“Hai visto Forlivesi?”, storia di un figlio di Roma – Terza ed ultima parte

GLIEROIDELCALCIO.COM (Federico Baranello – Dario Canali – Mattia Zucchiatti) – Prima della gara con il Trastevere dell’11 marzo 1945 abbiamo visto come la stampa romana sia preoccupata delle condizioni del giovane attaccante giallorosso: “Forlivesi si è rimesso ultimamente da una bronchite che l’ha tenuto a letto per parecchi giorni. Ma il ragazzo è bene allenato e gode la piena fiducia dei dirigenti della Roma …”. La compagine giallorossa s’impone con un 2-0 e una delle reti porta proprio la firma del nostro Mario. Pochi giorni prima della contesa quindi il ragazzo aveva avuto problemi di salute ma questo non gli aveva impedito di scendere in campo e di firmare uno dei due gol vittoria. Non c’è dato sapere se il suo fisico fosse già minato dalla malattia che lo porterà alla morte il 29 Marzo successivo, ma sicuramente non era al massimo della forma.

forlivesi foto articoloLa Signora Vilma Forlivesi, cugina di Mario, da noi raggiunta per l’occasione ci racconta: “Io e la mia famiglia abitavamo a Via Montello e la famiglia di Mario a Via Sabotino, nel quartiere Prati. Eravamo vicinissimi e frequentavamo le stesse amicizie. Tra noi c’era anche Corrado Mantoni, il noto presentatore TV, che all’epoca era un radiofonico dell’Eiar, era poco più grande di noi. Qualche giorno prima che venisse a mancare”, prosegue la Signora Vilma con evidente commozione, “Io e Mario facemmo una corsa sulle scale per vedere chi riusciva ad arrivare prima all’appartamento dove abitavamo noi. Arrivai prima io e pensai che mi avesse fatto vincere perché ero più piccola di lui. Mario era uno sportivo, non potevo vincere. Arrivò un po’ dopo molto affaticato. Non mi aveva fatto vincere. Con il tempo ho capito che stava male davvero. Era un ragazzo davvero buono e generoso. Eravamo in tempo di guerra e Mario, giocatore professionista, riceveva dalla Roma una sorta di “Super Alimento”, che lui divideva in casa con i genitori e fratelli, ma anche con mia madre (la zia di Mario). La Signora Beatrice, la mamma di Mario, per tutti Bice, non andava mai a vedere il figlio giocare perché temeva che il figlio si potesse fare male”.

forlivesi a torso nudo sorridenteforlivesi casual

Lo assiste nei giorni della malattia Luciana Forlivesi, sorella di Vilma. Luciana ha sempre raccontato alla famiglia quei momenti di grande sofferenza. In particolare l’ultimo desiderio di Mario: una bomba alla crema, preparata da Luciana stessa. Ma quando la cugina torna dalla cucina con la bomba pronta Mario è già spirato.

Il giorno 31 marzo il Corriere dello Sport rende la notizia della morte di Mario di dominio pubblico. Se prima ci si chiedeva con tono enfatico “Hai visto Forlivesi?” alludendo alle sue prodezze nell’ambito del rettangolo verde, ora la stessa domanda viene rivolta con voce roca e occhi lucidi. Nessuno ci vuole credere, eppure Mario non c’è più.

Hai visto Forlivesi? Aveva appena 18 anni, compiuti il mese precedente… “ … una breve malattia l’ha schiantato. Così forte così robusto, espressione di gran salute, non ha resistito al male che l’ha ghermito proprio quando la vita gli si apriva piena di roseo avvenire, proprio quando, e nello studio e nello sport, iniziava a raccogliere i frutti d’un serio lavoro…Ragazzone di gran salute, alto, occhi sempre ridenti, ben robusto, era l’espressione del giovanissimo che nel calcio ha roseo avvenire: roseo avvenire per quella serietà che lo distingueva negli allenamenti e nello studio.” (Cit. Corriere dello Sport, 31 marzo 1945).

Sono le 22:45 del 29 Marzo quando il cuore di Mario si ferma a causa della malattia, una meningite. Non fa in tempo a essere l’eroe che poteva diventare, non fa in tempo per quell’ultima bomba con la crema che la cugina Luciana ha amorevolmente preparato. I suoi occhi si chiudono. I funerali si svolgono il lunedì successivo, 2 Aprile, con un corteo funebre che parte dalla casa della famiglia, in Via Sabotino 17, sino alla Basilica del Sacro Cuore di Cristo Re di Viale Mazzini. Un lungo e addolorato corteo che accompagna Mario in chiesa. Ai funerali intervengono tutti gli sportivi della Capitale, gente comune e atleti di ogni disciplina. Le società della Roma e della Lazio partecipano al gran completo con calciatori e dirigenti, così come le altre squadre del Campionato Romano e Laziale. Presenti anche le squadre dei ragazzi e ovviamente la Fortitudo.

registro funebre della chiesa
Dal Registro Funebre della Basilica del Sacro Cuore di Cristo Re di Viale Mazzini

Dopo le esequie Mario viene sepolto al Cimitero del Verano, nella zona denominata “Bassopiano Pincetto”, molto vicino dove, due anni dopo, verrà sepolto Ferraris IV, uno dei “Figli di Roma” diventato poi “Capitano” e poi “Bandiera”. Mario è un figlio di Roma che non ha fatto in tempo a diventare Capitano e Bandiera. Ma noi facciamo ancora in tempo a non dimenticare la sua storia. Questa è la nostra promessa a Mario.

Ciao Uccio

Si ringraziano le famiglie Forlivesi/Iovine/Odorisio per la collaborazione e per le foto messe a nostra disposizione.

“Hai visto Forlivesi?”, storia di un figlio di Roma – Prima parte

“Hai visto Forlivesi?”, storia di un figlio di Roma – Seconda parte

annuncio morte
Dal Corriere dello Sport del 31 marzo 1945
corriere sport 3
Dal Corriere dello Sport del 1 aprile 1945

 

corriere sport 2
Dal Corriere dello Sport del 2 aprile 1945

 

corriere sport 1
Dal Corriere dello Sport del 5 aprile 1945

 

IMG_5054
Il Certificato di Morte dal Registro dell’Epoca

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...