. Eravamo in tempo di guerra e Mario, giocatore professionista, riceveva dalla Roma una sorta di “Super Alimento”, che lui divideva in casa con i genitori e fratelli, ma anche con mia madre (la zia di Mario). La Signora Beatrice, la mamma di Mario, per tutti Bice, non andava mai a vedere il figlio giocare perché temeva che il figlio si potesse fare male”.

forlivesi a torso nudo sorridenteforlivesi casual

Lo assiste nei giorni della malattia Luciana Forlivesi, sorella di Vilma. Luciana ha sempre raccontato alla famiglia quei momenti di grande sofferenza. In particolare l’ultimo desiderio di Mario: una bomba alla crema, preparata da Luciana stessa. Ma quando la cugina torna dalla cucina con la bomba pronta Mario è già spirato.

Il giorno 31 marzo il Corriere dello Sport rende la notizia della morte di Mario di dominio pubblico. Se prima ci si chiedeva con tono enfatico “Hai visto Forlivesi?” alludendo alle sue prodezze nell’ambito del rettangolo verde, ora la stessa domanda viene rivolta con voce roca e occhi lucidi. Nessuno ci vuole credere, eppure Mario non c’è più.

Hai visto Forlivesi? Aveva appena 18 anni, compiuti il mese precedente… “ … una breve malattia l’ha schiantato. Così forte così robusto, espressione di gran salute, non ha resistito al male che l’ha ghermito proprio quando la vita gli si apriva piena di roseo avvenire, proprio quando, e nello studio e nello sport, iniziava a raccogliere i frutti d’un serio lavoro…Ragazzone di gran salute, alto, occhi sempre ridenti, ben robusto, era l’espressione del giovanissimo che nel calcio ha roseo avvenire: roseo avvenire per quella serietà che lo distingueva negli allenamenti e nello studio.” (Cit. Corriere dello Sport, 31 marzo 1945).

Sono le 22:45 del 29 Marzo quando il cuore di Mario si ferma a causa della malattia, una meningite. Non fa in tempo a essere l’eroe che poteva diventare, non fa in tempo per quell’ultima bomba con la crema che la cugina Luciana ha amorevolmente preparato. I suoi occhi si chiudono. I funerali si svolgono il lunedì successivo, 2 Aprile, con un corteo funebre che parte dalla casa della famiglia, in Via Sabotino 17, sino alla Basilica del Sacro Cuore di Cristo Re di Viale Mazzini. Un lungo e addolorato corteo che accompagna Mario in chiesa. Ai funerali intervengono tutti gli sportivi della Capitale, gente comune e atleti di ogni disciplina. Le società della Roma e della Lazio partecipano al gran completo con calciatori e dirigenti, così come le altre squadre del Campionato Romano e Laziale. Presenti anche le squadre dei ragazzi e ovviamente la Fortitudo.

registro funebre della chiesa

Dal Registro Funebre della Basilica del Sacro Cuore di Cristo Re di Viale Mazzini

Dopo le esequie Mario viene sepolto al Cimitero del Verano, nella zona denominata “Bassopiano Pincetto”, molto vicino dove, due anni dopo, verrà sepolto Ferraris IV, uno dei “Figli di Roma” diventato poi “Capitano” e poi “Bandiera”. Mario è un figlio di Roma che non ha fatto in tempo a diventare Capitano e Bandiera. Ma noi facciamo ancora in tempo a non dimenticare la sua storia. Questa è la nostra promessa a Mario.

Ciao Uccio

Si ringraziano le famiglie Forlivesi/Iovine/Odorisio per la collaborazione e per le foto messe a nostra disposizione.

“Hai visto Forlivesi?”, storia di un figlio di Roma – Prima parte

“Hai visto Forlivesi?”, storia di un figlio di Roma – Seconda parte

annuncio morte

Dal Corriere dello Sport del 31 marzo 1945

corriere sport 3

Dal Corriere dello Sport del 1 aprile 1945

 

corriere sport 2

Dal Corriere dello Sport del 2 aprile 1945

 

corriere sport 1

Dal Corriere dello Sport del 5 aprile 1945

 

IMG_5054

Il Certificato di Morte dal Registro dell’Epoca

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

 

 

 

Classe ’68, appassionato di un calcio che non c’è più. Collezionista e Giornalista, emozionato e passionale. Ideatore de GliEroidelCalcio.com. Un figlio con il quale condivide le proprie passioni. Un buon vino e un sigaro, con la compagn(i)a giusta, per riempirsi il Cuore.

Continue Reading
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il Calcio Racconta

7 giugno 1998 – Calcio Femminile: spareggio scudetto tra Modena e Cascine Vica

Published on

GLIEROIDELCALCIO.COM (Giovanni Di Salvo) – Il primo spareggio per l’assegnazione dello scudetto, nella storia del calcio femminile targato FIGC, si è disputato il 7 giugno 1998 allo stadio “Pietro Fortunati” di Pavia. Infatti nella stagione 1997/98 Modena e Cascine Vica, dopo una corsa durata trenta giornate, avevano chiuso appaiate in vetta alla classifica con 79 punti, frutto di 25 vittorie, 4 pareggi ed una sola sconfitta. Lo snodo fondamentale nella corsa al tricolore era stato alla tredicesima giornata di ritorno, il 9 maggio, quando le campionesse in carica del Modena avevano perso in casa per 3-2 col Milan e il Cascine Vica, espugnando per 2-0 il campo del Segrate, ne aveva approfittato per agganciare le emiliane in testa. La situazione non era più cambiata nei restanti due turni di campionato perché entrambe le contendenti avevano fatto bottino pieno. Pertanto, per assegnare il titolo di Campione d’Italia, serve uno spareggio. Alla fine ad aggiudicarsi lo scudetto sono le gialloblù allenate da Maurizio Berselli, che si impongono sulle piemontesi per 2-0. Le reti sono siglate al 12′ del primo tempo da Carolina Morace, con un perfetto colpo di testa sul traversone dalla destra dell’americana Rutten, e al 13′ della ripresa da Patrizia Panico, con un preciso pallonetto che rende vana l’uscita del portiere Di Bernardo. Questa fu l’ultima partita dell’attaccante veneziana, che dopo una straordinaria carriera costellata di vittorie, decise di appendere gli scarpini al chiodo. Nella sua ultima stagione da calciatrice Carolina Morace vinse la classifica marcatrici con 41 centri.

In realtà il primo spareggio in assoluto per l’assegnazione dello scudetto nel campionato a girone unico risale alla stagione 1980. Ad affrontarsi, il 4 ottobre sul neutro di Viareggio, furono Gorgonzola e Lazio, con quest’ultime che vinsero per 2-0. Il campionato, però, era sotto l’egida della FIGCF e si svolse durante l’anno solare.

 

Per chi volesse approfondire l’argomento:

“Le pioniere del calcio. La storia di un gruppo di donne che sfidò il regime fascista” della Bradipolibri (Prefazione scritta dal CT della nazionale Milena Bertolini)

“Quando le ballerine danzavano col pallone. La storia del calcio femminile”  della GEO Edizioni (Prefazione scritta dal Vice Presidente L.N.D. Delegato per il Calcio Femminile Sandro Morgana).

Continue Reading

Il Calcio Racconta

6 giugno 2000 – In tredicimila alla presentazione del “Re Leone” alla Roma

Published on

GLIEROIDELCALCIO.COM (Antonio Capotosto) – Nell’annata del secondo scudetto biancoceleste la Roma aveva chiuso il campionato al sesto posto: un piazzamento che con innesti mirati poteva trasformarsi in qualcosa di molto più grande. Nel 2000 arrivarono a Trigoria rinforzi come Samuel ed Emerson e per scucire il titolo ai cugini della Lazio Franco Sensi decise di spendere 70 miliardi per il bomber più prolifico della storia viola: Gabriel Omar Batistuta, che nelle nove stagioni (una in Serie B in riva all’Arno non era riuscito a tramutare in realtà il sogno tricolore. Il 6 giugno di vent’anni fa allo stadio Olimpico l’argentino veniva presentato al popolo romanista… tredicimila presenze sotto la canicola delle ore 13. “Benvenuto Omar, Roma è con te” recita uno striscione in quella che è appena diventata la sua curva. Qualche giorno più tardi il Corriere dello Sport gli dedicò una videocassetta, un antipasto di reti (soprattutto) gigliate prima del dessert giallorosso. Furono venti le realizzazioni di ‘Batigol’ nel campionato successivo all’Europeo in Belgio e Olanda: nell’annata del terzo scudetto della storia romanista. L’obiettivo di Sensi si realizzava. Un sogno che il 6 giugno 2000 veniva concepito dal ‘Re Leone’ e dalla Lupa.

foto asromaultras.org

 

Continue Reading

Il Calcio Racconta

La bellezza dell’imprevedibilità (la promozione del Catania quel 5 Giugno del 1960)

Published on

(GLIEROIDELCALCIO.COM di Andrea Gioia)

L’imprevedibilità è certamente un fattore fondamentale quando si parla di calcio.

I risultati spesso vengono sovvertiti, così come anche i pronostici.

E può succedere che una sconfitta all’ultima giornata di campionato possa portare ad una gioia incontenibile.

Quella gioia che provarono i giocatori del Catania in un caldo pomeriggio di Giugno del 1960.

Quella siciliana era una squadra ambiziosa, costruita minuziosamente da un allenatore che prediligeva un gioco “scarno ed efficace”.

Il suo nome era Carmelo Di Bella, da tutti conosciuto come l’Herrera del Sud.

Il presidente Marcoccio volle riconfermarlo dopo una salvezza ottenuta nella Serie B del 1958/59 con l’intenzione, non troppo nascosta, di poter arrivare a combattere per i primi posti che conducevano alla massima serie.

Di Bella era un tecnico scaltro, tenace, che prediligeva soprattutto una grande preparazione fisica, lasciando un pò da parte i dettagli tecnici e tattici. E di questo le sue squadre ne soffrivano soprattutto nel girone di ritorno.

Quella stagione 1959/60 il Catania la iniziò col botto.

Una serie di risultati utili consecutivi, con l’apice del poker servito al Verona e un girone d’andata concluso al secondo posto.

Ma il previsto calo fisico condizionò quasi irrimediabilmente quella rincorsa alla promozione, favorendo il ritorno del Lecco e della Triestina.

Si stava per arrivare ad un finale tiratissimo, con un Catania deciso a non mollare ed in grado di inanellare tre vittorie e un pareggio nelle ultime quattro giornate che conducevano all’epilogo del 5 Giugno.

Proprio quel giorno, il destino dei rossoblu sarebbe cambiato per sempre.

E’ il Brescia ad ospitare i siciliani in una partita stranissima. 

Un secondo tempo da sogno, con le rondinelle in grado di realizzare quattro gol in meno di venticinque minuti.

Il Catania è a terra.

Perde 4-2.

Si prospetta l’incubo del 1957. In quella stagione, gli isolani erano riusciti a mancare la Serie A per via di una scellerata ultima partita contro il Modena, già salvo e capace di vincere in inferiorità numerica.

Ma, come tutti sanno, gli dei del calcio spesso restituiscono ciò che hanno tolto.

Accadde così che iniziarono ad arrivare voci da Parma che parlavano di un pareggio interno dei ducali contro la Triestina.

Era tutto vero.

La Triestina, non vincendo, si era fermata ad un punto dal terzo posto.

Il Catania era finalmente in Serie A dopo sei lunghi anni.

L’imprevedibilità aveva consegnato agli almanacchi una data da ricordare nel tempo e alla Gazzetta dello Sport l’opportunità di pubblicare un eloquente titolo: “Si è sfiorato il dramma!”.

Senza quel 5 Giugno del 1960, quella matricola tenace non avrebbe “asfaltato” un anno dopo l’Inter di Herrera, dando vita alla leggenda del “Clamoroso al Cibali”.

 

Continue Reading

più letti

WP-Backgrounds Lite by InoPlugs Web Design and Juwelier Schönmann 1010 Wien
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: