Connect with us

Il Calcio Racconta

Carlo Bigatto…sigarette bianconere

Published on

GLIEROIDELCALCIO.COM (Simone Cola) – Quando oggi si dice Juventus si pensa alla squadra più forte d’Italia, capace da sette stagioni di vincere puntualmente lo Scudetto, di sfidare le grandi d’Europa e di ingaggiare Cristiano Ronaldo, il miglior calciatore al mondo.

Difficile immaginare come un tempo incredibilmente lontano questa gloriosa squadra sia nata per volere di un pugno di amici, studenti folgorati da “quel nuovo sport venuto dall’Inghilterra” e per questo decisi a creare una squadra che nei primi anni di vita, come molti club in quei tempi pionieristici, avrebbe faticato non poco per sopravvivere.

Tutto sarebbe cambiato con lo Scudetto del 1925-1926, il primo con la famiglia Agnelli al comando e precursore del famoso “Quinquennio d’Oro” che dal 1930 al 1935 avrebbe visto i bianconeri conquistare 5 Scudetti, un risultato che avrebbe sancito la definitiva trasformazione della Juventus in un grande club, sempre più amato e tifato.

Di tutta questa storia Carlo Bigatto sarebbe stato protagonista e testimone oculare, primo vero e proprio simbolo di una squadra che avrebbe annoverato tra le sue fila straordinari campioni e ultima bandiera di un calcio pionieristico che, al suo ritiro, aveva ormai già da tempo lasciato spazio ai soldi, alle imprese, ai professionisti.

Nato a Balzola, nella provincia di Alessandria – e cresciuto dunque all’interno del calcisticamente famoso “quadrilatero piemontese” – nel 1895, il piccolo Carlo cresce insieme allo stesso gioco del calcio, destreggiandosi nel Piemonte al punto da guadagnarsi una chiamata da parte della Juventus, che diventerà la squadra della sua vita.

I primi anni sono tutt’altro che semplici: un infortunio lo blocca a lungo e ne condiziona le prestazioni, il ruolo di centravanti non sembra il più adatto. Scoppia la prima guerra mondiale e il pallone smette di rotolare: come tanti, come tutti, Bigatto deve partire per il fronte, dal quale tornerà vivo a differenza di molti altri, tra cui ad esempio Enrico Canfari, storico fondatore e presidente di una Juventus che, come tutte le altre squadre, riparte dopo il conflitto presentando notevoli cambiamenti.

Tra questi c’è il fatto che in attacco il reparto risulta più che coperto, ed è così che a 24 anni Bigatto è bravo nel riciclarsi come centrocampista, ruolo che ricoprirà con grandissime fortune entrando finalmente nel mito di quella che si appresta a diventare la “fidanzata d’Italia”.

Dopo anni di lenta crescita la Juventus centra finalmente lo Scudetto, vinto in precedenza in una sola occasione, nel campionato 1925-1926: lo fa superando il Bologna nella finale di Lega, penultimo atto prima dello scontato trionfo contro i campioni del Meridione, l’Alba Roma. Bigatto è l’anima e il capitano di una squadra che schiera campioni straordinari come Combi, Allemandi, Munerati, Vojak, Pastore, i magari Hirzer, detto “la Gazzella” per la sua velocità, e Violak, centromediano che nell’ultimo atto sostituirà mister Jeno Karoly, prematuramente scomparso.

C’è anche Rosetta, “Viri” Rosetta, difensore dalla classe cristallina che ha abbandonato la Pro Vercelli per vestire il bianconero in cambio di soldi, diventando così il primo professionista nella storia del calcio italiano e aprendo così la strada a tutti gli altri.

Negli anni che seguiranno il calcio assumerà una forma sempre più simile a quella che conosciamo: sdoganato il professionismo, i dilettanti spariranno letteralmente dal campo lasciando il posto alle nuove stelle, sempre più famose e sempre più ricche. In mezzo a queste, in un mondo così cambiato rispetto a quello che ha conosciuto da ragazzo, resisterà stoicamente Carlo Bigatto.

Sempre più capitano, sempre più simbolo, continuerà a mantenere il proprio posto in squadra macinando chilometri, buttandosi su ogni pallone, giostrando in ogni posizione del centrocampo con grande profitto, sempre indossando il caratteristico berretto “alato” griffato con i colori societari e trascinando la Juventus nella sua epoca d’oro.

È ancora in rosa nel campionato 1930-1931, quello che apre il ciclo di 5 Scudetti consecutivi, pur giocando una sola partita a causa dell’età ormai avanzata e di un logorio inevitabile dovuto in parte anche alle oltre 100 sigarette che si dice fumi abitualmente e per cui non verrà mai ripreso dal club, che del resto non può multarlo: non percepirà infatti mai nessuno stipendio dal club tanto amato, ultimo simbolo di quella libertà che i professionisti non potranno mai provare.

Professionista, sigarette a parte, lo sarà sempre nell’applicazione, nell’allenamento, nella capacità di farsi sempre trovare pronto, presente quando la battaglia infuria e il suo carisma, la sua grinta, sono qualità che servono più dei mezzi tecnici che comunque non gli fanno difetto e gli permetteranno anche di giocare 5 gare con l’Italia senza mai conoscere sconfitta.

Carlo Bigatto nel 1935.

Appesi gli scarpini al chiodo alla bella età di 36 anni, rimane alla Juventus come consigliere, si occupa della sezione bocciofila e poi torna al calcio nelle vesti di allenatore, sostituendo il grande Carlo Carcano durante il campionato 1934-1935, naturalmente vinto, prima di lasciare il posto in panchina proprio a Virginio Rosetta, compagno di mille battaglie e simbolo di quel professionismo così lontano dal suo modo di intendere il calcio e la vita.

Scompare nel settembre del 1942, l’Italia è nuovamente in guerra e il suo nome è ormai dimenticato dalla maggior parte degli appassionati. Le cronache parlano di una lunga malattia, forse dovuta alle migliaia di sigarette fumate in una vita breve – al momento della dipartita ha appena 47 anni – ma senza alcun dubbio straordinaria.

Carlo Bigatto è stato il primo vero simbolo della Juventus e l’ultimo grande eroe dell’unico calcio che può essere definito come “quello di una volta”, quello di chi prendeva a calci un pallone per il puro piacere di farlo e si legava a una squadra, a dei colori, esclusivamente per amore. Alla sua memoria il club ha intitolato, e non poteva essere diversamente, una delle cinquanta stelle presenti nello Stadium, teatro moderno di una squadra che divenne grande proprio grazie a questo campione unico e irripetibile.

Fiorentino, classe '79. Redattore, conduttore radiofonico, scrittore. Ideatore del sito Uomonelpallone.it, un libro ..."Pionieri del Football" - Storie di calcio vittoriano, il primo in Italia che racconta il calcio inglese dell'800.

Continue Reading
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il Calcio Racconta

8 dicembre 1985 – La prima Intercontinentale della Juventus e la protesta di “Le Roi”

Published on

GLIEROIDELCALCIO.COM (Federico Baranello) – La Juventus di Mister Trapattoni sale sul gradino più alto del mondo e conquista a Tokio la sua prima Coppa Intercontinentale. È l’8 dicembre 1985 e ai calci di rigore batte l’Argentinos Junior squadra di Buenos Aires.  I bianconeri arrivano alla sfida dopo la vittoria nella Coppa dei Campioni nella tragica e dolorosa serata dell’Heysel, e affronta gli argentini vincitori della Libertadores. È questa una partita equilibrata e divertente e il primo tempo finisce sul risultato di 0-0. Gli argentini si portano in vantaggio con Ereos ma vengono raggiunti da “Le Roi” Platini su calcio di rigore. Poi al secondo vantaggio dell’Argentinos, gol di Castro, i bianconeri rispondono con Laudrup dopo un’azione splendida e assist del solito Michel Platini.

Quando il risultato è ancora di 1-1, Michel Platini segna una delle sue reti più belle ma gli viene annullata per fuorigioco di Brio: un capolavoro con “sombrero” in piena area di rigore e tiro al volo di sinistro. Il suo modo di dimostrare la contrarietà al direttore di gara rimane un’immagine scolpita nei ricordi di tutti gli appassionati di calcio: disteso sul campo in silenzio. Una posa delicata e polemica, una posa da “Re”. Ai tempi supplementari il risultato rimane ancorato sul 2-2 e si rende necessaria la lotteria dei calci di rigore. La Juventus segna con Brio, Cabrini, Serena e sbaglia proprio con Laudrup, l’autore del gol del pareggio. Dopo il secondo rigore parato da Tacconi, Platini deve tirare il rigore decisivo e non lo sbaglia. La Juventus è Campione del Mondo per Club.

Curiosità: la gara fu trasmessa in diretta da Canale 5 alle 04:00 di domenica mattina esclusivamente per gli abitanti della Lombardia, interrompendo in qualche modo il monopolio della Rai, perché in quei tempi vigeva il divieto per le emittenti private di trasmettere a livello nazionale.

Continue Reading

Il Calcio Racconta

I pionieri del calcio a Vicenza: la famiglia Tonini

Published on

GLIEROIDELCALCIO.COM (Anna Belloni) – Con la pubblicazione del mio libro “Le due divise” mi sono preoccupata di colmare le lacune del periodo intercorso dalla fondazione dell’Associazione Calcio Vicenza nel 1902 fino allo scoppio della Grande Guerra, un periodo che era stato esplorato solamente dal volume “La Nobile Provinciale”, il bel lavoro di Antonio Berto.

Di tutte le vicende e i personaggi dell’epoca che ho incontrato nelle mie ricerche mi è rimasta particolarmente impressa una famiglia, che credo rappresenti una parte fondamentale della storia dei pionieri del calcio a Vicenza.

L’Ing. Virginio Tonini

L’ing. Virginio Tonini era nativo di Modena ed ebbe una lunga carriera come Ingegnere capo del Genio Civile, incarico che lo portò a spostarsi in varie città d’Italia. Si sposò ed ebbe cinque figli: Carolina, Alessandro che fu un famoso ingegnere e pioniere dell’Aereonautica Italiana, Angelo, e i due gemelli Giuseppe e Adolfo. Ad Arezzo l’ing. Tonini si fermò per seguire i lavori di bonifica della Val di Chiana, poi si trasferì a Udine e quindi nel 1905 a Vicenza. Alessandro il figlio maggiore, dopo aver completato gli studi a Liegi, si trasferì a Milano mentre i tre fratelli minori frequentarono le scuole a Vicenza. Certamente quello fu il luogo in cui avvenne il contatto con il calcio del prof. Antonio Libero Scarpa, insegnante di ginnastica principalmente all’Istituto Tecnico Fusinieri, ma in seguito anche al Liceo Classico Pigafetta. Angelo e i gemelli Adolfo e Giuseppe, iniziarono a giocare nell’Olimpia di Vicenza, piccola società poi confluita nel 1908 nell’Associazione Calcio Vicenza. L’Ingegner Virginio non poté fare a meno di essere coinvolto dall’entusiasmo dei suoi tre ragazzi e ricoprì, infatti, la carica di Presidente dell’Associazione Calcio dal 1911 al 1915. Negli anni della presidenza dell’ing. Tonini l’Associazione raggiunse traguardi importantissimi, prima fra tutti la partecipazione alla finale contro la Pro Vercelli, quando le uniche due squadre imbattute dei rispettivi gironi disputarono la finale per l’assegnazione del Campionato Italiano. Il Vicenza perse sia l’incontro di andata che il ritorno, ma per lunghi anni venne considerata come la maestra indiscussa del Girone Orientale e in particolare del Calcio Veneto.

Vediamo di entrare più nello specifico di questi tre grandi giocatori biancorossi

Angelo (Arezzo 26.11.1889 – Milano 18.02.1974) Molti sono gli aneddoti legati a questo giocatore dal carattere esuberante e un po’ bizzarro. Si dice che fosse famoso a Vicenza nei primi anni del secolo scorso per le sue acrobatiche quanto spericolate esibizioni in bicicletta lungo il muretto dei portici di Monte Berico, che terminavano con una frenata su una ruota sola e il manubrio puntato in alto. Alla fine della discesa si radunava ogni volta un capannello di spettatori che lo applaudivano e festeggiavano le sue acrobazie. Angelo frequentò l’Istituto Tecnico Ambrogio Fusinieri, conseguendo il diploma di ragioniere. In campo calcistico fu il più dotato tecnicamente dei tre. Sgusciante ala destra, giocò nell’Associazione Olimpia di Vicenza dal 1906 al 1908, poi dal 1908 al 1911 nell’Associazione Calcio Vicenza e infine, trasferitosi a Milano per motivi di lavoro, anche nell’Unione Sportiva Milanese dal 1911 al 1913. In quel periodo raggiunse infatti il fratello Alessandro, ingegnere aereonautico che lavorava nella progettazione di nuovi velivoli, mentre Angelo si occupava del collaudo e delle prove di volo. Angelo eccelse anche nel campo dell’atletica leggera e partecipò alle Olimpiadi di Stoccolma del 1912 nella specialità del salto in lungo. Purtroppo, a causa di un malessere, il giorno della gara non fu in grado di esprimersi al meglio. Si racconta infatti che avesse trascorso la notte precedente con un atleta giavellottista suo amico alla stazione di Stoccolma alla ricerca dei giavellotti che erano andati persi durante il viaggio nel vagone merci. Il freddo o probabilmente un’intossicazione alimentare gli preclusero la gioia della medaglia, che fu assegnata a un atleta che ottenne misure molto più basse degli standard abituali di Angelo. Ricordiamo che egli fu il primo atleta italiano a superare i sette metri nel salto in lungo e che le sue prestazioni nel salto in alto e nella corsa furono di assoluta eccellenza europea.

Partecipò alla Prima Guerra Mondiale in una Compagnia Automobilisti fino al 1918, quando fu inviato con il Contingente Italiano in Francia. Si stabilì definitivamente a Milano lavorando in una ditta come contabile.

Adolfo, (Arezzo 01.09.1893 – Montecchio Maggiore 30.11.1916) era il classico bravo ragazzo e studente modello. Si diplomò con votazioni altissime presso il Liceo Classico Pigafetta.  Brillante attaccante biancorosso e due volte capocannoniere della squadra, dall’altezza davvero ragguardevole per l’epoca (m. 1,85), era una spina nel fianco delle difese avversarie che non riuscivano a contrastare la sua prestanza fisica, i suoi colpi di testa e la potenza del suo tiro. Chiamato alle armi nel 1915, partecipò come Sottotenente di Complemento Artiglieria da Montagna alla Campagna Italiana in Albania, dove le nostre truppe furono inviate in soccorso dell’esercito serbo, accerchiato dalle truppe austriache. E fu proprio nel clima malsano della Linea di Valona che contrasse la malaria, che lo portò alla morte nel 1916 a soli 23 anni, in un Ospedale alle porte di Vicenza.

Giuseppe – detto Giugio – (Arezzo  01.09.1893 – Vicenza 1980) Gemello di Adolfo. Riconoscibile dal fratello solo per il colore dei capelli, neri per Giuseppe, biondi quelli di Adolfo. Studiò e si diplomò senza brillare all’Istituto Tecnico Industriale Alessandro Rossi come perito elettromeccanico. Il suo unico pensiero non era studiare, ma giocare a calcio. Fu un ottimo calciatore di centrocampo, che anticipò il ruolo del libero moderno davanti alla difesa, figurando sempre tra i migliori in campo. Giocò ininterrottamente nel Vicenza – salvo la pausa per gli eventi bellici – fino al 1921. Partecipò alla Grande Guerra nell’Artiglieria da Montagna e nei reparti automobilisti, combattendo sull’Altopiano di Asiago, in Cadore, sul Grappa, sul Piave. Tornato a casa sano e salvo, si trasferì per un certo periodo a Milano dove frequentò la facoltà di Ingegneria presso il Politecnico, dal momento che erano stati istituti dei corsi abbreviati per permettere a quanti avevano dovuto interrompere gli studi a causa della guerra di terminare il percorso universitario. In quel periodo fu contattato dall’Internazionale, che cercava di ricostruire la squadra dopo la 1° Guerra Mondiale e la perdita di ben 26 tesserati tra i quali l’indimenticabile Capitano Virgilio Fossati, ma Giuseppe rifiutò desideroso di tornare a casa e di sposare finalmente la sua Ausonia. Tornato a Vicenza lavorò come importatore di legname per l’edilizia e dedicò il resto della sua vita affinché non venissero dimenticati gli Eroi biancorossi caduti nella Grande Guerra. Alla sua tenacia, a quella del fratello Angelo e di suo figlio Virginio dobbiamo la stele commemorativa posta nel 1973 all’entrata principale del Romeo Menti, realizzata su un bozzetto di Giovanni Saccarello, nipote di Giuseppe all’epoca appena ventiduenne. Davanti a questa stele che riporta i nomi dei caduti biancorossi della Grande Guerra si è tenuta domenica 25 novembre una piccola cerimonia commemorativa alla presenza del Patron Renzo Rosso, della dirigenza, di una rappresentanza di giocatori dell’attuale rosa e di alcuni familiari dei caduti biancorossi.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Le foto sono state gentilmente concesse dalla Famiglia Tonini che ringraziamo.

Il libro “Le due divise” può essere acquistato contattando direttamente l’autrice “Anna Belloni” al seguente indirizzo mail: irideleda@libero.it

Continue Reading

Il Calcio Racconta

29 novembre 1998 – “Il Derby Infinito”

Published on

GLIEROIDELCALCIO.COM (Francesco Giovannone) – Zdenek Zeman, il tecnico boemo alla guida della Roma nella stagione 1998/1999, era solito rispondere alla domanda “Mister, ma lei cosa pensa del Derby?” con la seguente risposta: “Il Derby? partita come tutte le altre”. Sarebbe stato molto interessante ascoltare la sua risposta se qualcuno gli avesse posto la stessa domanda all’indomani di una gara che tifosi laziali e romanisti, all’unisono, difficilmente dimenticheranno: parliamo del Derby della Capitale che si disputa il 29 novembre 1998, ricordato anche come il derby “infinito”.

Quella sera va in scena allo stadio Olimpico di Roma una delle stracittadine più emozionanti, incerte e pazzesche che si possa ricordare, quella sera probabilmente viene riscritta una storia che sembrava già avere decretato vinti e vincitori.

I tifosi bianco-celesti, in quel periodo, possono contare su una squadra di primo livello, molto più competitiva rispetto ai dirimpettai giallorossi, basti ricordare alcuni degli elementi di maggiore spicco che compongono la rosa a disposizione di Mister Sven Goran Eriksson: “el matador” Marcelo Salas, il fuoriclasse Roberto Mancini, il fortissimo centrocampista serbo Stankovic, “el tractor” Almeyda ed altri. Inoltre la squadra guidata dal tecnico boemo viene da precedenti disastrosi negli ultimi scontri diretti con la Lazio, tanto che nella stagione precedente subisce quattro (4!) sconfitte consecutive tra campionato e Coppa Italia.

Lo scenario, per i romanisti, si prospetta quindi dei peggiori, non c’è nessun appello, bisogna infrangere un vero e proprio tabù, non si può permettere ai cugini di laziali di calare un pokerissimo che sarebbe passato direttamente agli annali del calcio.

Quella sera lo stadio Olimpico è vestito a festa e le coreografie delle due curve impreziosiscono una cornice di pubblico già bellissima. Proprio una delle due scenografie, quella messa in piedi dalla Curva Nord laziale, richiama ad uno scenario nefasto e allo stesso tempo beffardo per i cugini giallorossi: un enorme Mr. Enrich (questo il nome del tifoso-mascotte-icona del tifo bianco-azzurro, nato da un fumetto inglese e simbolo del gruppo ultras “Irriducibili”) mostra, sullo sfondo di un tavolo verde da gioco, quattro assi di diverso colore, ed uno striscione a corredo recita: “fate il vostro gioco … noi poker servito”. Il riferimento al “gioco” bello, ma poco pratico e infruttuoso, insegnato dal tecnico boemo e il rimando ai quattro derby stravinti nell’annata precedente da parte della Lazio, rappresentano dei messaggi chiari e per nulla subliminali che hanno come unico destinatario la Curva Sud romanista.

Queste premesse non possono non motivare ancora di più la Roma che parte vogliosa di riscatto (del resto come non può essere altrimenti?) nella prima metà del tempo e, al minuto ’25, Marco Delvecchio, punta giallo-rossa (destinato a diventare più tardi il miglior marcatore nella storia romanista dei derby), approfittando di un errore del portiere laziale Marchegiani, pone la sua personalissima firma sulla partita con un goal molto bello, realizzato e festeggiato sotto la curva avversaria. Si sta prospettando forse il riscatto romanista? Non è esattamente così, la gioia dei romanisti dura, infatti, appena lo spazio di tre minuti, il tempo necessario al fuoriclasse bianco-azzurro Roberto Mancini di bucare la porta romanista con uno splendido tiro al volo che mostra (semmai ce ne fosse stato bisogno) la grande classe del numero dieci laziale: è 1 a 1 ed il primo tempo si chiude con questo risultato di parità.

Anche se le avvisaglie del risveglio laziale, nel primo tempo, si sono percepite nitide, la situazione si mette ancor peggio per la truppa di Zeman quando, nella ripresa, ancora una volta, Roberto-goal bissa la sua prodezza al 56mo minuto: da uno spiovente, con un tocco magico, spinge di nuovo la sfera alle spalle del malcapitato portiere romanista Chimenti. I giallo-rossi, incapaci di una pronta e lucida reazione, si rendono presto conto che davvero, a volte, non c’è mai fine al peggio. Per rendere perfetta la festa laziale manca all’appello il bomber Salas che però non si fa attendere molto e che quindi, al minuto ’69, trasforma un rigore, concesso per un fallo (tanto plateale quanto netto) commesso, ai danni dello stesso cileno, dal carneade camerunense Pierre “Chicchino” Wome, pittoresco e grezzo difensore camerunense in forze alla Roma di quel tempo. Cala quindi notte fonda per la squadra del presidente romanista Sensi: il nervosismo sale, così come il desiderio di recuperare il risultato (che a dire la verità sembra ormai scritto) e, forse, proprio la troppa foga agonistica è fatale a Fabio Petruzzi, difensore romano e romanista, non esattamente raffinato tecnicamente, che si fa espellere (col doppio giallo) per un fallo evidente ed evitabile. Sotto di 3 a 1 e con un uomo in meno, neanche il più ottimista dei tifosi della Roma pensa ad un epilogo diverso da una disfatta epocale.

Quella sera però il Dio del calcio (che non è sempre del Boca) decide di indossare una sciarpa dai colori giallo ocra e rosso pompeiano, e quindi di scendere in campo. Pochi minuti più tardi, infatti, il forte centrocampista laziale Dejan Stankovic, pur realizzando un goal del tutto regolare, si vede annullare la segnatura dall’incerto arbitro Farina. Proprio in occasione di questo episodio, tutto cambia e le sliding doors giallorosse si aprono, inaspettatamente, ad uno scenario nuovo e migliore.

Ogni Dio che si rispetti ha però sempre un Messia e il Dio del calcio, quella sera, sceglie per diffondere il suo verbo in terra, un ragazzo ventiduenne nato e cresciuto a Roma e nella Roma, maglietta numero 10 sulle spalle, astro nascente del calcio italiano, e che risponde al nome di Francesco Totti (da Porta Metronia, angolo del quartiere San Giovanni a Roma). È proprio lui ad invertire le sorti in una notte che sembra oramai stregata, a rompere un incantesimo ormai troppo duraturo. Al minuto ’78 serve, all’interno dell’area avversaria, un assist al bacio ad Eusebio Di Francesco (un altro predestinato nella storia romanista) che, con la punta del piede, riesce a mettere dentro il goal del 2-3 che restituisce una flebile speranza di recuperare ai ragazzi di Zeman.

In pochi, oltre ai più accesi supporters giallo-rossi credono, comunque, nella rimonta, perché tanto è lo squilibrio delle forze tecniche in campo, e ormai sono soltanto una decina i minuti che separavano le squadre dalla fine delle ostilità. Ci crede, invece, eccome, il messia in pectore Totti che decide di mettere sulla partita il suo personale sigillo, spingendo, con un tiro carambolato, sporco e magico allo stesso tempo, il pallone per la terza volta oltre le spalle del numero uno biancoceleste. Nei nostri ricordi di innamorati del calcio è nitido il fotogramma di quella palla che rotola piano piano verso la rete, quasi come fosse imprigionata al rallentatore, e che regala ai ragazzi della Sud il tempo di pregustare una rimonta epica e, a quelli della Nord, di preconizzare una beffa purtroppo da ricordare nel tempo. Questa rete è anche la prima (di quella che poi sarà una lunga serie) messa a segno nel derby dal ragazzo di Porta Metronia che entra in questa maniera di diritto nel gotha dei beniamini giallorossi.

Non accade spesso, ma questa volta la squadra meno dotata tecnicamente, ormai alle corde, con un uomo in meno, per di più in un derby, recupera ben due reti agli odiati rivali, più bravi, più pagati, più tutto.

Sarebbe già sufficiente così, ma non è di questo avviso “Super” Marco Delvecchio attaccante romanista, ansioso di diventare capocannoniere assoluto nella storia della stracittadina romana. È proprio lui che, quasi allo scadere, insacca di testa il clamoroso 3-4 ribaltando il risultato a favore della compagine giallo-rossa. L’Olimpico, quello romanista, impazzisce per una manciata di secondi prima che arrivi un fischio dell’arbitro. Forse per pareggiare una precedente decisione sbagliata che aveva penalizzato la Lazio, oppure per mantenere l’ordine pubblico in città chissà, l’arbitro Farina decide che quel gol (seppur regolare) non va convalidato, mettendo in questa maniera salomonicamente fine ad un confronto che già si era infuocato al di sopra dei livelli di guardia.

Forse Mr. Erich che, all’inizio della storia, sfoggiava fiero i suoi quattro assi avrebbe scommesso su un epilogo ben diverso a favore della corazzata laziale ma, quella sera, è entrato in scena il Dio del pallone che ha nominato suo messaggero un giovane ragazzo che da li a venti anni avrebbe scritto in maniera indelebile la storia del calcio in Italia e non solo.

Continue Reading

più letti

WP-Backgrounds Lite by InoPlugs Web Design and Juwelier Schönmann 1010 Wien
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: