Connect with us

La Penna degli Altri

Abbracci e cazzotti: storie mai raccontate del sottopassaggio simbolo del Magona

Published on

ILTIRRENO.it Ed.Piombino-Elba (Stefano Tamburini) – Certi sguardi rivolti agli avversari erano come lame affilate, l’odore dell’olio canforato impastato con il sudore e la sinfonia delle scarpe bullonate sul cemento facevano il resto. E poi c’erano le voci, gli incitamenti che rimbombavano nelle orecchie degli altri. Per chi lo ha visto e per chi non c’era negli anni d’oro, val la pena di raccontarlo il sottopassaggio dello stadio Magona. Perché non è mai stato solo un sottopassaggio, quando le altre città e gli altri paesi avevano al massimo il campo sportivo, noi a Piombino abbiamo sempre avuto lo stadio.

E lo stadio cominciava ancor prima di arrivare a quel sottopassaggio, con i cancelli stile Comunale di Torino, Franchi di Firenze o Anfield di Liverpool, le biglietterie incastrate nel muro e il tornello umano dei controlli rapidi e impietosi.

Certo, era più piccolo di quei giganti ma era uno stadio e la scritta “Questo è il Magona” che è stata collocata da poco all’ingresso delle scale rimesse a nuovo è come se ci fosse sempre stata, perché era proprio in quel punto che certe partite si cominciavano a vincere o a perdere. Come a Liverpool, proprio come al cospetto di quella scritta “This is Anfield” che arriva prima del canto di “You’ll never walk alone”.

IL TEATRO DEI SOGNI

Quando lo stadio Magona era il teatro dei sogni quel rito era per pochi ma era come se fosse di tutti quelli che erano fuori e aspettavano di vedere le teste sbucare dal terreno di gioco. C’era la musica gracchiante degli altoparlanti a cui seguiva la lettura delle formazioni, c’erano i cori e gli striscioni, c’era l’inno stile anteguerra “Nerazzurro di Piombino, sempre avanti…”, c’era la tribuna verde all’inglese con sedie in lamiera. Lo stadio era qualcosa di animato, di vero: il Magona negli anni dello splendore viveva intorno a questo e non è nostalgia ricordarlo.

Oggi che quel sottopassaggio è stato ricostruito e anche “arredato” (come da felice definizione del collega Alessandro De Gregorio) quei muri ridipinti hanno cancellato le incrostazioni ma non i ricordi. E se quei muri potessero parlare ne avrebbero da raccontare. Storie belle di abbracci e di pacche sulle spalle, storie meno edificanti di risse e anche di quelle sane liti del dopo-partita che cominciavano con sonori vaffa e finivano qualche mezz’ora dopo davanti a un bicchiere di vino nel bar di fronte alla biglietteria. Il sottopassaggio era una sorta di linea di confine, marcava l’inizio e la fine di una guerra sportiva che era lunga più o meno un paio d’ore, i minuti del “prima”, la partita, l’intervallo e quel “dopo”, quando il rito poteva essere gioioso o burrascoso.

LA LEGGENDA

Quel sottopassaggio ha sentito passare i bulloni nobili delle scarpe del leggendario Grande Piombino che sconfisse la Roma il 18 novembre 1951. Prima e dopo anche quelli di tanti attori nerazzurri di un sol giorno o di tante domeniche fatte di sudore, fatiche e maglie da onorare. Era un sogno, per i giovani che avevano il loro teatro nel campo sussidiario, quello che nessuno ha mai chiamato così perché era “il marrone”, da qualche anno spazzato via per far posto a un parcheggio. E quando arrivava il momento di debuttare nel campo verde in tanti non dormivano la notte per la “prima volta” nel sottopassaggio. C’è chi racconta di essersi commosso, di aver tremato come una foglia in mezzo a tante altre foglie animate da altri ragazzi che si sentivano grandi anche se avevano ancora le spalle strette e le scarpe larghe comprate da genitori previdenti per andare oltre la crescita dei piedi. Tremavano prima nello scendere le scale, poi nel percorrere quel corridoio stretto e infine nel risalire a riveder la luce e scorgere la curva di fronte e la tribuna sulla sinistra.

IL “TERRORE” ALL’USCITA

Tutto sembrava più grande di quel che era. E poi, specie quando lo stadio era pieno, il campo era immenso, i passi sembravano così faticosi ancor prima di cominciare a correre, sentivi ogni parola che ti arrivava addosso. Se eri uno dei “nostri” percepivi la crescita del coraggio, una spinta magica; se eri uno degli “altri”, quella risalita faceva paura, eri accolto da un ruggito e ti sentivi come un domatore alle prime esperienze nella gabbia dei leoni. Anche negli anni più difficili, nei tornei chiusi sul filo della retrocessione, per il Piombino la disfatta era molto rara; magari erano stagioni di poche vittorie ma anche di saltuarie sconfitte. Il sottopassaggio pesava, come pesava uno stadio che quando andava male aveva almeno mille persone a guardare quelle teste che sbucavano, a far sentire il calore che non era solo sportivo, era sano orgoglio di una città che intorno a quello stadio e a quel sottopassaggio viveva domeniche speciali, anche con cinque o seimila spettatori.

SE QUEI MURI POTESSERO PARLARE…

E poi c’era il “dopo”, quando tutto finiva e l’arbitro aspettava che tutti fossero usciti prima di imboccare per ultimo quelle scale e chiudere il sipario del teatro dei sogni. Se la partita era stata turbolenta e c’era da regolare qualche conto in sospeso c’era sempre qualcuno che si attardava per permettere agli altri di far volare, indisturbato e impunibile, qualche pugno o qualche schiaffo proibito. Oggi si direbbe che non si fa, allora era un rito inconfessabile, quasi tollerato: il calcio era molto più tribale di quello di oggi. Durante l’ultima rimpatriata con i vecchi giocatori alcuni di loro lo raccontavano con orgoglio unito da un «oggi non sarebbe il caso, ma allora…» detto con un sorriso a mezze labbra. Un sorriso parlante.

Riaprire quel sottopassaggio non vuol dire tentare di ripetere quelle pagine. Vuol dire riaprire un pizzico di storia del pallone nerazzurro. La storia è importante, prima di tutto quella che si dovrebbe imparare sui banchi di scuola ma anche quella che si fa rivivere con i simboli e con la tradizione, per non disperdere i ricordi di chi ha fatto in modo che oggi siano altri a portare avanti quel compito. Il rumore delle ruote di ferro sui binari del “tappo” del sottopassaggio quando finiva la musica dell’inno, quando c’era l’attesa per il calcio d’inizio, era una specie di segnale nello stadio che per un attimo si era fatto silente senza che nessuno lo avesse chiesto. Era l’inizio della lotta.

LA TRADIZIONE DA NON DISPERDERE

Sì, il cartello “Questo è il Magona” vuol raccontare tutto questo a chi scende quelle scale per cominciare a giocare. E, pazienza se quando si risalgono e gli occhi cominciano a vedere l’erba, lo scenario non è più il solito di allora. Lo stadio non ha più la tribuna, il segno degli anni è oltre gli acciacchi della struttura. L’anima no, l’anima è sempre quella di quando i tacchetti erano sotto le scarpe gloriose dei capitani del Piombino e della Roma, Enrico Zucchinali e Armando Tre Re con l’arbitro Giorgio Berardi, il Lo Bello dell’epoca. Di quando da lì sono usciti Ferruccio Valcareggi e tutti quelli che dopo hanno fatto la piccola grande storia del calcio nerazzurro insieme con gli avversari e con tutti gli ospiti illustri di Juventus, Torino, Sampdoria, Milan, Fiorentina che hanno giocato epiche amichevoli di fronte a quelli che Sandro Ciotti in radiocronaca avrebbe definito “spalti gremiti in ogni ordine di posti”.

Questo era, questo è il Magona.

Vai all’articolo originale

Continue Reading
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La Penna degli Altri

14 novembre 1934, la battaglia di Highbury

Published on

SPORTSENATORS.IT (Luca Marianantoni) – Si gioca a Londra l’amichevole di calcio Italia-Inghilterra, passata alla storia come la “battaglia di Highbury”.

I Maestri inglesi contro i Campioni del Mondo. Pozzo fiuta l’inganno e vorrebbe declinare un invito stuzzicante perchél’intenzione dell’Inghilterra è quella di sconfiggere gli azzurri per privarli idealmente del titolo di Campioni del Mondo. Ma la sfida solletica molto l’ambiente politico. Mussolini in persona si dichiara favorevole alla sfida: bisogna andare a Londra. Batterli o comunque non perdere, e Pozzo non può dire di no.

Le premesse della sfida anticipano l’acre battaglia che si svilupperà sul campo. Gli inglesi preparano tutto per benino e annunciano a sorpresa che l’incontro verrà disputato non a Wembley, stadio maestoso e imperiale, certamente sede degnissima per accogliere l’Italia Campione del Mondo, ma in quella autentica trappola di fango che è il campo dell’Arsenal. E ovviamente viene scelto il mese di novembre, nelle peggiori condizioni atmosferiche possibili, per mettere gli azzurri in difficoltà estreme.

L’Italia scende in campo senza troppi tremorisebbene dopo pochi minuti accada l’imponderabile: il maestoso centromediano Luisito Monti, che detta i tempi della difesa, s’infortuna e i padroni di casa vanno in rete tre volte, al 3′ e al 10′ con Brook, al 12′ con Drake.

Tuttavia nella ripresa l’Italia si trasforma: Meazza segna una doppietta sfiorando ripetutamente, con Guaita e Ferrari, il gol del clamoroso pareggio. Gli oltre 61 mila spettatori di Highbury applaudono i 22 eroi in campo, senza distinzioni di maglia. L’Italia del calcio ha guadagnato il rispetto di tutto il pubblico britannico. I leoni di Highbury escono dalla cronaca di una partita infernale e entrano direttamente nella leggenda del calcio mondiale. Gli inglesi vincono la sfida, ma l’Italia si dimostra una squadra vera.

Vai all’articolo originale

Continue Reading

La Penna degli Altri

Antonio Marcolini, bomber nella storia del Savona ma non solo

Published on

SAVONANEWS.IT (Roberto Vassallo) – L’ex attaccante scomparso nella notte verrà ricordato come uno di quei giocatori che hanno lasciato un segno indelebile nella memoria degli appassionati: la Serie B con il Bari e i successi con gli Striscioni e la Cairese le pagine più belle di una lunga carriera.

Un triste risveglio ha scosso stamane il mondo del calcio savonese. La notizia della scomparsa di Antonio Marcolini si è infatti rapidamente diffusa in tutta la nostra provincia, lasciando esterrefatti appassionati e addetti ai lavori del “pallone” locale. Il perché è facilmente comprensibile: l’ex attaccante del Savona è uno di quei giocatori che hanno lasciato un segno indelebile nella storia degli Striscioni, ma non solo.

Nato a Verona il 24 ottobre del 1950, Marcolini ha esordito nel calcio dei grandi con la maglia biancoblu collezionando qualche presenza in prima squadra tra il 1967 e il 1969. Dopo una stagione al Rapallo, l’affermazione all’ombra della Torretta (in Serie C) che gli vale la chiamata del Bari in Serie B: due stagioni nella serie cadetta con i pugliesi, dopodiché ancora tanta terza serie con un lungo peregrinare fra Grosseto, Alessandria, Pro Vasto e Triestina prima del ritorno al “Bacigalupo” nella stagione 1978-’79, la prima della Serie C2.

Un’annata particolare per gli striscioni, iniziata in piena crisi societaria e raddrizzata con l’avvento di Michele Viano alla presidenza e di Valentino Persenda in panchina: punti fermi di quella rifondazione biancoblu furono l’ex milanista Pierino Prati e proprio Marcolini, capaci di condurre la squadra ad una salvezza da brividi ottenuta solamente all’ultima giornata con il 2-0 rifilato in trasferta al Derthona.

Un’altra salvezza (questa volta più comoda) in Serie C2 nella stagione successiva è invece il preludio al passaggio tra i dilettanti, alla Cairese. Tre stagioni in gialloblu ricche di soddisfazioni: la vittoria del campionato di Prima Categoria ’80-’81 (con l’invidiabile score di 29 presenze e 34 reti) e della Promozione ’81-’82, a cui si aggiunge una stagione di alto livello in Serie D.

Infine Albenga, Varazze (in versione allenatore giocatore) e Carcarese seguite dall’esperienza come tecnico alla guida del Quiliano. Poi spazio al figlio Michele, ex calciatore professionista (in serie A con Bari, Atalanta e Chievo Verona) e oggi allenatore (l’ultima esperienza nella passata stagione alla guida dell’Alessandria con cui ha vinto la Coppa Italia di Serie C).

Questa notte il tragico epilogo di una vita vissuta sui campi di calcio, laddove ha saputo lasciare un ricordo che sempre vivrà nella memoria dei tanti che hanno corso al suo fianco o che semplicemente lo hanno visto giocare.

Vai all’articolo originale

Continue Reading

La Penna degli Altri

Correva l’anno 1930: Stabile arrivava al Genoa

Published on

GENOACFC.IT – Lo chiamavano ‘El Filtrador’ per l’abilità a incunearsi tra i difensori. Usava la fantasia come ago per pungere gli avversari. Le cronache raccontano che quando Guillermo Stabile sbarcò a Ponte dei Mille ci fossero migliaia di tifosi genoani in festa ad attendere il centravanti della nazionale argentina. Il primo capo-cannoniere nella storia dei Campionati del Mondo (8 gol in 4 partite in Uruguay). Era il 14 novembre del 1930. Il presidente di allora, Guido Sanguineti, lo aveva raggiunto a Barcellona, durante il viaggio di nozze, per scortarlo sino a Genova via nave. Due giorni dopo al Ferraris si giocava una partita con il Bologna. ‘El Filtrador’ si presentò con una tripletta. Così. Tanto per gradire. Il primo passo verso l’ingresso nella Hall of Fame del club di calcio più antico in Italia.

Finte e proprietà di palleggio, dribbling e numeri d’autore. Una visione di gioco sopraffina che gli permetteva di vedere oltre i confini altrui. Solo i ripetuti infortuni, tra gambe spezzate e lesioni al ginocchio, frenarono parzialmente la parabola di Guillermo con i colori rossoblù. Una storia che esce dagli anni Trenta perpetuandosi sino ai nostri giorni. I capelli impomatati, lo sguardo fiero. Una famiglia di dieci fratelli di origine italiana. Era nato a Buenos Aires. La città della “Boca” e delle casette che ricordavano la Liguria. Al Genoa iniziò la carriera di allenatore come vice durante il mandato di un altro fuori-concorso come Luigin Burlando. Ancora oggi è l’allenatore che ha vinto il maggior numero di volte (6) la Coppa America. Vanta una serie di conquiste. E oltre un centinaio di panchine con la nazionale argentina.

Vai all’articolo originale

Continue Reading

più letti

WP-Backgrounds Lite by InoPlugs Web Design and Juwelier Schönmann 1010 Wien
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: