Connect with us

Calcio, Arte & Società

Pasolini giornalista sportivo: quando lo spettacolo è sugli spalti

Published on

Pubblichiamo, come preannunciato (vedi video-intervista con l’autore qui), un estratto del libro “Il calcio secondo Pasolini” di Valerio Curcio, edito per Aliberti Compagnia Editoriale. Il testo, tratto dal capitolo in cui si descrive l’attività di Pasolini come giornalista sportivo, racconta di quando, nel 1957, fu inviato da “l’Unità” a seguire un derby romano vinto 3-0 dalla Roma. Ringraziamo l’autore Valerio Curcio e la Aliberti Compagnia Editoriale per averci dato la possibilità di pubblicare questo estratto in esclusiva per i lettori de Gli Eroi del Calcio.

Buona lettura.

Federico Baranello

 

Pasolini si cimentò in una varietà incredibile di forme, generi e linguaggi culturali. Non a caso Tullio De Mauro lo definì «il primo artista di grande livello internazionale che possa definirsi multimediale»[1]. La sua naturale vocazione a praticare e sperimentare nuove forme espressive lo portò a confrontarsi anche con un genere che, considerati il suo impegno giornalistico e la sua passione per lo sport, non poteva non attirarlo.

Nel corso della sua vita, infatti, ebbe più volte modo di commentare avvenimenti sportivi sui giornali o in televisione, attraverso interviste o rubriche curate personalmente. Furono però solo due le occasioni in cui intervenne da vero e proprio cronista, raccontando ai lettori l’evento sportivo a cui aveva assistito. Lo fece durante le Olimpiadi romane del 1960, con quattro famosi contributi pubblicati sulle pagine di «Vie Nuove» e tre anni prima, nel 1957, quando scrisse dalle pagine de «l’Unità» un singolare reportage dallo stadio Olimpico di Roma.

La prima occasione fu il derby Roma-Lazio del 27 ottobre 1957, vinto dalla Roma per 3-0. Pasolini si recò allo stadio assieme a Sergio Citti, amico e consulente di romanità per le sue opere. Il quotidiano aveva annunciato che la partita sarebbe stata seguita da cronisti d’eccezione di sponda laziale e romanista, tra cui Alberto Sordi. Diversamente da “Albertone”, tifoso giallorosso dai tempi di Campo Testaccio, Pasolini partecipò da osservatore più o meno imparziale e l’esito della partita non lo interessò granché: nonostante l’exploit dell’attacco giallorosso nel secondo tempo, per lui la sfida fu noiosa e nell’articolo la prestazione delle due squadre venne liquidata nel giro di qualche riga. D’altronde, se «l’Unità» aveva voluto affidare il racconto di quel derby a dei cronisti speciali è perché si aspettava una narrazione altrettanto fuori dal comune. Pasolini non deluse: più che dalla partita giocata, i suoi occhi furono attratti dai volti, dai colori, dalle frasi rubate ai tifosi. Proletari e borghesi, appassionati e disincantati, autoctoni e immigrati vengono passati in rassegna in un articolo che è un piccolo saggio socio-antropologico sui tifosi di calcio degli anni Cinquanta.

Nell’articolo, Pasolini descrive un tipo di tifoso da lui mal sopportato, che definisce di tipo “napoletano”, presente però in tutta Italia. È un tifoso totalmente irrazionale e talmente ammaliato dalla propria squadra del cuore, che non ascolta nessuno e nega anche i fatti più evidenti: «È illuminato, beato lui, da una specie di grazia. A nulla valgono i ragionamenti, e tanto meno le dimostrazioni e le esperienze di ogni domenica di fronte al gioco reale. Egli ha una porzione di cervello (la principale) staccata dal resto, e capace, sotto quell’illuminazione carismatica, di un solo, fisso, immutabile pensiero». La disconnessione dal mondo reale e dall’opinione altrui, l’inamovibilità e il suo essere “macchietta” lo portano all’umiliazione: «Io ho pena di quando vedo i tifosi, appunto, in maschera, con ciucciarelli, ecc».[2]

È contento di constatare la rarità di questo tipo di tifoso a Roma, almeno per ciò che riguarda le classi popolari: «Roma è veramente una grande città: l’identificazione del tifoso con la squadra non sublima sentimenti ristretti, provinciali e municipali. E poi nel romano c’è sempre quella dose di scetticismo e di distacco che lo preserva sempre dal ridicolo. Nella propria squadra egli non esalta glorie cittadine, meriti sportivi, e altre cose noiose di questo genere: egli esalta la propria “dritteria”. […] Ciò che fa più soffrire e gioire il romano alla sconfitta e alla vittoria della sua squadra è l’idea dei discorsi che dovrà fare al bar o dal barbiere. Certo! Un “dritto” può forse perdere? E se vince, può forse non dare dell’ironia – magnanima – sui vinti?». Tutto ciò, però, vale solo per i tifosi proletari, perché nel tifoso borghese «riaffiora la provincia». I sostenitori che più apprezza Pasolini sono però gli immigrati, gli ex contadini che vivono nelle baracche ai margini della metropoli, nelle nuove periferie: «Il loro amore per la Roma strappa le lacrime. L’amano disperatamente, e gridano poco: ingoiano dolori e macinano gioie in silenzio. E non dimenticano facilmente».[3]

L’articolo si conclude con il racconto dell’uscita dallo stadio, con l’entrata in scena del “Mozzone”, appellativo con cui era conosciuto Sergio Citti a Torpignattara, che prima della partita aveva chiamato Pasolini avvisarlo: «A Pa’, nun t’azzardà a dì male della Roma, eh!». Fuori dall’Olimpico, poi, dà lo spunto per il titolo: «Scrivi nell’articolo che er morto ancora puzzava, come semo usciti dallo stadio. E puzzerà tutta la settimana!». L’enigma è sciolto dalla fotografia che accompagna il pezzo: un gruppo di romanisti porta in corteo funebre una bara con scritto: «Qui giace la Lazio».[4]

Pasolini fu un frequentatore piuttosto assiduo dell’Olimpico. Gli piaceva vedere il calcio, osservare le persone che tifano, gioiscono e si disperano. «Non c’è nulla che assomiglia a uno stadio pieno di gente: anche i grandi pubblici del cinema, frazionati in mille sale e salette, non sono nulla in confronto a quella massa viva, ruggente, e infine, struggente, di spettatori», scrisse nel 1969.[5] Non andava in tribuna stampa, ma preferiva farsi portare da Citti in mezzo ai tifosi della Roma. Il suo interesse antropologico verso le masse popolari che popolavano gli stadi era affiancato da quello linguistico. Spesso si portava dietro l’immancabile blocchetto degli appunti, dove annotava espressioni o imprecazioni sentite sugli spalti.

Quella di rivolgersi più verso le tribune che verso il campo di gioco è un’abitudine che ritorna: lo fece anche assistendo a una partita di calcio ad Asmara nel 1973, quando si recò in Eritrea per girare Il fiore delle mille e una notte. Nonostante fosse una partita del massimo campionato nazionale, il livello lasciava ampiamente a desiderare: «Ma lo spettacolo – per chi, come me, fosse innamorato di tutti gli eritrei – era il pubblico: un pubblico gentile, ordinato, non privo di umorismo, con qualche scoppio però di violenza letteralmente selvaggia, alle porte d’ingresso, da parte di gruppi di ragazzetti, bastonati con altrettanta selvaggia violenza dai poliziotti».[6]

Lo stesso Sergio Citti, una decina d’anni dopo la morte di Pasolini, tornò allo stadio Olimpico per un Roma-Sampdoria: lo fece con una cinepresa in mano e anche lui rivolse il suo sguardo più agli spalti che al campo. Ne uscì il cortometraggio La partita.[7] Le riprese cominciano da fuori lo stadio, mostrando la massa di tifosi trepidanti che si avvicinano all’impianto, per poi essere fermati dalla polizia per i controlli ai tornelli. Citti fa grande uso del primo piano, scovando volti, espressioni e movimenti di singole persone. La cinepresa segue quindi il naturale flusso dei tifosi verso lo stadio, per poi gettarsi nell’ovale degli spalti e concentrarsi sui tifosi della Roma: da quelli in curva, che si sbracciano e battono i tamburi, a quelli in tribuna, più composti e attenti alla partita. La parte finale del cortometraggio è una rassegna di volti romanisti: si susseguono muti primi piani di persone intente a guardare la partita. Per Citti, come per Pasolini, la partita è una sorta di “osservatorio” privilegiato attraverso il quale scrutare e studiare il genere umano rappresentato dalla fattispecie del tifoso di calcio.

[1]Tullio De Mauro, Pasolini critico dei linguaggi, in L’Italia delle Italie, Editori Riuniti, Roma, 1987, p. 154-155

[2]Pier Paolo Pasolini, «Er morto puzzerà tutta la settimana!», L’Unità, 28 ottobre 1957.

[3]Ibidem.

[4]Ibidem.

[5]Pier Paolo Pasolini, Salvadore e la pace alla TV, Il Caos, in «Tempo», 4 gennaio 1969.

[6] Pier Paolo Pasolini, Le regole di un’illusione, Fondo Pasolini, Roma, 1991, p. 289-90. Citato in Valerio Piccioni, Quando giocava Pasolini., p.11.

[7]Sergio Citti, La partita, film-documentario.

Classe ’68, appassionato di un calcio che non c’è più. Collezionista e Giornalista, emozionato e passionale. Ideatore de GliEroidelCalcio.com. Un figlio con il quale condivide le proprie passioni. Un buon vino e un sigaro, con la compagn(i)a giusta, per riempirsi il Cuore.

Continue Reading
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Calcio, Arte & Società

Libri: “Il pallone al fronte – Gli anni di guerra in Sicilia raccontati attraverso lo sport”. La stagione 1942/43

Published on

GLIEROIDELCALCIO.COM – Pubblichiamo, come preannunciato (vedi intervista con l’autore qui), il secondo estratto del libro “Il pallone al fronte – Gli anni di guerra in Sicilia raccontati attraverso lo sport”, edito da Bradipolibri per la collana Unasci. L’estratto, scelto di concerto con l’autore, è il racconto della stagione 1942/43 tra guerra e sospensioni.

Ringraziamo ancora l’autore e la casa editrice per averci dato questa possibilità.

Buona lettura.

Il Team de Gli Eroi del Calcio.com

————–

“Il protrarsi della guerra, però, aveva creato una drammatica situazione economica in Italia. L’ordine del regime fascista fu quello di continuare i campionati di calcio, nella vana intenzione di trasmettere alla popolazione un senso di normalità ma nelle serie inferiori fu necessaria una riforma dei tornei che alleviasse i gravi disagi finanziari ed organizzativi a cui dovevano sopperire le piccole società, già costrette a far fronte alla chiamata alle armi dei giocatori sia volontari che in età militare. La soluzione fu trovata distribuendo le squadre su di un maggior numero di gironi, riducendo in tal modo la lunghezza delle trasferte e la durata del torneo. La Sicilia costituì un bel grattacapo perché vi erano solo tre società aventi diritto a partecipare alla serie C (AFC Catania, GS 58° Comando Vigili del Fuoco Palermo e AS Siracusa) a cui si aggiunse il Marsala di mister Enrico Scioscia, la cui domanda di ammissione in un primo momento era stata respinta. Per ovviare a tale problema la Federazione è costretta a ripescare alcune squadre di Prima Divisione per raggiungere un numero consistente di squadre che desse la possibilità alla vincente di presentarsi pronta ai gironi finali che si disputavano ad aprile ed in cui ci si giocava la promozione in serie B. La stampa locale e le tre società siciliane più blasonate non nascosero il loro disappunto, temendo che il livello qualitativo del campionato si sarebbe abbassato a tal punto da renderlo quasi un torneo della Sezione propaganda. Per tranquillizzare gli animi Ottorino Barassi fece tante promesse garantendo la presenza di dodici squadre, tra cui anche delle calabresi, e la disputa anche di un torneo pre-finali tra le migliori quattro, oltre a degli investimenti nel settore giovanile. Ma alla fine gli impegni presi non furono rispettati. Così il Girone N fu costituito solamente da nove formazioni siciliane con l’aggiunta dell’inesperto Siderno.

In serie B il Palermo esordì il 4 ottobre con il pareggio casalingo per 2-2 contro l’Udinese. All’undicesima giornata, in programma il 13 dicembre, l’Alessandria non riesce a raggiungere il capoluogo siculo e così viene assegnata la vittoria a tavolino ai rosanero. La situazione diventa insostenibile nel girone di ritorno. Le partite interne con Siena, Napoli, Mater, Anconitana e Novara vengono rinviate per il mancato arrivo degli avversari. Frattanto ai primi di febbraio il Palermo esonera Nigiotti e richiama in panchina Giuseppe Cutrera. Ad aprile 1943 la FIGC è costretta a constatare che non vi sono più le condizioni per poter raggiungere la Sicilia. Così il 23 aprile in Coppa Italia assegna partita vinta al Venezia contro il Palermo e poi l’indomani, pur riconoscendo “gli sforzi encomiabili delle società sicule”, decide l’esclusione di Palermo e Catania dai campionati nazionali, ritenendo non possibile il recupero delle tante partite rinviate entro la conclusione dei campionati. Le promesse del comunicato della FIGC risultano al contempo lontane e vuote di significato: “La Federazione si riserva di tenere presente, agli effetti sportivi, la posizione delle due società siciliane in vista della definitiva sistemazione dei campionati nazionali nell’immediato dopoguerra”. Così il Palermo fu escluso dal campionato alla 29a giornata e i risultati delle 24 gare che erano state disputate fino a quel momento furono annullati. Naturalmente ciò alterò gli equilibri sia nella parte alta della classifica sia nella zona retrocessione. Il Catania, invece, si trovava impegnato nel raggruppamento A delle finali per la promozione nel torneo cadetto. Infatti la squadra etnea si era piazzata al primo posto nel suo girone di serie C.”

 

Se vuoi acquistare il libro vai qui.

Continue Reading

Calcio, Arte & Società

Libri: “Il pallone al fronte – Gli anni di guerra in Sicilia raccontati attraverso lo sport”. La stagione 1914/15

Published on

GLIEROIDELCALCIO.COM – Pubblichiamo, come preannunciato (vedi intervista con l’autore qui), il primo estratto del libro “Il pallone al fronte – Gli anni di guerra in Sicilia raccontati attraverso lo sport”, edito da Bradipolibri per la collana Unasci. L’estratto, scelto di concerto con l’autore, è il racconto della stagione 1914/15 in Sicilia, durante la guerra, “La Grande Guerra”.

Ringraziamo ancora l’autore e la casa editrice per averci dato questa possibilità.

Buona lettura.

Il Team de Gli Eroi del Calcio.com

———–

Il Palermo nel 1915 (foto messinastory1900.altervista.org/)

“La stagione calcistica 1914/15 era iniziata il 4 ottobre 1914 ma seppur l’Italia avesse inizialmente scelto di rimanere neutrale, la mobilitazione preventiva dell’esercito, decisa da Vittorio Emanuele III, aveva messo in seria difficoltà i numerosi club già economicamente traballanti. Il Savoia Milano rinunciò già dalla prima gara e l’Itala Firenze addirittura prima della redazione dei calendari mentre un mese di giocò bastò per indurre il Piemonte ad alzare bandiera bianca. Naturalmente la situazione precipitò dopo l’ingresso ufficiale dell’Italia nel conflitto. Il 23 maggio sarebbe dovuto svolgersi l’ultima giornata del girone finale dell’Alta Italia. Eventi politici di ben più alta levatura investirono, tuttavia, i giorni precedenti tale data.

Il Parlamento italiano aveva votato giovedì 20 maggio i pieni poteri al governo per poter entrare in guerra. Sabato 22 maggio venne dichiarata la mobilitazione generale e così, assai precipitosamente, il 23 maggio la Federazione decise “l’immediata sospensione del campionato”: invece di fischiare l’inizio delle partite, gli arbitri lessero ai giocatori in campo un comunicato che ordinava il rinvio di ogni gara. Il provvedimento fu molto criticato, in particolare dal Genoa (prima in classifica), che emanò la seguente nota: «vista l’improvvisa delibera della FIGC, pur considerando che necessità alcuna, dopo la mobilitazione già da tempo iniziata, imponeva tale provvedimento draconiano, delibera di fronte alla imponenza e mobilità dell’attuale movimento patriottico di soprassedere per ora a quelle fondate proteste cui in tempo di vita sportiva avrebbe dovuto ricorrere». Anche il Torino (secondo in classifica), tuttavia, ebbe ragioni per protestare. Vittorio Pozzo, che era dirigente granata, scrisse: «Quindici giorni prima della sospensione, il Genoa lo avevamo battuto in casa nostra per il notevole risultato di 6-1. Avevamo, in quel giorno, scoperto varie debolezze del sistema difensivo genoano, e con un giuoco tutto d’attacco le avevamo sfruttate appieno. Se noi battevamo il Genoa anche nella partita di ritorno il Torino passava in testa, e il campionato era nostro. Questa la convinzione di tutti noi granata, quando, come su comando del fato, cessammo di giuocare e partimmo soldati». Infatti il campionato a un solo turno dal termine risulta molto incerto: in caso di vittoria del Torino sul Genoa e di mancato successo dell’Inter nel derby, si sarebbe dovuto disputare uno spareggio tra le due compagini per stabilire il campione del Nord; non solo, se l’Inter fosse riuscita a battere il Milan all’ultima giornata, avrebbe raggiunto Torino e Genoa in vetta, rendendo necessari addirittura un triangolare di spareggi. Inoltre restava ancora da disputare la Finalissima con il campione del Centro-Sud, anche se il divario del livello dei club tra le due parti della Penisola la rendeva quasi una formalità. Nelle settimane seguenti i dirigenti della FIGC discussero su come gestire l’interruzione del torneo. Poiché la dirigenza era convinta che il conflitto si sarebbe concluso vittoriosamente nel giro di poche settimane, si decise che il campionato si sarebbe ultimato alla cessazione delle ostilità. La Sicilia rimase estranea a tutte queste polemiche dal momento che nessuna società isolana partecipava alla Prima Categoria. Infatti la più importante competizione calcistica a cui prendevano parte le squadre sicule era la Lipton Challenge Cup. Il torneo, che aveva preso il posto della Whitaker Challenge Cup, era stato istituito nel 1909 dal magnate inglese del tè Sir Thomas Lipton.

Il regolamento prevedeva una fase regionale e successivamente una finale in partita unica fra le vincenti delle eliminatorie siciliane e campane. La prima squadra che fosse riuscita a vincere cinque edizioni della manifestazione si sarebbe aggiudicata definitivamente il trofeo, un’imponente coppa d’argento alta 80 cm e pesante 5 kg. Domenica 4 aprile 1915, allo stadio “Ranchibile”, il Palermo affronta l’Internazionale Napoli, che comunque era formata dai giocatori del Naples FBC. I rosa vincono di misura per 2-1 ed ottengono la quinta affermazione (la quarta consecutiva) che gli vale la conquista definitiva della coppa.

Per i rosa segnano Wood e Candrilli mentre i biancoazzurri vanno in rete grazie ad un calcio di rigore. Questa, dunque, passa alla storia come l’ultima edizione della Coppa Lipton. I giornali dell’epoca, che utilizzavano molti termini inglesi per indicare i ruoli (backs = difensori, forwards = attaccanti ecc), riportano che c’era poca gente sugli spalti, addirittura sottolineano che non vi fosse alcuna donna, e che l’incasso venne donato al Comitato Regionale della Croce Rossa.”

Se vuoi acquistare il libro vai qui.

Continue Reading

Calcio, Arte & Società

Libri: “Il pallone al fronte – Gli anni di guerra in Sicilia raccontati attraverso lo sport”. Intervista all’autore Giovanni Di Salvo

Published on

GLIEROIDELCALCIO.COM (Federico Baranello) – Per la rubrica “Calcio, Arte & Società” abbiamo raggiunto e intervistato Giovanni Di Salvo, scrittore e autore del libro “Il pallone al fronte – Gli anni di guerra in Sicilia raccontati attraverso lo sport”, edito da Bradipolibri per la collana Unasci.

Nel novembre del 1918 si concludeva l’immane tragedia ricordata come la “Prima Guerra Mondiale” o “Grande Guerra”. Quando si stava ancora cercando di ripartire ecco che, nel 1939, i principali stati mondiali ripiombarono nuovamente nella spirale di sangue e orrore generata da un nuovo conflitto mondiale. Anche il pallone andò al fronte e le sue vicende ed aneddoti si intrecciarono con quelle dei campi di battaglia. Storie che Giovanni Di Salvo ha voluto riportare alla luce, dopo un lungo periodo di ricerche. Abbiamo incontrato l’autore per permettere a tutti noi di meglio comprendere il contenuto del libro. Un triplo appuntamento, oggi l’intervista e nei prossimi giorni due estratti.

Buona Lettura.

 

Giovanni, dopo alcuni libri sulla storia del calcio femminile, possiamo dire tua specializzazione, ecco “Il pallone al fronte”, cosa ti ha ispirato…

Come era stato per i miei primi due libri dedicati al calcio femminile, “Quando le ballerine danzavano col pallone” e “Le pioniere del calcio”, l’ispirazione mi è venuta dalla mancanza di testi ed informazioni su questo argomento. Infatti qualche anno fa mi ero incuriosito sul rapporto particolare, a causa della sua insularità, tra la Sicilia ed i due conflitti mondiali e pertanto volevo conoscere meglio il contesto sportivo dell’epoca. Su internet si trovava ben poco e le informazioni spesso erano lacunose, frammentarie ed errate. Ho letto alcuni libri sulla storia delle principali squadre calcistiche siciliane ed ho notato che questi periodi, soprattutto dal 1943 al 1945, venivano saltati o trattatati in maniera molto sintetica. Ho anche provato a contattare qualcuno di quegli autori e mi è stato risposto che a causa della difficoltà nel reperire giornali o cronache del periodo era quasi impossibile riuscire a ricostruire in maniera approfondita i campionati di quel periodo. Quindi mi sono chiesto: Perché non provarci? È stata una bella sfida e credo che alla fine il risultato sia stato soddisfacente.

“Sport” e “Guerra”, sono due termini che spesso nella storia abbiamo visto “vicini”; cosa hanno “raccontato” nella storia della Sicilia …

I due conflitti mondiali in Sicilia hanno due storie completamente diverse. Nel periodo 1914-18 il football non era ancora molto diffuso nell’isola e lo si praticava soprattutto nelle grandi città. Così la Trinacria praticamente non ne risentì della decisione della Federazione di sospendere i campionati. L’attività calcistica siciliana, che naturalmente soffrì per i costi in termini di uomini e di ristrettezze economiche che comportava il conflitto, fu costituita da tornei per beneficenza e da partite contro i membri delle navi militari che attraccavano ai porti.

La situazione fu completamente diversa in occasione della Seconda Guerra Mondiale. Ormai le società sicule erano perfettamente integrate nel tessuto calcistico nazionale. A dispetto di quanto avvenuto durante la Grande Guerra, l’ingresso dell’Italia nel conflitto non comportò la sospensione dei campionati. Dalla serie A fino ai tornei regionali, l’ordine imperativo del Regime fu quello di giocare.

Tra difficoltà sempre più crescenti si andò avanti per un paio di stagioni. Finché ad aprile del 1943, a campionati in corso, la FIGC fu costretta a constatare che non vi erano più le condizioni per poter raggiungere la Sicilia: il Palermo venne escluso dalla serie B e il Catania dalle finali di serie C per la promozione in cadetteria.

A metà agosto del 1943 le forze Alleate liberarono l’isola dalle truppe italo-tedesche e il fronte del combattimento si spostò sulla penisola. Dunque la Trinacria era stata la prima regione in cui il calcio si era fermato ma sarà anche la prima in cui riparte.

Quale il metodo utilizzato per la narrazione…

I fatti vengono raccontati cronologicamente esaminando il contesto generale e poi soffermandosi sulle vicende in Sicilia. Ho scelto di dividere l’opera in dieci capitoli. I primi cinque sono dedicati alla Grande Guerra mentre i restanti cinque al secondo conflitto mondiale. Infine c’è la sezione almanacco con risultati, classifiche e tabellini delle partite – dai campionati nazionali in cui erano impegnate le squadre siciliane fino ai campionati regionali – dalla stagione 1940/41 a quella 1944/45. Insomma ho cercato di venire incontro a tutte le tipologie di lettore. Chi è appassionato di storia o un semplice tifoso troverà la risposta a tutte le sue curiosità leggendo i dieci capitoli del libro. I giornalisti ed i ricercatori del settore, invece, potranno approfondire ulteriormente gli argomenti trattati tramite la sezione almanacco, che risulterà un prezioso strumento per i loro lavori.

Lega Arsenale 1944/45 (Squadra di Messina)

Quanta ricerca c’è in un libro come questo e quali i luoghi che hai visitato per fare ricerche…

I miei libri solitamente hanno un periodo di “gestazione” di circa 3-4 anni. Infatti non mi limito a svolgere le ricerche nei principali giornali del periodo ma setaccio tutte le pubblicazioni uscite e la stessa notizia, ove possibile, la confronto con fonti diverse. Ho consultato i testi delle Biblioteche di Palermo, Messina, Trapani e Catania. Inoltre, per comprendere meglio il contesto storico, ho partecipato a mostre ed eventi sulle Guerre Mondiali nonché ho visitato personalmente alcuni luoghi dove si sono verificati alcuni degli eventi che narro. A titolo di esempio basti dire che sono stato in tutti i rifugi antiaerei della mia città.

Quali misteri svela il libro…

Ne accenno due, poi saranno i lettori a scoprire tutti i dettagli tra le pagine del libro.  Il primo riguarda dei cannoli ed è avvenuto durante la Grande Guerra. Il secondo è un incontro che ebbe la carovana del Palermo con un personaggio “particolare” in occasione di una trasferta nel Campionato Regionale Misto.

Bene, stai creando suspence…che “cosa” è questo libro per te, cosa rappresenta…

Un mio caro amico, Gaetano Sconzo, proprio l’altro giorno mi ha detto: “Quando esce un libro è una grande gioia perché è come se fosse nato un bambino”. Devo dire che è una frase molto calzante. Infatti ogni mio libro lo considero come se fosse un figlio.

Adesso devi convincere i nostri lettori a leggerlo…

“Il Pallone al fronte” è un libro scritto da un appassionato di sport per degli appassionati di sport. Ma anche per tutti quelli che vogliono conoscere meglio le vicende sportive delle loro squadre del cuore durante quegli anni bui. Ed ancora per chi si interessa di storia e potrà ripercorrere le vicende dei due conflitti mondiali attraverso il punto di vista dei siciliani e del loro mondo sportivo.

Questo testo permette di dare il giusto valore e credito a tante storie “perse”, di cui quasi nessuno si ricorda più.

Ad esempio quella del 58° GS Vigili del Fuoco di Palermo, che nel giugno del 1941 venne promosso in serie C dove disputò due grandi campionati o ancora dell’Aviosicula, la squadra dell’aviazione militare. Ed ancora della SPAL Caltanissetta, che faceva capo al Colonnello Chiapponi, ferrarese e tifoso della ben più nota formazione estense. Senza dimenticare Lega Arsenale, Peloro e Liberi Provinciale che fecero rinascere il calcio a Messina così come avvenne a Catania con Elefante, Etna, Catanese e Virtus Catania.

E di tante altre squadre ormai scomparse e di cui il lettore potrà apprezzare le imprese sportive.

Grazie Giovanni

Se vuoi acquistare il libro vai qui

Continue Reading

più letti

WP-Backgrounds Lite by InoPlugs Web Design and Juwelier Schönmann 1010 Wien
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: