Connect with us

La Penna degli Altri

Napoli, ti ricordi Piedino Palanca?

Published on

E’ un Massimo Palanca rammaricato e preoccupato quello che rilascia l’intervista a “Il Mattino”: rammaricato per come è andata la sua carriera che passa dall’essere voluto da tutti alla solitudine e preoccupato ora invece per la situazione di Camerino dopo il terremoto del 2016. È nella cittadina in provincia di Macerata infatti che Palanca aveva un negozio di abbigliamento devastato dal terremoto, una cittadina la cui ricostruzione tarda a partire.

Palanca arrivò al Napoli nell’estate del 1981 per 1,5 miliardi di lire…

“Sì, allora con i miei tiri da calcio d’angolo risolvevo le partite”, le sue parole a “Il Mattino”, “Ne feci tredici prima di arrivare in azzurro e mi hanno dedicato anche un libro per questo. Ecco, adesso avrei bisogno di uno di quei colpi magici per tirar fuori la mia gente da questo momento drammatico».

Di seguito uno stralcio…

Peccato che a Napoli non ha lasciato un ricordo di gol.
«Macché. Appena due e nessuno al San Paolo. Assurdo».

Anche sfortunato: due rigori sbagliati nelle prime due gare in casa. Chissà i tifosi…
«No, i tifosi mi davano coraggio anche dopo gli errori dal dischetto in Coppa Italia prima con la Cremonese e poi con l’Ascoli. Figurati, Massimi’, nun ce pensa’ mi urlavano… Mai contestato, mai una parola contro. Il gol però divenne un incubo. E poi non tutti la pensavano allo stesso modo».

Ecco. I rapporti con Marchesi, il suo allenatore?
«Mi ripeteva di stare tranquillo, perché sarei rimasto io il rigorista. Ci ho creduto, ma al primo rigore in campionato calciò Guidetti. Lì ho sentito il rumore dei vetri in frantumi. Non chiesi nemmeno spiegazioni. Ma la prova che si era rotto tutto la ebbi in Jugoslavia, nella gara di ritorno di Coppa Uefa con il Radnicki Nis. Avevamo fatto 2-2 all’andata e dovevamo vincere: entrai sullo 0-0 ma un delinquente mi diede una ginocchiata dolorosissima. Io continuai nonostante la sofferenza. Finì la gara e Marchesi davanti a tutti mi accusò di non aver chiesto la sostituzione e in pratica mi diede la colpa della qualificazione fallita».

E i compagni?
«Ma no, con loro non c’era invidia. Io ero stato il vice capocannoniere l’anno prima, dietro a Pruzzo e davanti a Pellegrini. Tutti aspettavano i miei gol per lo scudetto, ma purtroppo non si crearono le condizioni per poter dare il mio apporto. Ma con Claudio (Pellegrini, ndr) ci vediamo ancora adesso, perché viviamo non molto distanti. Prima del terremoto i rapporti erano più costanti, ma la bestia non ha lesionato solo le case, ma anche le relazioni sociali. Ha delocalizzato i nostri sentimenti e le nostre amicizie».

Prima stagione al Napoli, nel 1981-1982 e un solo gol. Al Cesena. È l’inizio del tunnel?
«Sì, all’improvviso tutto va storto. L’estate del 1981, a 28 anni, avevo toccato il cielo con un dito quando il ds del Catanzaro Landini mi aveva chiamato per dirmi che avevano raggiunto l’intesa con il Napoli. Incontrai Janich ed ero l’uomo più felice della terra. Non avrei mai lasciato la mia Calabria per un posto dove non ci fosse stato il mare e il sole. Napoli era la grande città, la grande squadra: era un sogno che si realizzava».

Dodici mesi dopo…
«Mi scaricano in serie B. Incredibile, ma vero; l’estate prima avevo mezza serie A che mi cercava e poi finisco a Como. Senza spiegazioni. Vabbé, ricomincio daccapo, chi se ne importa. Firmo per due anni, ma senza saperlo c’è una clausola nel contratto di cessione: una opzione che il Napoli aveva fatto per prendere Galia. A fine anno, Juliano rinuncia a Galia, io apro i giornali e scopro che devo tornare a Napoli. Trovo Santin, mi pare l’uomo giusto per il mio rilancio. Poche settimane e viene esonerato. E chi torna? Marchesi. E lì capisco che sono al capolinea».

E tutti si scordano di lei?
«Tutti. A fine stagione, il Napoli mi lascia a piedi. È l’estate di Maradona, figurarsi se pensano a me. Penso che una squadra, in ogni caso, l’avrei trovata. Macché. Non mi arriva una telefonata, neppure per sbaglio. Chiedo a quelli del Foligno, in C2 di allenarmi con loro perché sono vicino casa. Accettano. Il silenzio continua e allora resto. Finché due anni dopo mi richiama il Catanzaro».

Che storia assurda.
«Dalle stelle alle stalle senza mai capire perché. Il calcio non ha cuore, non ha passione, non ha valori. Tritatutto. Pruzzo quando l’ho incontrato di nuovo se lo chiedeva esterrefatto: ma come è possibile che sei sparito nel nulla? Non sapevo che dirgli».

Il rimpianto?
«Quel gol dalla bandierina che non ho mai segnato al San Paolo. Lo sogno ancora di notte».

Vai all’articolo integrale

Continue Reading
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La Penna degli Altri

Leggenda Schiavio: l’Inter provò a strapparlo al Bologna, la sua risposta fu una perla di saggezza

Published on

CALCIOMERCATO.COM (Alessandro Bassi) – […] Schiavio nasce nell’ottobre del 1905 da una famiglia della buona borghesia bolognese, il padre è un noto commerciante di tessuti proprietario di una serie di rinomati negozi

[…] Gioca diverse partite con la squadra riserve sino a quando sul finire del novembre 1922 Felsner, l’allenatore austriaco dei rossoblù, decide di provarlo in una squadra mista contro la Fortitudo. Schiavio gioca molto bene, segna la prima rete dell’incontro e Felsner decide di concedergli un’altra occasione, questa volta contro un avversario ben più ostico. La vigilia di Natale del 1922 Schiavio gioca contro gli austriaci del Wiener. Gioca bene, ma non riesce ad incidere come vorrebbe. Il giorno di San Silvestro altra amichevole prestigiosa contro i magiari del Ujpest e Schiavio questa seconda occasione non se la lascia sfuggire: dribbling secco e angolato tiro di destro che va ad insaccarsi alle spalle del portiere ungherese. 1 a 0 per i rossoblù, è nata una stella, i tifosi bolognesi hanno un nuovo idolo.

[…] … domenica 28 gennaio 1923 contro la Juventus Schiavio debutto in campionato, il primo passo di un cammino lunghissimo e luminoso, sedici anni durante i quali Schiavio e il Bologna vincono tutto. Quattro campionati italiani, due Coppe dell’Europa Centrale, il prestigioso Torneo dell’Esposizione Universale del 1937 battendo in finale i “maestri” inglesi del Chelsea per 4-1, e il titolo di capocannoniere nel campionato di serie A del 1931/32.

[…]… l’Inter nella tarda estate del 1934 prova a convincere Schiavio a lasciare il Bologna e manda nientemeno che Meazza come ambasciatore[…] Meazza lo avverte che al pomeriggio sarebbe stato chiamato dal presidente nerazzurro, quest’ultimo cerca di convincere Schiavio che invece è piuttosto dubbioso, tanto che arriva a fare una super offerta. […]

Schiavio, so che al momento tu possiedi a Bologna tre negozi, questo pomeriggio ti prego di misurarne la superficie (si trattava di centinaia di metri quadrati) e di comunicarmela domani mattina quando ti ritelefonerò. Se accetterai di venire a giocare all’Inter, dopodomani ti ritroverai proprietario di un’uguale superficie commerciale in Galleria a Milano. E ciò senza grossi impegni da parte tua; dovrai soltanto restare all’Inter per tutto il tempo che continuerai a giocare”.

Insomma l’offerta interista è davvero allettante, sono tantissimi soldi. Ma non per Schiavio che il giorno dopo declina gentilmente l’offerta rispondendo in questo modo:
“Qui a Bologna lavoro con la mia famiglia e gioco nella mia squadra; i soldi non me li porterò all’altro mondo ed a quelli che verranno dopo di me, se avranno voglia di lavorare, resterà quanto necessario per continuare ed il mio augurio di una buona salute che è quella che conta di più“.

Vai all’articolo originale

Continue Reading

La Penna degli Altri

L’altro Carlo Mazzone

Published on

RIVISTACONTRASTI.IT (Matteo Mancin) – Carlo Mazzone è un uomo che veleggia verso gli 83 anni. Un allenatore che può vantare più di mille panchine ufficiali e un numero record per quello che riguarda la Serie A. Nonostante sia rimasto ai margini delle grandi piazze, e delle conseguenti vittorie, dove è passato ha lasciato il segno. Il motivo è semplice, quanto terribilmente crudele. La figura di Carlo Mazzone come allenatore è stata assassinata dalla retorica.  Non si parla mai di un mister che nonostante la mancanza di attitudine tattica è riuscito in qualche impresa mirabile, come detenere il record di punti in una sola stagione di Serie B con l’Ascoli o qualificare il piccolo Cagliari per la Coppa UEFA nel 1993. Numeri finiti nel dL0imenticatoio. Mazzone è e sarà sempre intrappolato nel personaggio di sor Carletto, l’allenatore del popolo, quello semplice, che alle alchimie tattiche preferisce gestire i suoi uomini, e che viene amato dai suoi tifosi quasi a prescindere dai risultati, per via di quella sua veracità tutta romana che conquista ed inganna allo stesso tempo.

[…] Un mister concreto, per come mette la squadra in campo e per come riesce a gestire il gruppo di calciatori a disposizione. Il pragmatismo di ferro, eccessivo ed ostentato, è la sua cifra stilistica. Alla continua ricerca di un calcio semplice, dove non servono strane formule per emergere. […] Quando nella sua favola bresciana, il presidentissimo Corioni gli regala Baggio, sor Carletto ha il merito di capire che quello è un giocatore speciale, e che deve ricevere un trattamento speciale. […] Affida le sorti della squadra ai piedi fatati di Baggio, già diventato una sorta di Papa pallonaro. Questa ricerca ossessiva del buon senso in campo è il pregio e al contempo il maggiore limite di Carlo Mazzone. Infatti quando servirebbe un guizzo, un’idea geniale da mettere sul rettangolo verde per scardinare la gara e invertire il piano inclinato della partita manca sempre il famoso centesimo per completare la lira. Non esistono contromisure in corsa, non esiste (ancora) la fisima tattica: in campo vincono i più bravi e basta.

[…] Il passaggio da allenatore di provincia a venerabile santino di un calcio nostalgico ha una linea di demarcazione ben precisa. Parliamo naturalmente dell’episodio più conosciuto, quello della corsa sotto la curva atalantina durante un derby tra i nerazzurri e il suo Brescia nel settembre del 2001.

Si tratta di un episodio che rappresenta plasticamente quello che è l’atteggiamento dell’opinione pubblica nei confronti di Mazzone, e segna per il mister romano il definitivo distacco da professionista della panchina, per entrare nella galassia delle icone pop di un’epoca, svuotando praticamente di contenuto un’intera carriera

[…] Ridurre la figura di Carletto Mazzone ad una paonazza corsa sotto la curva è però ingeneroso: come allenatore si è potuto togliere qualche soddisfazione sparsa. Se fosse un ciclista si direbbe che ha vinto qualche tappa, senza mai però avvicinarsi al trionfo completo.

Come quando il suo Perugia annega le speranze di scudetto della Juve nella celebre piscina del Renato Curi, consegnando di fatto il tricolore alla Lazio di Cragnotti. Mazzone, fedele alla sua immagine di uomo verace e con la battuta pronta, in sala stampa dirà come prima cosa che ci voleva un romanista per far vincere lo scudetto alla Lazio. Battuta fulminante e francamente riuscita, che descrive appieno il personaggio. […]

[…] Guardiola, che è stato suo giocatore nella miglior edizione della storia del Brescia, lo invita alle finali di Champions, lo omaggia appena possibile. Non si azzarda a dire che deve molto del suo calcio a quello che gli ha insegnato Mazzone. Lo chiama “maestro” più per rispetto che per reale convinzione tecnica. Sembra quasi che questo sperticato apprezzamento lo renda più umano, e lo aiuti a sfumare la naturale antipatia che le vittorie attirano. Le sue squadre infatti sono l’esatto contrario della filosofia di gioco di sor Carletto, che di certo non ha mai lanciato i suoi terzini in ardite scorribande offensive, al contrario. Accade così per Amedeo Carboni ai tempi della Roma: “‘ndo cazzo vai”, gli grida Mazzone, quando lo vede intento all’avanzata.

Fuori dallo spettacolo del gioco, fuori da ogni motivazione tecnica, la gente ama Mazzone proprio per questa natura verace. […]

Vai all’articolo originale

Continue Reading

La Penna degli Altri

Roberto Baggio, storia di un trasferimento shock

Published on

METROPOLITANMAGAZINE.IT (Andrea Mari) – […] Questa rivalità sportiva è nata negli anni ’80 ma il trasferimento di un singolo calciatore ha decretato lo strappo definitivo tra le due tifoserie: parliamo dell’addio alla maglia viola di Roberto Baggio, ceduto dai fiorentini ai piemontesi dei potenti Agnelli.

In quel di Firenze, il 18 maggio è marchiato da un bollino nero. Giorno nefasto e foriero di brutte notizie. il diciottesimo giorno del quinto mese in calendario del 1990, Roberto Baggio si trasferì dalla Fiorentina alla Juventus sancendo la contrapposizione definitiva tra tifosi viola e bianconeri. Fu la trattativa che riscrisse le regole del gioco: il “Divin Codino” abbandonò l’ombra di Palazzo della Signoria approdando sotto la Mole per 25 miliardi di lire, cifra astronomica per l’epoca.

[…] I tifosi della Fiorentina, increduli ed arrabbiati, misero a ferro e fuoco le strade di Firenze. Si registrarono ingenti danni e ci furono numerosi scontri tra la polizia ed i supporters della Viola.

Fu un vero e proprio moto rivoluzionario che coinvolse tutto il popolo fiorentino che scese in piazza per manifestare il suo dissenso. Un fiume in piena color viola che non risparmiò nessuno: un pezzo di cuore era stato asportato dall’organismo della Fiorentina e donato, su un vassoio d’argento, agli odiati rivali della Juventus. Troppo per un tifo passionale come quello toscano.

[…] In quegli anni, Juventus Fiorentina si contesero lo scettro della Serie A incontrandosi, spesso e volentieri, nelle competizioni europee.

Nel 1982, i bianconeri vinsero lo scudetto battendo nel rush finale proprio la compagine viola. Una sola lunghezza separò, alla fine del torneo, le due formazioni. Da quel momento, fu odio. La frustrazione della Fiorentina si infuocò nuovamente nel 1990: la “Vecchia Signora” vinse la Coppa Uefa ai danni della Viola in un doppio confronto che generò diverse polemiche. Nell’occhio del ciclone terminò l’arbitraggio, considerato troppo di parte dai toscani.

La goccia che fece traboccare il vaso cadde pochi giorni dopo la delusione europea: Caliendo, procuratore di Roberto Baggio, annunciò il passaggio del “Divin Codino” alla corte di Agnelli. Fu il caos.

Guerra civile. Per un calciatore, per il simbolo dell’amore verso la fede calcistica. In mezzo, la città di Firenze. Si registrarono diversi danni e numerosi scontri tra tifosi e polizia. Il popolo viola chiese, a gran voce, la testa del presidente Pontello mentre assaltava, con ferocia e rancore, la sede della Fiorentina. Non insorsero dei facinorosi, bensì dei cittadini follemente innamorati della propria squadra e di quel numero dieci che disegnava calcio e magia in campo.

Intanto, Roberto Baggio si rifiutò di indossare la sciarpa della Juventus durante la conferenza stampa di presentazione, in segno di rispetto verso i suoi ex tifosi. Non bastò questo nobile gesto a placare il rancore: il neo juventino, che aveva risposto alla chiamata della Nazionale, ricevette sputi, insulti e minacce a Coverciano. Tornò a Firenze il 7 aprile del 1991, quasi un anno dopo dall’ultima volta. Con addosso il marchio dell’infamia: la maglietta degli acerrimi rivali piemontesi.

L’accoglienza non fu delle migliori e la situazione rischiò di degenerare quando venne assegnato un calcio di rigore alla Juventus: il rigorista bianconero era proprio l’ex di turno. Roberto Baggio si rifiutò di calciarlo perché Mareggini, suo vecchio compagno alla Fiorentina, lo conosceva troppo bene. Una nobile scusa per non accoltellare nuovamente i suoi antichi tifosi.

Al momento della sostituzione, il fuoriclasse della Juventus salutò tutto il pubblico di Firenze e prese in mano una sciarpa della Fiorentina arrivata dagli spalti. Il “Franchi” si spaccò in due correnti: i traditi fischiarono ed insultarono mentre gli innamorati applaudirono con le lacrime agli occhi.

Vai all’articolo originale

Continue Reading

Newsletter

più letti

WP-Backgrounds Lite by InoPlugs Web Design and Juwelier Schönmann 1010 Wien
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: