Connect with us

Gli Eroi del Collezionismo

Natalino Lanzini e l’Atalanta: una collezione da urlo

Published on

GLIEROIDELCALCIO.COM (Federico Baranello) – Siamo a Bergamo nel 1907, due sono le squadre di calcio: il Bergamo Football Club e la Giovane Orobia. Proprio da una scissione di quest’ultima che gli studenti liceali Eugenio Urio, Giulio e Ferruccio Amati, Alessandro Forlini e Giovanni Roberti fondano il 17 ottobre la Società Bergamasca di Ginnastica e Sports Atletici Atalanta.

Atalanta è una figura della mitologia greca, una eroina nota per le sue doti agonistiche: la leggenda narra di come si volle concedere in sposa solamente a chi sarebbe riuscito a batterla in una gara di corsa, dove i perdenti sarebbero stati uccisi. I fondatori del club si affidano dunque alla mitologia per dare forma alla loro passione. La stessa passione che prova anche Natalino Lanzini, il nostro amico collezionista di cimeli della Dea. Natalino ha 52 anni, originario della provincia di Bergamo, trasferitosi per lavoro da oltre 30 anni a Sacile in provincia di Pordenone.

Natalino Lanzini

“Sono un Maresciallo dei Carabinieri” ci dice, “sono un chimico e lavoro alle dipendenze della Sezione Chimica. Sono padre di due figli maschi di 16 e 12 anni. Da buon bergamasco l’amore per la Dea è affare di famiglia. Un amore e una passione che mi è stata trasmessa dagli zii e dai miei cugini, mentre a mio padre il calcio non interessava”.

“Per me l’ATALANTA è tutto, dopo la mia famiglia, ovviamente”, continua Natalino, “ed entra quotidianamente in maniera massiccia nella mia vita, a partire dagli aggiornamenti sulle vicende della squadra tramite giornali e internet, sia per i contatti con i miei amici con i quali condividiamo la stessa passione sia per interagire con altri collezionisti con i quali ci teniamo in contatto in modo particolare con i social”.

Come nasce un collezionista… “Sono diventato un collezionista iniziando a conservare i biglietti delle partite a cui assistevo, anche se in verità “nasco” prima come collezionista di cartoline stadi di calcio, italiani ed esteri. Ovviamente, come succede più o meno a tutti, mi sono poi “allargato” acquistando il materiale da commercianti o scambiandolo con altri collezionisti. Attualmente colleziono praticamente tutto ciò che è inerente l’Atalanta ma ho anche sviluppato, nel tempo, interesse per altre tematiche”. Quest’ultima specifica è particolarmente piena di orgoglio e allora Natalino snocciola una lista… “cartoline e documenti del mio paese originario, Palosco, in provincia di Bergamo, alcuni biglietti di partite che mi hanno colpito per i motivi più vari come ad esempio quello di Italia – Corea dei mondiali del 1966, materiale dell’Udinese calcio, cartoline degli stadi di Bergamo, Brescia, Udine, Trieste, Gorizia e Pordenone. Ma anche biglietti di Olimpiadi, Mondiali e Europei di calcio”.

Insomma cercare di seguire Natalino in questa lista è davvero complicato per noi, e mentre snocciola la lista noi ci ritroviamo con la stessa espressione che ha reso celebre “L’urlo” di Munch.

“I pezzi che considero migliori sono sicuramente la prima cartolina conosciuta dell’Atalanta, 1913, con i colori sociali bianconeri… quella che appare su wikipedia per intenderci”, la sua voce diventa sempre più orgogliosa, “poi la cartolina della squadra schierata a Brescia nel 1919, prima di disputare lo spareggio per un posto in serie A contro l’altra squadra di Bergamo, la Bergamasca appunto, che poi verrà inglobata nel nome completo attuale: Atalanta e Bergamasca Calcio; l’abbonamento “omaggio” rilasciato al costruttore dello stadio Brumana nel 1928, Ing DE BENI; la cartolina del 59/60 costruita in studio con la foto del campione europeo di pugilato dei pesi leggeri, Livio Minelli, bergamasco e atalantino, contornata dalle foto piccole della rosa atalantina di quell’anno, ovviamente autografata da tutti… Inutile dire che sono legato a tutti i pezzi in maniera morbosa e non saprei sceglierne uno in particolare. Paradossalmente i pezzi più costosi non sono nemmeno i più rari o importanti: tra questi, ci sono 3 foto-cartoline del 1928, scattate durante l’inaugurazione dello stadio “Brumana” di Bergamo e prese in blocco per poter avere la squadra dell’Atalanta schierata in campo nella circostanza”. Roba da urlare veramente questa volta…

 

Ma cosa cerca ancora un collezionista come Natalino… “Sto cercando la “Giostra dei footballers” dell’Atalanta, in metallo, e il biglietto di Coppa delle Coppe del 1987/88 Ofi Creta vs Atalanta giocata in Grecia: è l’unico delle coppe atalantine che mi manca”.

“Collezionare mi ha permesso di visitare moltissimi posti stupendi” ci dice, “ma, soprattutto, ho avuto la possibilità di conoscere persone meravigliose con cui sono diventato AMICO nel vero senso della parola. Ho conosciuto anche qualche testa di legno, ma questo capita nella vita. In famiglia tutti mi hanno sempre sostenuto nella mia passione e nella ricerca di nuovi “pezzi”, accompagnandomi spesso a mostre e mercatini. Lo stesso dicasi per i miei amici, che immancabilmente arrivano dai loro viaggi con cartoline stadi o biglietti di partite a cui hanno assistito”.

I cartoni animati

Ci salutiamo con Natalino e come al solito chiediamo qualche consiglio per chi volesse cominciare a collezionare… “Consigli non mi sento di darne, anche perché vedo che dietro di noi latitano le nuove leve… Ovviamente spero che uno dei miei figli segua le mie orme, anche se dubito che lo faccia il mio primogenito, che crede che Stromberg e Papu Gomez siano i nomi di cartoni animati stranieri”.

 

 

 

Classe ’68, appassionato di un calcio che non c’è più. Collezionista e Giornalista, emozionato e passionale. Ideatore de GliEroidelCalcio.com. Un figlio con il quale condivide le proprie passioni. Un buon vino e un sigaro, con la compagn(i)a giusta, per riempirsi il Cuore.

Continue Reading
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Gli Eroi del Collezionismo

80 Voglia di Calcio… il nostro servizio sulla mostra a Palestrina

Published on

GLIEROIDELCALCIO.COM – Avevamo già presentato la mostra nei giorni scorsi, qui il nostro articolo. Siamo andati all’inaugurazione e abbiamo avuto la possibilità di vedere dei “pezzi” stratosferici, maglie e gagliardetti, che raccontano il gioco più bello del mondo.

Abbiamo avuto il piacere di rivolgere alcune domande a Pino Wilson e Angelo Gregucci che hanno presenziato la mostra. Sono intervenuti il Sindaco di Palestrina Mario Moretti e l’Assessore alla Cultura, Turismo e Sport Valentina Valente.

qui l’intervento dell’Assessore Valente e del Sindaco Moretti

 

MediaPartner della mostra: Gli Eroi del Calcio.com

Continue Reading

Gli Eroi del Collezionismo

“80 voglia di calcio”, la mostra a Palestrina

Published on

Mosta di maglie e gagliardetti

GLIEROIDELCALCIO.COM – Sulle pendici del Monte Ginestro, tra i bacini dei fiumi Sacco e Aniene, si estende la città di Palestrina. Una etimologia incerta quella del nome della città: fondata da Prainestos, figlio del re Latino e nipote di Ulisse, oppure da Caeculus, che a partire da villaggi sparsi radunò i pastori e dette vita alla fondazione della città. Inoltre la tradizione ricorda come fondatore anche Telegono, figlio di Ulisse e della maga Circe. Di certo origine assai antiche: i primi reperti archeologici che attestano l’occupazione della zona risalgono all’inizio dell’VIII secolo a.C. Insomma una città con una storia importante come importante e assolutamente particolare è l’evento “80 voglia di Calcio”, mostra di maglie storiche di club italiani, di cimeli e gagliardetti. Un viaggio nel passato attraverso le maglie indossate dai calciatori di Serie A nei rispettivi club ma anche con la Nazionale. Un particolare spazio è dedicato al Derby della Capitale e a tal proposito hanno assicurato la loro presenza il Capitano della Lazio Campione d’Italia 1973/74 Pino Wilson e l’ex difensore della Roma Franco Peccenini vincitore della Coppa Italia nel 1980.

Il Comune di Palestrina ha dato il suo patrocinio; noi abbiamo raggiunto l’Assessore alla Cultura, turismo, sport Valentina Valente.

Siamo orgogliosi di aver patrocinato la mostra”, ci dice Valente, “in concomitanza con i festeggiamenti dei cento anni del Palestrina Calcio. Il calcio è sport nazionale e piace ai giovani e ai meno giovani. Appena saputo di questa possibilità abbiamo subito supportato l’iniziativa in particolare mettendo le sale a disposizione. L’amministrazione intende essere presente e interagire con il mondo dello sport cittadino, non solo il calcio ovviamente. Sosteniamo ogni progetto culturale e favoriamo l’associazionismo che ha scopi di questo tipo, quello cioè di preservare, raccontare e tramandare la memoria storica anche al di fuori del momento della competizione specifica. Questa mostra darà modo a tutti di poter osservare l’evoluzione del calcio ma non solo: l’evoluzione dei tessuti delle maglie, l’avvento degli sponsor e lo stesso approccio al professionismo in questo sport, molto cambiato nel corso del tempo. Le maglie sono quindi un “fatto” culturale, appartengono alla storia, alla nostra storia. Storia che appartiene a tutti, a tutte le tifoserie. Vedere delle maglie dal “vivo” poi al il suo enorme fascino ed è divertente”.

Il tutto è reso possibile da tanti appassionati collezionisti che investono tempo e denaro alla ricerca dei “pezzi” mancanti e rari.

L’appuntamento è quindi il 13 settembre per l’inaugurazione a Piazza Santa Maria degli Angeli presso sala Borghesani alle ore 19:00, per poi proseguire anche nei giorni 14 e 15.

 

mediapartner: GliEroidelCalcio.com

Continue Reading

Gli Eroi del Collezionismo

Il Campobasso Calcio attraverso le figurine Panini

Published on

GLIEROIDELCALCIO.COM – “Romanticismo… romanticismo e ancora romanticismo” … queste le parole più utilizzate da Antonio Salvatore, ideatore organizzatore e relatore di “Il Campobasso Calcio attraverso le figurine Panini”, da noi raggiunto per l’occasione. L’evento avrà luogo a Toro, provincia di Campobasso, Sabato 7 settembre alle ore 20:00 in Piazza del Piano. L’iniziativa rientra nelle celebrazioni dei 100 anni di storia rossoblù ed è patrocinata dal Comune di Toro.

A moderare l’incontro ci sarà il giornalista Gennaro Ventresca e interverranno Roberto Quercio, sindaco di Toro e Raffaele De Francesco, amministratore delegato della SS Città di Campobasso. Relatore, come già anticipato, Antonio Salvatore… “Toro dista pochi chilometri da Campobasso”, ci dice “e qui nacque Mercurio Magno, tra i fondatori e primo presidente del Campobasso Calcio. È comunque un ritornare in qualche modo alle origini… non è romantico?”, assolutamente sì…

Antonio è un cultore della storia dei Lupi, ed è anche custode innamorato di cimeli e “pezzi” che ne hanno scritto la storia, una sorta di vecchio baule pieno di ricordi rossoblù. “Ho avuto questa idea”, prosegue Antonio, “e quando ne ho parlato con Roberto Quercio, sindaco di Toro, mi ha dato immediatamente il suo sostegno. Sono stato sempre appassionato di figurine, vero “must” per quelli della mia generazione. L’idea quindi di andare a “stuzzicare” i ricordi dei presenti in sala partendo dalla proiezione di alcune di esse, mi consente e ci consente di tornare bambini e ricostruire la nostra infanzia con quelle immagini che hanno fatto parte del nostro passato. Credo sia di un grande romanticismo questo viaggio nel passato delle nostre vite. Credo possa emozionare molto”.

Parteciperanno all’iniziativa alcuni componenti della squadra del Campobasso Calcio, alcuni ex Dirigenti ed Ex Calciatori insieme ai tifosi e agli ultras del Campobasso. Al termine dell’evento sarà svelata una targa commemorativa in ricordo di Mercurio Magno, fondatore e primo presidente del Campobasso Calcio.

“Ci saranno anche alcune sorprese”, prosegue Antonio con tono soddisfatto e orgoglioso, “ma che non voglio svelare per non rovinare l’effetto finale. Tutta la popolazione è ovviamente invitata e spero ci sia una buona partecipazione. Noi ce l’abbiamo messa davvero tutta, ora speriamo che le condizioni metereologiche ci aiutino. Spero anche che questa sia la prima iniziativa relativa al Centenario e che ne possano seguire altre magari ispirate dal nostro evento”.

Grazie Antonio… tifoso romantico.

Neelo SlideShow alcuni cimeli della collezione di Antonio Salvatore:

Questo slideshow richiede JavaScript.

Continue Reading

Newsletter

più letti

WP-Backgrounds Lite by InoPlugs Web Design and Juwelier Schönmann 1010 Wien
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: