Connect with us

La Penna degli Altri

Giancarlo Antognoni: l’ eterno Diez gigliato

Published on

NUMERO-DIEZ.COM (Giuseppe D’Alessandro) – Massimo rappresentante di una Dieci viola da tempo in vagabondaggio, è uno dei giocatori più amati da chi la viola l’ha vissuta e la vive tuttora.

Storico capitanobandiera, emblema di un’ epoca passata. Capostipite di un calcio che rappresentava il popolo, un calcio in cui gli uomini, ancor prima che i calciatori, erano pronti a legarsi in eterno ad una città. Ha giocato con Graziani, Cabrini, con Paolo Rossi e con il primo Baggio. Ha vinto una Coppa Italia ed una Coppa di lega italo-inglese, un Campionato del Mondo con la Nazionale Italiana, nel 2017 gli è stato riconosciuto il ”Collare d’oro al Merito Sportivo”, insieme a tutti gli altri rappresentanti di quello storico ’82.

È ad oggi il giocatore con più presenze in maglia viola nella storia del suo club: 341 gare disputate e con le 73 uscite in Nazionale è anche il giocatore della Fiorentina con più comparse in azzurro. Nel 2010 è stato premiato per la sua carriera con il Golden Foot.

Il Diez di oggi è ”l’uomo che gioca guardando le stelle”, cosi’ lo definì Vladimiro Caminiti sulle pagine di Tuttosport il giorno dopo il suo esordio. Il Diez di oggi è ”Antonio”, il soprannome di una vita a Firenze. Il Diez di oggi è Firenze, è la Fiorentina del decennio ’70-’80 e non solo.

IL ”GIOVANE RIVERA”

Perugino di nascita, Giancarlo Antognoni a 15 anni si ritrovo a giocare in Piemonte, con il Torino, dove però ebbe il tempo di giocare solo un’amichevole, per poi passare all’ Asti Ma.Co.Bi in Serie D.

L’amore con la Fiorentina fu quasi immediato: il presidente viola Ugolino Ugolini lo vide giocare e lo volle subito a Firenze, tanto che nel 1972 lo prelevò per la cifra di 435 milioni di vecchie lire. A Firenze poi, Antognoni ci rimase per sempre.

Era una persona timida, non molto estroversa, ma capì ben presto che era un campo da calcio il luogo in cui avrebbe potuto trovare la sicurezza di fare ciò che volesse lui, non gli altri. Ciò che volesse lo fece, già all’esordio a Verona, con la maglia numero 8. Tanto che il giorno dopo, l’allora diciottenne, fu esaltato dalla critica giornalistica: il Corriere dello Sport lo definì ”Un giovane Rivera”, lui che, milanista di famiglia, quasi ironicamente, Rivera lo sognava:

”Era il mio idolo. A Perugia mio padre gestiva un bar che era anche sede di un Milan Club, squadra in cui da piccolo sognavo di giocare.”

Lo si capiva subito che Antognoni non fosse un giocatore comune: elegante, con la sua corsa leggera ha incantato generazioni. Dai 16/20 metri era letale da calcio piazzato. ”Il piede o ce l’hai o fai fatica a costruirlo” dirà lo stesso Giancarlo anni dopo in un’intervista, e lui il piede ce l’aveva, era una cosa naturale e lo sapeva, tanto che un suo rimpianto è ad oggi quello di non essersi mai allenato bene per perfezionarsi ancor di più.

”Antognoni è uno dei grandi 5 nella storia capaci di passare a 40 metri, non lanciare, il lancio è quasi a casaccio. Lui faceva cadere la palla sui piedi del compagno, come lui solo Puskas, Dino Sani a Milano ed altri pochi. Neanche Cruijff, lui arrivava a 30.”

Marcello Giannini

Nel 1975 Antognoni vinse la Coppa Italia a Roma contro il Milan proprio di Rivera e la Coppa di lega italo-inglese contro il West Ham. Nel ’78 ereditò la fascia da capitano da Ennio Pellegrini, da lì non la tolse più.

Nel 1980 portò dopo un decennio la Fiorentina a lottare per uno scudetto, fermandosi ad un passo dal successo nella stagione ’81/’82, annata in cui a vincere il titolo fu la Juventus, all’ultima giornata.

”Per quel campionato perduto grido ancora vendetta. Arrivammo ad un punto dalla Juve e all’ultima giornata a Cagliari ci annullarono  un gol regolare di Graziani, mentre la Juve vinse a Catanzaro con un rigore, che c’era.

Forse non doveva finire con uno spareggio perchè c’era il Mondiale che incombeva e in Nazionale eravamo in cinque della Fiorentina e in sette o otto della Juventus”

Mondiale che, come vedremo, Giancarlo vivrà da protagonista.

UN GIOCATORE ”SFORTUNATO”

”Nei momenti cruciali la sfortuna mi ha sempre colpito. Vuol dire che era destino…”

Non è stata una carriera fortunata quella di Giancarlo Antognoni: il 22 Novembre del 1981 il primo infortunio, il più grave.

Fiorentina-Genoa, a Firenze, al decimo minuto della ripresa, con i gigliati in vantaggio per 2-1, tutta l’Italia trema. Antognoni è a terra, immobile, per qualche secondo il suo cuore non batte. Era solo dinanzi al portiere genoano Silvano Martina, e con un colpo di testa si era portato in avanti il portiere, proprio per superare l’estremo difensore che, in uno scellerato tentativo di recupero, aveva colpito con un calcio la tempia del 10 viola.

Quel giorno Giancarlo rischiò la vita e di quei dieci maledetti minuti non ricorda nulla, tranne la faccia della moglie al suo risveglio negli spogliatoi. Il Comunale di Firenze è il silenzio, qualcuno piange, qualcuno si mette le mani tra i capelli, i calciatori  capiscono subito la gravità della situazione. Il massaggiatore della Fiorentina, ”Pallino” Raveggi, pratica la respirazione bocca a bocca, mentre il medico del Genoa, il  professor Gatto, tenta un massaggio cardiaco. Il giocatore è salvo, riprende a respirare e viene trasportato in ospedale: trauma cranico, diverse fratture, ma Antognoni si riprende e torna in campo a fine stagione, pronto per il Mondiale dove però, purtroppo, sarà costretto a vive un altro infortunio.

Nostante tutto l’esperienza in Spagna non sarà negativa…

TRIONFO MONDIALE

Spagna ’82, chi l’ha vissuta la ricorda sempre con amore e nostalgia. Quello azzurro era un gruppo unito, costituito già nel ’78: CabriniTardelliRossiAntognoni. Quattro anni dopo, con lo stesso allenatore, Bearzot, un comunicatore, il gruppo nelle partite importanti è venuto fuori.

Era un Mondiale insperato: Brasile ed Argentina nel girone, due delle squadre più forti del monto. Lo stesso Antognoni ammetterà che superati loro, divenne tutto più facile.

Giancarlo fu già titolare stabile in Argentina nel ’78 prima e in Italia per i Campionati Europei dell’ ’80 poi. Nell’ ‘ 82 fu riconfermato. In terra iberica, già contro il Brasile, segnò il suo primo gol, annullato poi per un fuorigioco inesistente. Fu protagonista di una cavalcata colossale, ma, colpito dalla solita sfortuna di cui prima, la sua avventura terminò in semifinale, contro la Polonia, quando un fallo di Waldemar Jozef Matysik lo costrinse alla tribuna: un altro infortunio.

”A parte quella partita di Cagliari che ci costò lo scudetto, la finale del Mundial spagnolo che non mi fu possibile giocare fu la più grande delusione della mia vita. Quella volta mi girarono parecchio le scatole. Vidi Italia-Germania dalla tribuna stampa”

 GLI ULTIMI ANNI A FIRENZE E LA SVIZZERA

Tornato dalla Spagna, nel 1983, Giancarlo Antognoni fu vittima di un altro infortunio: lo scontro con il difensore della Sampdoria Luca Pellegrini gli costa un frattura scomposta di tibia e perone,  il dieci salterà l’intera stagione per tornare solo nell’ ’85, quando l’allora allenatore della Fiorentina, Aldo Agrobbi, fu aspramente criticato ed addirittura aggredito, accusato di aver voluto ratificare il ritorno del capitano viola.

Nell’ ’86, Antognoni, vittima di un altro infortunio in Coppa Italia, rientrò nel girone di ritorno e, con l’aiuto del bomber argentino Ramon Diaz, trascinò la sua Fiorentina ad una salvezza insperata.

Segnò la sua ultima rete in maglia viola nell’ ’87 in un derby contro l’Empoli e lasciò la Fiorentina a fine stagione, giocando la sua ultima partita al fianco del ”primo” Baggio che, proprio in quella partita al San Paolo, segnò il suo primo gol.

Era il classico passaggio di consegne. Entrambi sono la storia del calcio, la storia della Nazionale, la storia della Fiorentina. Entrambi assillati da infortuni gravi.

Giancarlo Antognoni si trasferì, finita la sua avventura a Firenze, a Losanna, in Svizzera:

”A Losanna volevo staccare, avevo bisogno di pace, poi lì è nata mia figlia Rubinia, ci sono legato sia calcisticamente che emotivamente. La Svizzera è tranquilla.”

Tornerà a Firenze nel ’90, ricoprendo diversi incarichi societari, tra cui l’allenatore ad interim nel 1993. Nel 2001 si dimise dal club in seguito all’abbandono della panchina da parte di Fatih Terim e strinse un contratto con la FIGC come collaboratore.

Dal 2017 è club manager della Fiorentina. D’altronde, certi amori non finiscono…

”Sono contento di quello che ho fatto, ho solo il rimpianto di aver vinto poco con la mia squadra, ma dopo 20 anni l’affetto dei tifosi vale come tanti scudetti. Quando vado a Firenze, per i fiorentini è come se giocassi ancora.”

IL DIECI VAGANTE

Con una 10 vagabonda, così avevamo iniziato il racconto.

Da Ruben Oliveira a Pjaca, passando per Aquilani ed Eysseric, con l’unica speranza di poter vedere Bernardeschi in viola a lungo (il seguito è storia conosciuta), il prestigio di quella maglia tanto ambita sembra essere da un paio di anni a questa parte destinato a Federico Chiesa, lui che a Firenze c’è legato con il sangue (il padre Enrico ha lasciato un bel ricordo dei sui anni in viola a cavallo tra i millenni), ma che è ambito in mezza Italia e non solo.

Chi sarà degno di quella maglia ce lo saprà dire solo il futuro, ma ad ora una cosa è certa:

”Antonioni, come numero Dieci, è sopra tutti.”

Marcello Giannini

Vai all’articolo originale

Continue Reading
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La Penna degli Altri

Sampdoria-Malines trent’anni dopo

Published on

GENOASAMP.COM (Marco Ferrera) – Era caduta tanta pioggia nella notte tra il 18 ed il 19 aprile 1989 ed aveva reso il prato del Ferraris più simile ad un galoppatoio che ad un campo di calcio. Era il Ferraris a metà, per i lavori di Italia 90, ed i ventimila stipati e fasciati di blucerchiato erano pronti come sempre a sospingere la squadra di Boskov a conquistare un sogno , la prima finale europea della storia, quella di Coppe delle Coppe in programma a Berna nel mese di maggio. Gli avversari erano quelli del Malines, i belgi di Aad De Mos, tecnico olandese, imbattuti da sedici incontri, con in porta uno dei più forti interpreti del ruolo a livello mondiale, Michel Preud’Homme, all’andata solo un gol di Vialli nel finale aveva reso possibile la rimonta, dopo l’uno due dei padroni di casa.
Quel pomeriggio di fango , di fatica e di sudore Gianluca era squalificato ed il “labbro di Novi Sad” si affidò in attacco a Loris Pradella, centravanti “razza Piave”, forte fisicamente ma tanto grezzo e dal gol difficile con a fianco Roberto Mancini, in una di quelle giornate in cui il numero dieci “sentiva” troppo la partita , non riuscendo ad esprimere le sue straordinarie qualità, tanto più su un terreno simile ad un pantano.

Per un’ora i fiamminghi furono padroni del match, Vierchowod si immolò per salvare su un avversario lanciato verso Pagliuca, venne ammonito, un giallo pesante, che gli avrebbe fatto saltare l’eventuale finale. Finale? Ben pochi ci speravano, tanto più quando mancavano poco più di venti minuti alla fine, lo zero a zero non si schiodava e cosa ti inventa Vuja ? Fuori proprio Pradella e dentro Bonomi, un centrocampista, ordinato e nemmeno fantasioso, con Dossena sganciato a creare in appoggio al Mancini poco ispirato di quel giorno, che quando mancavano venti minuti alla fine inventò il corridoio vincente per l’inserimento di Cerezo, abbiamo ancora negli occhi le lunghe e scoordinate leve di Toninho che amministrano la sfera, con il numero otto che si presenta davanti all’imbattibile portiere belga e lo supera con un destro preciso, che bacia il palo e si infila nella rete intrisa d’acqua e di fango, con un boato che fa scuotere Marassi, come se invece di ventimila ci fossero centomila voci a gridare la propria gioia.

E da quel momento assistiamo a venti minuti di gioco, di calcio, di passione, di unione , di spirito di squadra come raramente, forse mai, ci è capitato di vedere, Fausto Pari e Victor Munoz sono maschere di fango, corrono e tamponano, i belgi capiscono che devono far gol per non uscire dalla Coppa, cingono con manovre avvolgenti la difesa davanti a Pagliuca, che difende il golletto insieme a tutta la mezza gradinata e quando il cronometro recita l’85’ , con i giallorossi del Mechelen tutti in avanti, cosa succede? Bonomi respinge una palla al limite della propria area, alleggerisce su Dossena che da centravanti (che non è) gliela ritorna e si lancia nella metà campo sguarnita, vai Dossena, vai Beppe, è una fuga verso Preud’Homme, cuore , fatica e fango , non ce la può fare, la vista ti si annebbia, esce il portierone al limite dell’area, sembra in vantaggio ma Beppe cosa fa? Pelé ai mondiali di Messico 70 sfiorò il gol del secolo contro l’Uruguay, contro Mazurkiewicz, palla da una parte e aggiramento dell’avversario per poi concludere verso la porta sguarnita… quel giorno sull’altopiano messicano la battuta di “O rey” terminò fuori, quel pomeriggio del 19 Aprile 1989 Dossena si fece re, anzi imperatore, andò a riprendere la sfera dopo quella giocata e la scaraventò nella porta incustodita, per un due a zero che resterà nei cuori di tutti i tifosi blucerchiati, chi c’era e chi non c’era, a trepidare davanti alla TV con la voce di Ennio Vitanza. E come in un crescendo rossiniano la Samp d’oro di quel pomeriggio fece anche il terzo e a segnarlo fu il più piccolo di tutti, ma in quel momento in cui scoccò il dardo del terzo gol Faustino Salsano diventò un gigante, rendendo indimenticabile quel pomeriggio di fango, di fatica, di sudore e di lacrime, che copiose scendevano in campo e sugli spalti per aver raggiunto in quel modo una finale europea. Poi arrivò Berna, ma quella è un’altra storia, il pomeriggio del 19 aprile ne era stata scritta una davvero indelebile da quei ragazzi in maglia blucerchiata e dal loro condottiero, l’inarrivabile Vujadin Boskov.

Vai all’articolo originale

Continue Reading

La Penna degli Altri

Cartoline ingiallite di un calcio romantico …

Published on

SSLAZIOFANS.IT (Stefano Greco) – Ci sono foto che solo a vederle ti fanno venire i brividi, perché sono come dei passepartout in grado di aprire quei forzieri in cui sono custoditi i ricordi più preziosi, le sensazioni e le emozioni legate a quel pallone che rotola sul campo e che fin da bambino ti ha regalato gioie e dolori, che ti ha fatto sognare, gioire o piangere. Rovistando in un cassetto in cui sono raccolti vecchi biglietti e abbonamenti, esce fuori una foto ingiallita dal tempo, quasi ridicola rivista a quasi 50 anni di distanza. Insieme a quella, c’è un ritaglio di una pagina di giornale con la cronaca della partita e a una foto del parterre del vecchio Olimpico con un tifoso che corre sventolando la bandiera e sullo sfondo uno striscione con un messaggio (che non sarà raccolto) al ct azzurro Ferruccio Valcareggi: “Chinaglia in Mexico”. Risale tutto al 19 aprile del 1970, il giorno di Lazio-Bari 4-1. E anche se è passato quasi mezzo secolo, vedendo ritagli e foto la mente vola a quei giorni felici e spensierati.

C’è tanta storia in questo collage, ci sono emozioni e sensazioni che riaffiorano e che fanno quasi male pensando non a quanto tempo è passato, ma soprattutto a quante cose sono cambiate e a quanto a volte è ingiusta e cattiva la vita. Quindi, prima di parlare di quel Lazio-Bari del 19 aprile del 1970, parto da quel bambino che sta insieme a me in posa in quella foto, scattata sul piazzale della palla dello Stadio Olimpico tra la Curva Sud e la Tribuna Tevere: è mio cugino Roberto, il figlio del fratello grande di mio padre. O meglio, era… Io e Roberto siamo cresciuti insieme, facevamo tutto insieme perché ci separava un solo anno d’età che era nulla. Mio cugino aveva un dono: aveva i piedi fatati. Avete presente quei talenti che messi in un campo di calcio sono in grado di mandare il pallone dove vogliono? Ecco, lui era uno di quelli. Ma non ha sfondato nel calcio a causa di una delusione da tifoso. Finita la terza media, mio cugino va a giocare un torneo nazionale e gioca da Dio, al punto che dopo pochi giorni mio zio riceve una telefonata da parte della Juventus. A Roma si presenta un signore distinto che chiede a mio zio di firmare il primo cartellino di Roberto con la Juventus, in cambio di vitto e alloggio pagati e della garanzia dell’iscrizione di mio cugino in un collegio in cui la Juventus manda a studiare tutti i ragazzi del settore giovanile che non sono di Torino. Insomma, un posto nella Academy della Juventus (già, era il 1974 e la Juventus aveva già una Academy…) e la possibilità di entrare nel grande calcio dalla porta principale. Il problema, è che mio cugino e mio zio (come tutti i Greco dalla fondazione della Lazio a oggi) sono laziali e la Juventus in quel momento è la grande rivale della Lazio. Certo, c’è anche la distanza tra Roma e Torino a mettere più di un dubbio, aggiunta al fatto che Roberto è figlio unico: e tutto questo non aiuta. Ma quando c’è da decidere, Roberto chiede a zio: “Ma se mi vuole la Juventus, perché non posso giocare nella Lazio?”…

Quella domanda resta come appesa, senza una risposta. Mio zio, in cerca di una risposta e di una soluzione fa qualche telefonata, chiama vecchi amici di mio nonno Tullio che negli anni Venti era stato dirigente della Lazio e sindaco del Consiglio Direttivo che nel 1927 sventò la fusione, nonché amico e consigliere del Generale Vaccaro, in modo da far fare un provino a mio cugino con la Lazio. Il provino si fa ma la Lazio dice di NO, quindi resta solo l’ipotesi Juventus. Ma l’amore per Roma e la Lazio è troppo forte e mio cugino dice NO GRAZIE e da quel momento in poi decide che per lui il calcio è solo un passatempo e una passione da vivere non in campo, ma sugli spalti. Si laurea, entra in RAI (dove diventa vice direttore dell’ufficio del personale) e resta tifoso, nonostante quella grande delusione provata quando si è sentito dire di NO. Ha tutto dalla vita, vede come me la Lazio vincere due scudetti e trionfare in Europa, ma sul più bello la vita gli toglie tutto, all’improvviso, perché nel 2002 a poco più di 41 anni viene sconfitto dallo stesso male infame che si è portato via ancora giovane anche nonno. E che ha attaccato anche il sottoscritto proprio l’anno successivo. Ma io, al contrario di Roberto, oggi ho la fortuna di poterlo raccontare…

Per questo quella foto mi apre il cuore ma al tempo stesso me lo spezza, perché con mio cugino ho condiviso tutto da ragazzo. I pranzi prima di andare allo stadio a casa di nonna a via Aterno, in quel palazzetto nel quartiere Coppedé; le lunghe attese in quella Tribuna Tevere Numerata quasi deserta in cui con le panche numerate vuote io e lui ci sistemavamo sui gradoni di marmo perché l’abbonamento da aquilotto ci dava il diritto all’ingresso in tribuna ma non al posto, quindi dovevamo arrangiarci in qualche modo; le risate sotto il sole; oppure quando l’acqua ci entrava da tutte le parti in quelle ore d’attesa nelle domeniche di pioggia; gli abbracci ai gol di Giorgio Chinaglia; quell’adesivo con lo scudetto strappato dal petto per scaramanzia alla fine del primo tempo di Lazio-Foggia; l’abbraccio il giorno del secondo scudetto in quel “buen retiro” di amanti del calcio che è la Tribuna Tevere Numerata pensando a zio Giorgio che non c’era più; la lite furibonda fatta quando lui, da responsabile dell’ufficio del personale bocciò (per non dare l’idea di favoritismi) il mio contratto d’assunzione in RAI firmato nel 1994 dall’allora direttore dello sport di RAI3… Insomma, di tutto e di più.

Quel Lazio-Bari, lo ricordo in modo particolare perché la Lazio stava vivendo una sorta di sogno. Appena tornata in Serie A e partita per salvarsi, la squadra costruita da Lorenzo battendo il Bari poteva addirittura agguantare per la prima volta nella storia la qualificazione per partecipare ad una Coppa Europea, trascinata dai gol di quel gigante, grezzo,  sgraziato ma incontenibile che rispondeva al nome di Giorgio Chinaglia. Ed ecco che la foto a colori si lega a quella in bianco e nero, a quell’immagine del tifoso che corre nel vecchio parterre dello stadio Olimpico sventolando una bandiera. Un’immagine impossibile oggi, perché quel parterre usato allora nelle lunghe ore di attesa prima della partita addirittura come campo da calcio improvvisato in cui in 100 si contendevano un pallone non esiste più. Ma anche perché con tutti i divieti che ci sono oggi quel tifoso rischierebbe la multa o il daspo immediato per aver abbandonato il suo posto e per aver scorrazzato da un settore all’altro. E poi quello striscione, quell’invito a Valcareggi a portare Chinaglia in Messico per partecipare a quella che è stata una delle avventure più belle nella storia della Nazionale italiana di calcio. Chinaglia quel posto sull’aereo se lo era meritato a suon di gol, perché con 12 reti in classifica dei cannonieri stava insieme a Chiarugi e a Prati e Boninsegna che poi in Messico ci sono andati. Ma la Lazio in quel momento non è una grande del calcio italiano, quindi Chinaglia quel mondiale lo vede alla tv come tutti noi, pur avendo raccolto in quella stagione scalpi importanti segnando a Milan, Fiorentina (che giocava con lo scudetto sul petto), Inter e Juventus, tutte cadute all’Olimpico sotto i colpi di Long John. Chinaglia segna anche in quell’ultima partita all’Olimpico. Un gol inutile allo scadere, quello del 4-1, ma che viene festeggiato come se fosse il gol della vittoria, con i tifosi già in campo per abbracciare e ringraziare la squadra per quell’annata incredibile, da sogno. Pensate cosa scatenerebbe oggi un’invasione di campo, seppur festosa.

Quel giorno, seduto sugli spalti, ho invidiato quei tifosi che scorrazzavano sul prato verde, ma ancora di più quelli entrati in campo con in testa dei cappelli diversi da quelli imposti a noi per ripararci dal sole a picco: erano dei gran sombreri, portati in campo per metterli sulla testa di Giorgio Chinaglia come augurio per la convocazione a Messico 1970. Invece, come ho scritto prima, nonostante le 6 reti segnate nelle ultime sei giornate di campionato e l’inserimento nella lista dei 40 giocatori selezionati da cui tirare fuori i 24 convocati, Giorgio non c’è mai salito su quell’aereo per Città del Messico.

Cartoline di un calcio e di un mondo d’altri tempi, di ricordi indelebili, di anni spensierati che non torneranno più ma che fanno parte di quel patrimonio di emozioni che rende piacevole il ricordo di quel tempo che fu. È ridicola quella foto vista oggi, con quei cappelli e quell’abbigliamento (soprattutto il mio) da americani in vacanza. Ma che gioia aver potuto vivere quegli anni e quel calcio…

Vai all’articolo originale

Continue Reading

La Penna degli Altri

Bettanini e D’Angelo sul Museo Rossoblù: «Naturale portarlo al Ferraris»

Published on

ILSECOLOXIX.IT – La Fondazione Genoa ha da poco compiuto 13 anni e per rilanciarsi torna all’origine. A quel professor Andrea D’Angelo che, insieme al collega Sergio Maria Carbone e al presidente Enrico Preziosi, ebbe l’idea di costituirla, in uno dei momenti più difficile della storia recente del Grifone. «Era una reazione a quel momento così complesso, uno strumento di salvaguardia e di garanzia, uno strumento per raccogliere risorse della genoanità. Nel tempo lo slancio si è un po’ affievolito, per tante difficoltà che abbiamo dovuto affrontare, tra cui le difficoltà di sinergia con la società. La nascita del Museo è un grande obiettivo che abbiamo raggiunto, ora è il momento di rilanciare l’attività della Fondazione», sottolinea D’Angelo, che al suo fianco ha il professor Antonio Bettanini. «La Fondazione è un’idea di grande lungimiranza, un valore aggiunto in prospettiva anche per il club, che ringrazio per avermi dato la possibilità di lavorare a questo progetto».

Il Museo è il fiore all’occhiello dell’attività della Fondazione, lo scrigno che contiene cimeli e trofei dell’ultracentenaria storia rossoblù. Nei programmi c’è il suo trasferimento allo stadio Ferraris, una volta che saranno terminati i lavori del secondo lotto, quindi non prima del 2020. D’Angelo conferma: «Il Ferraris è la sua collocazione naturale, nel progetto di ristrutturazione dello stadio che la Fondazione aveva preparato anni fa era prevista la presenza del museo. Naturalmente ci sarà da gestire la coabitazione però sotto questo aspetto saranno i due club e il Comune a darci indicazioni. C’è da affrontare però una fase di transizione e quindi vorremmo avere garanzie riguardo a questo periodo, perché non sia compromessa la sua funzionalità anche solo temporaneamente».

Lo Store si sposterà in centro nei prossimi mesi, il Museo dovrebbe restare al Porto Antico ancora per qualche tempo, anche se il contratto scadrà a fine 2019. Così Bettanini: «Credo che l’intenzione sia quella di non muoversi da lì, fino a quando non saranno pronti gli spazi allo stadio. Presto ci incontreremo con l’ad Zarbano, come già avvenuto in passato, per fare il punto della situazione».

Vai all’articolo originale

Continue Reading

Newsletter

più letti

WP-Backgrounds Lite by InoPlugs Web Design and Juwelier Schönmann 1010 Wien
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: