Connect with us

La Penna degli Altri

Riccardo Cucchi: “Quelle emozioni raccontate via radio…”

Published on

INTERRIS.IT (Damiano Mattana) – Radiocronista, uomo di lettere ma, soprattutto, giornalista. Perché nessuna variante di questo mestiere può esimersi dal mantra che le accomuna tutte: raccontare ciò che si vede. Riccardo Cucchi ha vissuto l’epopea della radiocronaca sportiva al fianco dei più grandi, facendo tesoro delle eredità di Sandro Ciotti ed Enrico Ameri per proseguire nel percorso del racconto radiofonico a cavallo tra l’epoca d’oro della partita “ascoltata per radio” e l’avvento della comunicazione via immagine. Dalle prime esperienze in Rai a fine anni ’70 a “Tutto il calcio minuto per minuto”, dalle Olimpiadi del 1992, all’approdo al commento della Nazionale di calcio: un viaggio continuo nel mondo dello sport, cercando di affidare alla capacità narrativa il compito di riportare ad ascoltatori invisibili tutto quello che gli occhi riuscivano a vedere, tenendo presente che la radio fa sì della dialettica la sua forza ma che, soprattutto, si nutre delle emozioni che vive. 

Riccardo Cucchi, parlando di radiocronaca sportiva si entra inevitabilmente nel novero delle emozioni, dei ricordi e, forse, anche della nostalgia. Eppure, anche nel delicato passaggio generazionale alla comunicazione per immagini, il ruolo della radio continua a rivestire un ruolo importante…
“Io mi sento un nativo radiofonico, nel senso che sono nato in epoche in cui nelle case c’erano le radio ma le televisioni ancora dovevano arrivare. Quindi, da bambino, il mio strumento principale per sapere cosa avveniva nel mondo e soprattutto per seguire il calcio era la radio. Naturalmente la mia formazione si basa sulla centralità della radio come oggi avviene probabilmente per i giovani che vivono come centrale nella loro esistenza l’uso delle nuove tecnologie, dei social e sicuramente anche della televisione. Il racconto alla radio è qualcosa di specifico, nel senso che non ha immagini e quello che in tempi moderni può sembrare un difetto per questo mezzo, per me rappresenta invece un privilegio, perché non avere le immagini significa attivare la propria fantasia attraverso le parole di chi racconta ciò che sta vedendo e crearsi delle immagini nella propria mente. Un po’ come avviene quando si legge un romanzo: si scoprono i protagonisti, si immagino i loro volti, i vestiti, anche i luoghi in cui si muovono. Credo che la radio abbia ancora un grande fascino, proprio per questa necessità: richiede un ascoltatore attivo in grado di far funzionare la sua mente e la sua fantasia. Per questo credo sia ancora molto bella”.

L’avvento della tv, prima della sua evoluzione, ha in qualche modo affiancato il racconto radiofonico. Più complicato, invece, il discorso per la comunicazione via web. Oggi il classico commento domenicale è stato soppiantato da una sovrabbondanza di commenti e interscambio virtuale. Esiste ancora quell’interazione innata che, in qualche modo, crea un legame fra chi racconta e chi ascolta?
“La radio svolge una funzione importante. Innanzitutto, specie per quanto concerne le radiocronache sportive, la sua prima è quella di raccontare un fatto attraverso un’osservazione diretta. E questo è fondamentale ricordarlo in un contesto moderno in cui con i social network si scopre un mondo, un’opportunità gigantesca che viene offerta a tutti. Questo, naturalmente, comporta anche dei rischi perché non è possibile immaginare in una piazza virtuale così grande come quella rappresentata dai social che tutti siano educati, rispettosi e, soprattutto, che tutti abbiano le competenze per parlare di tutto. Ma, sostanzialmente, questo è un rischio che vale la pena di correre vista la grande ‘democrazia’ che i social oggi rappresentano”.

 […]

Cambia dunque il modo di comunicare il calcio ma è anche vero che, oggi, è il calcio stesso a essere cambiato…
“Il calcio è cambiato e inevitabilmente cambierà ancora. Da quando è nato, oltre un secolo fa, si è modificato in modo radicale. Siamo stati tutti testimoni, nell’arco delle nostre esistenze di questi cambiamenti. E’ ovvio che anche il modo di raccontare il calcio cambia. Un conto era raccontare l’Inter vincente di Helenio Herrera, che giocava in contropiede, difendeva e ripartiva di rimessa, con le fughe sulle fasce di Jair. Il contropiede è un’azione classica del calcio, soprattutto italiano, che si racconta da sola. E’ più facile raccontare la corsa di un’ala che crossa al centro per il colpo di testa vincente del centravanti. E’ molto più complicato, ed è successo a me e ad altri radiocronisti della mia generazione, fare i conti con quel Barcellona di Guardiola che toccava la palla in 40 metri per 50 volte e che magari prima di produrre un tiro in porta lasciava passare parecchi minuti, nei quali noi dovevamo raccontare tutti quei passaggi, tutti coloro che toccavano la palla e come la toccavano, cercando di non abbassare i ritmi e di tenere incollato l’ascoltatore. Dovevamo cambiare modo di esprimerci, scegliere parole diverse, addirittura dosare i ritmi del nostro racconto. Quindi anche la radiocronaca da questo punto di vista è cambiata nel corso degli anni”.

Molti ragazzi della passata generazione sono cresciuti con il fascino della radiocronaca sportiva. In un mondo della comunicazione che vive e ha vissuto importanti cambiamenti, qual è l’approccio riservato alla radio da parte dei ragazzi del Duemila?
“Certamente i giovani, nati con la televisione in casa, sono più portati a cercare le immagini che ad ascoltare la radio. Però devo dire la verità, in questo percorso fatto anche attraverso il libro mi è capitato frequentemente di entrare in contatto con i giovani di 18-19 anni che, invece, sentono ancora grande attrazione nei confronti della radio. E probabilmente una ragione c’è: il fatto che l’immagine, come ci siamo detti, sia prodotto della fantasia di chi vive, aumenta il tasso di emozione e di emotività. Mediamente, un ascoltatore della radio è più emotivamente coinvolto di quanto possa esserlo un telespettatore. Non volendo e non potendo vedere, si affida alla parola, al tono di voce più alto per poter vivere quell’emozione, spera che quell’azione offensiva a favore della sua squadra raccontata con voce concitata si traduca in gol. Questa attesa del gol in radio diventa addirittura più affascinante perché il campo te lo devi immaginare. Quindi diciamo che il fascino della radio secondo me rimane ancora ma evidente che gli ascolti che poteva avere Tutto il calcio minuto per minuto nelle prime puntate degli anni 60 (20-25 milioni di ascoltatori) oggi sono irraggiungibili. Ma direi che lo sono anche per la televisione”.

[…]

Vai all’articolo integrale

Continue Reading
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La Penna degli Altri

Il 29 Maggio del 1997 il Vicenza vinceva la Coppa Italia

Published on

(VVOX.IT di Luisa Nicoli – Foto WIKIPEDIA)

Il sito Vvox.it, attraverso la voce dei protagonisti, racconta la straordinaria impresa del Vicenza di Guidolin, una squadra capace di vincere la Coppa Italia nel 1997 e di sfiorare la Coppa delle Coppe l’anno successivo.

[…] 29 maggio 1997: il Vicenza di Guidolin batte il Napoli al Menti in un tripudio di bandiere biancorosse e conquista la Coppa Italia. Per la città e i tifosi una data memorabile. Una serata di emozioni indimenticabili. Il 3 a 0 (gol di Maini, Rossi e Iannuzzi) che ha ribaltato la sconfitta per 1 a 0 a Napoli nella gara d’andata (rete di Pecchia), ha regalato alla squadra e alla società il trofeo più importante conquistato nella storia.

[…] Per l’ex centrocampista del Vicenza Jimmy Maini un ricordo indelebile in una settimana speciale: per lui dopo la Coppa Italia arrivarono la convocazione in nazionale e il trasferimento al Milan. E’ la data calcistica più importante della mia e della storia del Vicenza – dice – il picco più alto. Quella sera eravamo convinti di potercela fare, dovevamo solo andarci a prendere la coppa. Il mio gol è stato fondamentale per pareggiare il conto con l’andata”.

Vai all’articolo originale

 

Continue Reading

La Penna degli Altri

Il racconto del gol di Crespo in quel Parma – Juventus del 2000

Published on

(RIVISTAUNDICI.COM di Stefano Ciavatta – Foto GOAL.COM)

Il sito Rivistaundici.com racconta una stagione entusiasmante ed una partita rimasta nella memoria di molti appassionati di calcio. Era il 2000, ed il fortissimo Parma di Malesani pareggiava in 9 contro la Juventus di Ancelotti con un fondamentale gol di Hernan Crespo. Vi proponiamo un estratto.

[…] Il gol di Hernán Crespo […] consegnò al Parma un pareggio insperato contro la Juventus. Era il 9 gennaio 2000.

[…] Alla vigilia della 16esima giornata, la classifica dice Juventus 32, Lazio 31, Parma 30. […] La sfida è una classica degli anni Novanta, […] il catino è stracolmo: 29.748 spettatori.

[…] In campo ci sono 14 italiani su 22, sette per squadra: un miraggio per un tabellino del 2020, quasi una nostalgia. […] C’è la meglio gioventù: Buffon, Zambrotta, Inzaghi, Del Piero, futuri campioni del mondo. C’è la truppa bianconera di gregari fedeli, senatori a vita del pallone italiano come Fuser. C’è Zidane, sontuoso. C’è Davids, il giocatore più invidiato alla Juventus. Ci sono ex – Ancelotti, Inzaghi e Dino Baggio – e futuri ex.

[…] Dopo un’ora di corse, rincorse e affanni, dopo Cannavaro e Thuram perfetti, dopo l’ingresso di Walem che fa soffrire meno in mezzo, arriva al 68esimo l’entrata sciagurata di Torrisi su Inzaghi che costa un uomo e il rigore segnato da Del Piero. Al 77esimo Dino Baggio entra male su Zambrotta ed è rosso diretto: «Pensavo fosse una beffa del destino e avevo voglia di ribellarmi», disse il centrocampista. Nonostante Baggio faccia il gesto dei soldi con le mani, e lo sputo a distanza verso l’arbitro Farina, in campo non ci saranno risse.

[…] Arriva la doppia superiorità numerica e ci si accontenta: il gol segnato in fuorigioco nel finale è il segnale che oltre non si può andare, e invece fa scattare qualcosa in due giocatori del Parma.

[…] E quindi arriva il gol di Crespo, che non segna su mischia o su deviazione, e non tira da fuori.

[…] Un macigno per i bianconeri, punti rimpianti a Perugia quando lo scudetto finirà alla Lazio.

 

Vai all’articolo originale

Continue Reading

La Penna degli Altri

Doriva e gli anni alla Sampdoria

Published on

(BLUCERCHIANDO.COM – Foto U.C. SAMPDORIA)

Il sito Blucerchiando.com dedica un articolo a Doriva, quello che doveva essere l’erede di Dunga.

[…] Estate del 1999, la Sampdoria annuncia l’acquisto di un nazionale brasiliano proveniente dal Porto. Si tratta di Doriva, nella rosa del Brasile come riserva di Dunga al mondiale di Francia 1998 perso in finale con la Francia di Zidane. La Samp lo paga quasi 18 miliardi di lire.

[…] La prima stagione di Doriva è un disastro e il brasiliano gioca 17 partite senza però aiutare la squadra a trovare la salvezza. Doriva lascia però intravedere qualità che impongono di valorizzare l’investimento di Enrico Mantovani e così l’anno seguente resta anche in Serie B. Quando c’è una punizione dal limite dell’area prende il pallone, ma quasi mai riesce a centrare la porta. Un flop.

Vai all’articolo originale

Continue Reading

più letti

WP-Backgrounds Lite by InoPlugs Web Design and Juwelier Schönmann 1010 Wien
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: