Connect with us

Calcio, Arte & Società

Italia, calcio e società: sintesi storica del “Bel Paese” – Prima Parte

Published on

GLIEROIDELCALCIO.COM (Carlo Brizzi) – Se a un bambino gli regalano una palla dopo poco gli darà un calcio, perché è un istinto logico, una disposizione naturale, ed è da questa espressione dell’animo che è nato il gioco del calcio. Non voglio effettuare una ricostruzione storica del gioco del calcio ma piuttosto una breve sintesi del suo percorso in Italia e del suo rapporto con la società.

La prima squadra vincitrice del campionato italiano di calcio, il Genoa

Alla fine dell’800 in varie città cominciano a nascere le società sportive che promuovono quest’attività a imitazione di uno sport che in Inghilterra è praticato e regolamentato. Quest’origine è riportata in alcune ragioni sociali, ad esempio “Genoa Cricket and Football Club”, e dall’inglese abbiamo appreso tutto il vocabolario relativo abituandoci a parole come “goal, corner, penalty e offside”. In ogni caso, pur con i suoi termini inglesi, il gioco del calcio era entrato nella nostra vita trovando l’ordinamento che meritava e realizzandosi in campionati regolari. La scena italiana è stata animata da squadre cittadine dai nomi gloriosi che hanno preso a contendersi il titolo di Campione d’Italia. L’inizio folgorante fu proprio del Genoa che in più riprese avrebbe conquistato nove titoli, con la timida apparizione del Milan e dell’Internazionale prima dell’irruzione di città di provincia come Casale, Novese e Pro Vercelli che vinsero per molti anni prima che si consolidasse la supremazia di importanti squadre del Nord, la neonata Juventus, il Torino e il Bologna che si qualificava come “Lo squadrone che tremare il mondo fa”. Poi la nazione è stata dominata dal Partito Fascista che ha compreso quale arma propagandistica rappresentasse il calcio e lo ha usato a fini promozionali. Il primo atto fu di modificare il nome dell’Internazionale, che evocava tristi fantasmi, in Ambrosiana e di eliminare il vocabolario inglese e di conseguenza non più goal ma rete, non penalty ma rigore, e questi erano solo effetti superficiali mentre si volevano ottenere maggiori successi. Si presentava un’occasione unica e Mussolini in persona non volle perderla: i campionati mondiali! Nel 1930 si era disputato il primo in Sud America ed era stato un avvenimento che aveva riguardato poche nazioni, vinto dall’Uruguay dopo una lotta fratricida con l’Argentina.

1934 – L’Italia è Campione del Mondo

Quello successivo, nel 1934, fu assegnato all’Italia, rappresentando un’occasione propagandistica eccezionale. Fu nominato Commissario Tecnico Vittorio Pozzo con pieni poteri che allestì una rappresentativa nazionale di tutto rispetto. Disponevamo di una generazione di calciatori di alto livello e, infatti, vincemmo il titolo di “Campioni del Mondo”. Non era stato un caso e nel 1936 vincemmo anche il titolo di campioni olimpici alle Olimpiadi di Berlino, e non era ancora finita perché nel 1938 a Parigi guadagnammo il secondo titolo mondiale. I giocatori salutavano il pubblico con il braccio alzato e teso come voluto dal regime e il pubblico, festante per le eccezionali imprese sportive, lo considerava una naturale conseguenza del periodo storico che si stava vivendo. Il campionato di calcio si era talmente radicato nel panorama italiano che non fu nemmeno interrotto quando nel 1940 l’Italia entrò in guerra. Nel 1942 lo scudetto fu assegnato alla Roma che fu la prima a infrangere, per un breve momento, il predominio delle squadre del Nord. Nello scenario dell’Italia disastrata dalla guerra il campionato fu sospeso per riprendere con manifesta debolezza nel 1945/46 diviso in due gironi, il Sud e il Nord con spareggio finale tra le prime di ogni girone. L’Italia calcistica scoprì la settima meraviglia del mondo: il grande Torino.

Una squadra perfetta piena di campioni in tutti i reparti che macinava un gioco mai visto in precedenza, che prese a ingoiare scudetti come se fossero gelati, cambiando maglia e vestendo l’azzurro della nazionale con nove undicesimi. Un astro che cadde dal cielo nel Maggio del 1949 lasciando l’intera nazione in un lutto generale e profondamente sentito. Il Torino era primo in classifica da quattro anni ma quel campionato del 1948/49 non lo aveva ancora conquistato e fu deciso, che nelle poche partite restanti, le squadre avversarie si presentassero in campo la formazione “Primavera”, affinché gli incontri si svolgessero in parità di condizioni. In quegli anni una scoperta straordinaria scosse il paese e rivoluzionò la vita delle famiglie italiane, era stata inventata la schedina del Totocalcio.

La prima schedina

Era il miracolo del raggiungimento della ricchezza o almeno del benessere senza merito, e gli italiani si scoprirono scommettitori imparando a valutare la qualità delle squadre e a ipotizzare risultati mentre si consolidava la convinzione che non fosse una questione di conoscenza tecnica ma di fortuna a fare cadere una pioggia settimanale di milioni sui possessori delle schedine vincenti. Gli appassionati del gioco del calcio si riscossero dal torpore causato dalla grave perdita della nostra squadra migliore per un avvenimento straordinario che era alle porte, dopo dodici anni si sarebbero disputati in Brasile i Campionati del mondo e noi vi avremmo preso parte da campioni in carica. L’incidente aereo che aveva causato la scomparsa del Torino aveva lasciato nell’animo dei calciatori italiani una diffusa paura del volo, e fu quindi deciso che il trasferimento degli Azzurri avvenisse per mare. Arrivammo a Rio de Janeiro bolliti e poco allenati e il risultato si vide sul campo, dove la Svezia, che poi finì al terzo posto, ci eliminò subito. La nostra convinzione di essere forti nel mondo del calcio crollò in terra ma messa da parte la nazionale ci rituffammo nel campionato. Di nuovo salirono al proscenio i soliti squadroni, Inter, Milan e Juventus, e ritornammo alla realtà internazionale nel 1954 ai Campionati del Mondo in Svizzera. La delusione fu enorme perché l’avversario che ci fece tornare a casa era la modesta Svizzera. Questa volta la consolazione ci venne dalle migliorate condizioni di vita. L’Italia stava attuando una crescita impressionante, la Lira era stata premiata quale migliore valuta e l’industria aveva acquisito un vigore mai immaginato. La ricchezza si era calata anche nelle squadre di calcio che avevano preso a ingaggiare astri del firmamento mondiale. Vedemmo arrivare i campioni uruguayani che avevano umiliato il Brasile, Schiaffino al Milan e Ghiggia alla Roma e i campioni svedesi che ci avevano massacrato, Nordhal, Green e Liedholm tanto per citarne alcuni. Con il desiderio di rinforzare la Nazionale scoprimmo gli oriundi, calciatori che avevano un nonno italiano ai quali fu riconosciuta la cittadinanza e così Ghiggia e Altafini poterono indossare la maglia azzurra, senza però migliorare le sorti della nostra rappresentativa. Volevamo risollevarci ed ecco le qualificazioni per il Mondiale che nel 1958 si sarebbe svolto in Svezia, e questa volta risparmiammo le spese del viaggio perché fummo eliminati dall’Irlanda del Nord in una partita ripetuta per il mancato arrivo dell’arbitro. Si verificò, inoltre, un’invasione di campo e oltre ai goal beccammo anche qualche cazzotto. Il campionato in Svezia segnò il trionfo delle riprese televisive, già conosciute nella precedente edizione svizzera, e fece conoscere al mondo un ragazzo di diciassette anni, il più grande giocatore che abbia calcato i campi di calcio: Pelé. Lui non venne mai a giocare in Italia e avemmo la possibilità d’apprezzarne la maestria solo in occasioni internazionali.

Mike Bongiorno

Intanto l’Italia pulsava di vita straordinaria, l’autostrada del Sole coronava il sogno di collegare Milano con Roma e Napoli, frigoriferi e televisori trovavano domicilio in molte abitazioni e il gioco a quiz “Lascia o raddoppia” di Mike Buongiorno aveva portato gli abbonati della Rai a superare il milione. Nel campionato di calcio il monopolio della triade era stato rotto nel 1955/56 per merito di una Fiorentina rivoluzionata nel gioco da Fulvio Bernardini, ma subito dopo era stato riaffermato il potere delle solite grandi. Juve e Milan vinsero campionati ad anni alterni mentre ci avvicinavamo a un nuovo incontro mondiale, nel 1962 in Cile. Il tifoso è come un giocatore incallito e ogni volta che perde è sicuro di rifarsi alla successiva occasione. Affrontammo il Cile con una squadra dignitosa piena di oriundi argentini dal nome famoso come Maschio e Angelillo e … perdemmo, questa volta contro i padroni di casa con la fattiva collaborazione dell’arbitro inglese Aston che permise ai cileni di menarci anche con il ricorso ai pugni. Le partite le vedemmo in differita perché ancora non esisteva il collegamento tramite satellite, ma intanto gli americani annunciavano future imprese spaziali. Ritorniamo al campionato per trovare due sorprese straordinarie, il nuovo allenatore dell’Inter, il Mago Herrera, pagato a peso d’oro che avrebbe attraversato a lungo la scena italiana portando l’Inter anche alla conquista della Coppa dei Campioni; l’altra sorpresa fu rappresentata dal Bologna affidato al mago nostrano Fulvio Bernardini che vinse il titolo in una partita di spareggio proprio contro Herrera.

Sophia Loren e l’Oscar

Si profilava un altro campionato mondiale ma questa volta però, forti dei risultati di casa nostra, eravamo decisi a rifarci anche ai campionati del mondo del 1966 che si sarebbero svolti in Inghilterra. Ogni volta che pensavamo in grande finiva a “schifio” e la regola si ripeté ancora una volta: eliminati dalla Corea del Nord! Cercammo consolazione in altre attività quali il cinema con l’Oscar a Sophia Loren per il film La Ciociara diretto da Vittorio De Sica. Il calcio nazionale però stava dando segni di rinnovamento e ne ricevemmo conferma ai Campionati europei del 1968 che furono disputati in Italia. Affrontammo in semifinale la Russia a Napoli e la partita terminò in pareggio dopo i tempi supplementari. Il regolamento dell’epoca prevedeva il sorteggio con la moneta e la dea bendata favorì le sorti dell’Italia. La finale si tenne allo Stadio Olimpico di Roma l’8 Giugno contro una pimpante Jugoslavia e terminò in pareggio, 1 a 1, dopo i tempi supplementari. La finale fu ripetuta il 10 Giugno e l’Italia vinse due a zero con reti di Anastasi e Gigi Riva. L’Italia tutta poté festeggiare gli Azzurri campioni europei, mettendo in bacheca il primo titolo dopo il lontano 1938. Di ben altro spessore e importanza fu il passo enorme compiuto dall’uomo, il 20 Luglio 1969, con l’impresa dell’Apollo 11. Da anni seguivamo le attività spaziali degli Stati Uniti e i lanci in orbita di equipaggi nelle attrezzate navicelle, ma il viaggio dell’Apollo 11 segnò una tappa fondamentale della storia dell’uomo e potemmo vedere in riprese televisive lo sbarco dell’astronauta Neil Armstrong sulla Luna e i suoi passi sul suolo del nostro satellite. La vittoria ai Campionati Europei aveva aumentato la nostra autostima e aspettammo il successivo mondiale che nel 1970 si sarebbe disputato in Messico. Jannacci imperversava con la canzone “Messico e Nuvole” che si riferiva a tutt’altro cantando dei divorzi all’estero, roba da ricchi. Noi interpretammo quella canzone come un segno di buon augurio e questa volta il dio del pallone aveva deciso di premiarci.

In semifinale contro la grande Germania che schierava astri come Schnellinger, che militava nel Milan, Mueller e Beckenbauer disputammo una partita epica che dopo i tempi supplementari sarebbe terminata 4 a 3. La nostra era una squadra di prim’ordine con grandi giocatori tipo Boninsegna, Domenghini, Cera, il Rombo di Tuono Riva e due eccezionali campioni, Mazzola e Rivera. Purtroppo la conduzione tecnica era affidata a persone non eccellenti e alla fine perdemmo per stanchezza contro il Brasile che celebrò il terzo titolo per il superuomo Pelé.

Italia, calcio e società: sintesi storica del “Bel Paese” – Seconda Parte

Romano, scrittore, romanziere, poeta. Con le sue opere ha partecipato a importanti premi letterari in Italia e all’estero. Dai genitori toscani ha ereditato l’amore per le terre delle origini familiari, Anghiari in particolare di cui è “Cittadino Onorario”. L’altra passione, il calcio, che fa da falsariga alle vicende della vita: mano nella mano con il papà a festeggiare lo scudetto della Roma del 1942. www.carlobrizzi.it

Continue Reading
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Calcio, Arte & Società

Dalla bandierina (Uno)

Published on

GLIEROIDELCALCIO.COM – (Federico Baranello) – Pubblichiamo, come preannunciato (vedi video-intervista con l’autore qui), un estratto del libro “Tredici gol dalla bandierina” di Ettore Castagna, edito da Rubettino. Il testo, tratto dall’omonimo capitolo, racconta la particolare parabola del pallone calciato dalla bandierina da parte di Massimo Palanca e delle sensazioni dei portieri, quasi un privilegio per loro.

Ringraziamo ancora l’autore e la casa editrice per averci dato la possibilità di pubblicare questo estratto in esclusiva per i lettori de Gli Eroi del Calcio.

Buona lettura.

Federico Baranello

Dalla bandierina (Uno)

Ma è vero che hai fatto tredici gol dalla bandierina, Massimè? È proprio vero? Certo, lo hanno detto tutti i giornali e io faccio fatica a pensare che è vero. Tredici sono tanti. Possibile che i portieri non lo sanno? Possibile mai che i portieri non s’organizzano e dicono: «Massimè, mo’ basta! Che ti pensi che fai fesso pure a me oggi?»

E invece no. La palla parte, vola, sta in aria un poco, poi gira, gira di un modo che non si può dire, gira che pare che va da un’altra parte. Ma poi gira giusto. Giusto e non sbagliato. Ed entra. Tredici sguardi tutti uguali dei portieri, tredici sguardi come per dire: proprio a mmia ’sta disgrazia? Proprio a mmia sta pigghiata ppo’ culu? Sì, così è, la palla gira. Sta in aria e gira. Il fatto è che ci mette troppo tempo e il portiere nel frattempo si pensa qualcosa. Si distrae. Magari si pensa che quella palla può stare in aria per sempre. Sospesa in aria, fuori dalla legge gravitazionale. Con uno stadio intero che la guarda senza aspettarsi niente, sospendendo ogni volontà. Anzi cancellandola.

Lo stadio non vuole nulla mentre vede quella palla volare. Non vuole che prenda terra sospendendo le speranze, staccando la spina al sogno. Ma si sbagliano. Credono di volere nulla ma qualcosa inceppa le intenzioni. Una tempesta opposita nella quale la curva nord e la curva ovest si trovano in equilibrio perfetto. Due voleri contrari che tirano la corda e lei sta ferma.

Quella palla ruota contro la mia porta, ti prego dio della bandierina e del margine dell’area allontanala dalla linea del gol. Quella palla ruota contro la porta del nemico, ti prego dio del fischio d’inizio e del fischio finale fa che trapassi la sua linea debole. Lo vedi allora come due grandi volontà si oppongono e si annullano. Positivo e negativo, principio e fine, il caffè e la birra, il culo e una colomba.

Massimè, ecco che la palla resta in aria. La palla che hai calciato tu. Il portiere la guarda e spera che ci resti per sempre, che annulli il futuro, le passioni, le malattie, le bollette dell’Enel, la cellulite della moglie, pure il rubinetto che perde perché un calciatore non ha tempo di pensare ai rubinetti.

La casa è lontana, ci tornerai a fine carriera, vai a pensare al rubinetto? Devi pensare alla Juventus, al Milan, al Lanerossi Vicenza, alla Sampdoria. Devi pensare che non vuoi che tuo figlio faccia il calciatore. I soldi del calcio vanno bene ma tantomeglio se sei notaio. Un notaio non deve valutare la traiettoria di una palla dalla bandierina. Non c’è lo stadio che grida cornuto, cambia mestiere, coglione, vaffanculo, bravo. Nessuno ti fa segno di qualcosa, ti chiama da dietro la rete, si aspetta la giornata buona da te, si aspetta di voler dimenticare o voler ricordare. Perché è allegro, è triste per un gol. Meno ancora, per un dribbling. Meno ancora perché prima di battere una rimessa laterale ti sei voltato e hai salutato da quella parte. Dove si trova lui. C’è una clausola preventiva sul contratto e il notaio sempre saprà come va a finire.

Il tiro a effetto non è contemplato. Niente traiettorie impre-viste per un rogito, una donazione, un testamento. Un notaio non calcia mai dalla bandierina provando le variabili alle regole della gravità, della rotazione, del peso, della traiettoria dei corpi. Non aspetta che la palla si decida a scendere, che imbuchi l’angolo del suo destino, che le Moire smettano di filare.

Il portiere è colto dalla contemplazione di quello spazio scheggiato e incrinato. Il pallone ha individuato una frattura fra ascisse e ordinate e sopra una mensola immateriale si è posato ruotando. Guarda un poco a quella velocità come non si vedono tutti quegli esagoni neri che lo compongono! Bianco pare… Vola, vola la palumba! Quanti esagoni neri ci sono ogni due, tre, cinque, più esagoni bianchi? Nemmeno Massimeddu lo sa, lui che il pallone lo ha calciato non lo sa. Di sicuro non ci ha mai pensato. Il pallone sbianca rotando ma anche dalla distanza si vede che a ogni cambiamento di stato e di rotta muta pure il suo colore. Gli esagoni neri tingono diversamente il grigio della sfera quando la palla parte dall’angolo poi fa il primo tenue giro, poi si sospende sull’area di rigore mentre lassotto tutta un’umanità scalcia, sgomita o contempla guardando in aria alla ricerca della migliore posizione. Poi si scurisce. Quello è il segno che la palla sta provando l’intenzione di terminare il volo. Quel colore chiama a uscire dalla contemplazione se hai vegliato sull’intera traiettoria, se sei stato consapevole per tutto il tempo del suo volo e hai saputo che, per quanto perfetto, avrebbe avuto un termine. Quello è il segnale.

Se invece il tuo respiro è stato intercettato dal colmo della parabola, allora non tornerà a terra prima del pallone stesso. E con esso la tua intenzione, il tuo pensiero, il tuo senso del tempo. Il tiro a effetto avrà trafitto l’anima del portiere. Ma non di potenza, come dicono che Piola sfondasse le reti. Ne attira i sensi e poi affascina la sua coscienza di veglia. L’anima si è sospesa anch’essa con la rotazione della sfera desiderando che tale fosse per sempre.

Perde l’anima il portiere per un attimo e il suo corpo aspetta senza sapere di preciso cosa fare. Quando la ringoia con fatica, la palla sta già̀ scurendo il suo grigio. L’anima non vuole tornare a terra ma deve, non può lasciare il portiere privo del sé in area di rigore. Basta quel diaframma di tempo per distrarlo e il lampo minimo è trascorso.

La palla è in rete e niente egli ne sa sino a quando non sente grida tutt’intorno. Sono solo tredici i portieri che hanno avuto questa percezione, questo privilegio, questo accesso alla contemplazione. Hanno percepito il bello nella sconfitta. Tutti gli altri o hanno vegliato troppo intercettando la parabola e guadagnando giusto un breve applauso o hanno visto passare solamente un tiro sbagliato che si è perso altrove.

Continue Reading

Calcio, Arte & Società

Sanremo 1964, “Una canzone per la vostra squadra”

Published on

GLIEROIDELCALCIO.COM (Federico Baranello – Alessandro Lancellotti) – Si sono appena spenti i riflettori sulla 69° edizione della manifestazione canora di Sanremo. Come al solito abbiamo assistito a polemiche sia prima che dopo la manifestazione stessa, abbiamo ascoltato buone canzoni alternate ad altre meno piacevoli ma in generale è stata, come al solito, una manifestazione che mantiene sempre il suo fascino e il suo carico di “seguito”. Perché ne parliamo? Beh, per raccontarvi che nel 1964, al termine della classica edizione di quell’anno, si è svolta una manifestazione dal titolo “Una canzone per la vostra squadra”.

“Diciotto canzoni per diciotto squadre di calcio sono state presentate questa sera al teatro “Ariston”, affollato di tifosi, dirigenti sportivi e calciatori, da alcuni dei più noti cantanti italiani, con l’accompagnamento dell’orchestra De Martino. Era la finale del concorso “Una canzone per la vostra squadra”; lanciato dall’organizzatore degli ultimi festival sanremesi, Gianni Ravera, fra tutti gli sportivi italiani”. Così recita “La Stampa” del 24 marzo 1964, a pochi giorni dalla conclusione del più noto Festival della Canzone Italiana.

Non si è trattato di una gara bensì di una parata di canzoni, presentate da due speaker dello sport, Nicolò Carosio e Nando Martellini. Tra le duemila persone presenti all’Ariston anche vecchie glorie del calcio come Mario Gianni Allemandi, De Prà, Balonceri, Pitto, Burlando, Vanz, Slavati, Levratto, e dirigenti di alcune squadre, come l’on. Catella, presidente della Juventus, l’allenatore del Torino Rocco oltre a giornalisti e alcuni calciatori.

Per la manifestazione, ideata da Gianni Ravera con il patrocinio dell’Assessorato al Turismo di Sanremo, sono stati scelti diciotto testi tra i cinquemila proposti da altrettanti tifosi, rivisti tecnicamente da parolieri professionisti e musicati da note firme della musica leggera italiana e, ovviamente, interpretati da diciotto cantanti molto noti.

Insomma inni e canzoni sportive sul palcoscenico dell’Ariston tra gli stendardi delle diciotto squadre di serie A alle quali sono dedicate le canzoni.

Ecco dunque i titoli delle canzoni, i nomi dei musicisti e quelli degli interpreti e, di alcune, anche le copertine dei vinili dell’epoca.

Canzoni e cantanti :

  1. Il Bologna è un grande squadrone (Gianni Morandi);
  2. Punto e basta (Messina), (Corrado Lojacono);
  3. Che Mantova! (Fabrizio Ferretti);
  4. Forza, forza Lanerossi (Vicenza), (Quartetto Radar);
  5. Forza Toro (Nilla Pizzi);
  6. Canarino và (Modena), (Equipe 84);
  7. La signora Juve (Emilio Pericoli);
  8. Forza Lazio (Aura D’Angelo);
  9. Giù il cappello (Milan), (Arturo Testa);
  10. Sampdoria (Gian Costello);
  11. ‘Sta Roma (Robertino);
  12. I galletti (Bari), (Jo Fedeli);
  13. Largo che arriva l’Inter (Gino Corcelli);
  14. Ale, ale, Genoa (Franco Franchi);
  15. La corsara di Ferrara (Spal), (Lilly Bonato);
  16. Forza Atalanta (Piero Focaccia);
  17. Dai Catania (Didi Balboni);
  18. I magnifici 11 (Fiorentina), (Narciso Parigi)

 

Continue Reading

Calcio, Arte & Società

Libri: “Tredici gol dalla bandierina”. Intervista all’autore Ettore Castagna (VIDEO)

Published on

GLIEROIDELCALCIO.COM (Federico Baranello) – Per la rubrica “Calcio, Arte & Società” abbiamo raggiunto per voi Ettore Castagna, scrittore e autore del libro “Tredici gol dalla bandierina” edito da “Rubbettino”. Un doppio appuntamento con l’autore, oggi l’intervista e nei prossimi giorni un estratto in esclusiva per i lettori de Gli Eroi del Calcio.

Tredici gol (veramente) segnati dalla bandierina fra il 1974 e il 1981 sono la metafora e la parabola di una adolescenza intera. Quella di un ragazzo di Catanzaro che sogna vita, musica e rivoluzione rivolgendosi alla presenza quotidiana e mitica di Massimeddu (Massimo Palanca), leggendaria ala sinistra del Catanzaro di quegli anni.

Il fondale è quello di un Sud dell’Italia fra gli anni ’70 e i primi anni ’80 nel quale i ragazzi del ’77 vivono una trasformazione più grande delle loro forze.

Un racconto agrodolce nel quale illusioni e disillusioni di una generazione intera vengono filtrate dentro un orizzonte simbolico dove la vita provinciale di una classe di liceo e gli eventi calcistici trovano una fusione e un equilibrio bello e imperfetto.

Che non potrà durare.

Buona visione.

Continue Reading

più letti

WP-Backgrounds Lite by InoPlugs Web Design and Juwelier Schönmann 1010 Wien
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: