Connect with us

Il Calcio Racconta

25 febbraio 1965 – Nasce il “Cobra” Sandro Tovalieri

Published on

GLIEROIDELCALCIO.COM (Susanna Marcellini) – Compie 55 anni ma se ne sente ancora 20, il Cobra, Sandro Tovalieri. Se gli chiedi di parlare della sua carriera parte da una notte speciale quella di Roma Ascoli di Coppa Italia. Era il 1985 finì 3 a 0 e Sandro ne fece proprio 3 davanti a quasi 50mila spettatori. “Una serata incredibile, feci tre gol e il giorno seguente mi trovai su tutti i giornali. Ti cambia la vita e se non hai la testa sulle spalle rischi di fare cazzate. Non che io non ne abbia fatte” aggiunge sorridendo dopo un momento di pausa.

Della sua carriera ricorda tante cose e non potrebbe che essere diverso visto le piazze in cui ha militato: Roma, certo. Ma anche, e forse soprattutto, Pescara, Arezzo, Avellino, Ancona, Bari, Bergamo, Reggio Emilia, Cagliari, Genova, Perugia, Terni. Sono queste, in rigoroso ordine di apparizione, le dodici città in cui il Cobra ha lasciato il segno. A lui sono dedicate canzoni rap, pizze speciali e birre artigianali. Ha amato ogni squadra di cui ricorda tutto, ed è stato amato da tutti i tifosi che lo ricordano ancora con affetto. D’altra parte, 143 gol fra i professionisti non sono numeri da tutti. Ma non è certo solo per la sua spiccata propensione a mordere mortalmente le difese avversarie che il Cobra è ancora un mito per tanti tifosi.  È innanzitutto per la sua umanità schietta e vera, quella che, con il suo aspetto un po’ guascone Tovalieri comunica subito, a chiunque lo incontri, e che è forse il dono più bello.

“A 50 anni ho voluto scrivere un libro autobiografico un po’ perché arrivato al traguardo dei 50 si sente il bisogno di raccontarsi veramente senza alibi, un po’ per far conoscere quello che c’è dietro il Cobra.”  La vita di Sandro è stata piena di episodi indimenticabili e di gioie esplosive, di affetti profondi ma anche di dolori lancinanti, di battaglie sportive e personali vinte e perse, ma sempre giocate col cuore, fino all’ultimo minuto di recupero. Il primo Tovalieri quello calciatore era intelligente in area di rigore, furbo, esuberante, anche incazzoso se i compagni non gli passavano la palla. Era sempre in agguato, e non solo dentro al campo era cosi anche fuori. Uno che mordeva la vita senza pensare troppo alle conseguenze. “Mi fossi chiamato Tovalierich avrei militato in squadre più importanti. Purtroppo ho sempre avuto l’etichetta del giocatore di serie B, forse anche per il mio carattere non sempre facile” ammette. “Oggi a 55 anni mi sono calmato, ho trovato un equilibrio. La mia vita si divide in due parti. C’è il prima e il dopo la morte di mia moglie Laura, una morte che ancora oggi non sono riuscito a superare. Chi mi dà la forza di andare avanti sono i miei due figli Ilaria e Simone, tutto quello che faccio è per loro.” Quando parla della moglie lo sguardo è duro, quasi estraneo a quello che gli succede intorno, poi torna il sorriso quando pensa a come da solo è riuscito a crescere due figli e ne va orgoglioso. La sensazione è quella che adesso nel giorno del suo compleanno avesse più voglia di parlare della sua vita privata che del calcio. “Forse si hai ragione, ma parlare della Roma in questo momento mi fa venire l’ulcera. Vedere la Lazio seconda in classifica è un dolore per un tifoso come me. E poi – confida- crede che alla gente piaccia conoscere di più l’uomo che c’è dietro il calciatore. Le parole danno realtà ai tempi, ai luoghi, ai sentimenti. E oggi mi piace ricordarli. La vita è così, va come va. L’importante è non dimenticare. Io non dimentico i gol, me li ricordo tutti cosi come non dimentico la mia vita privata, ogni momento che ho vissuto mi ha fatto diventare quello che sono oggi. Un po’ Cobra un po’ Sandro”.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Se vuoi acquistare il libro vai qui

Nata a Roma nel 1972, giornalista, è stata responsabile Area Comunicazione per il Palermo calcio. Ha collaborato con Corriere dello Sport, Libero e Tg com. Con Mario Sconcerti ha curato la trasmissione radiofonica Sconcerti Quotidiani, in onda sulle frequenze di Radio Radio, dove lavora come redattrice. Ha pubblicato "Rosa d'amore", "Bomber" insieme a Roberto Pruzzo, "A mani nude" dedicato a Fernando Orsi e "Cobra" con Sandro Tovalieri. Susannamarcellini.it il suo Blog”

Continue Reading
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il Calcio Racconta

La Fondazione Genoa emana un comunicato relativo al Campionato 1914-15

Published on

GLIEROIDELCALCIO.COM – Solo stamattina abbiamo raccontato di come l’Avv. Mignogna, in rappresentanza degli interessi della società Lazio, si sia espresso in relazione al Campionato 1914-15. Nello stesso articolo abbiamo dato conto della risposta di Giancarlo Rizzoglio, Comitato Storico Scientifico Museo del Genoa, dalle colonne de “Il Secolo XIX“ .

Ora arriva anche la risposta della Fondazione Genoa tramite un comunicato sul proprio sito ufficiale. Di seguito il testo integrale:

“Il Comitato Storico Scientifico della Fondazione Genoa 1893, rilevando ancora una volta come si cerchi di mistificare la documentazione storica proprio in un momento così drammatico del nostro Paese, si trova suo malgrado costretto a replicare alle larghe inesattezze e alle valutazioni del tutto superficiali apparse in questi giorni su prestigiosi quotidiani sportivi a tiratura nazionale e su alcuni siti web di matrice laziale.

In riferimento alla notizia secondo cui sull’Almanacco Italiano del Calcio 1926/27 ci fosse la “prova finale “in base al quale nel campionato 1914/15 il primato assegnato al Genoa fu limitato solo al Girone Settentrionale, il Comitato, invitando a leggere i testi nella loro interezza e senza omissioni di sorta, precisa quanto segue:

  1. L’Almanacco Italiano del Calcio 1926/27 indica senza mezzi termini che il “campionato di 1° Categoria, a sistema regionale, si è svolto fra 36 squadre divise in sei gruppi“indicando solo e soltanto le squadre del Nord Italia, senza far riferimento alcuno ai campionati del Centro e del Sud. Ciò prova ancora una volta quanto dal Comitato da sempre sostenuto, ossia che all’atto dell’assegnazione del titolo italiano si prese in considerazione esclusivamente il campionato del Nord Italia, per le note e comprovate ragioni di netta superiorità tecnica.
  2. Lo stesso almanacco afferma che “il girone semifinale (del campionato di 1° Categoria, n.d.r.) si è disputato tra 16 squadre “e che “ il girone finale ( del campionato di 1° Categoria, n.d.r.) fu disputato, dal Torino, dall’Internazionale, dal Milan e dal Genoa, ma, con lo scoppiare della guerra con l’Austria, fu sospeso alle sue ultime gare. Venne, dopo la guerra, attribuito al Genoa Club (del campionato di 1° Categoria, n.d.r.).

Il Comitato Storico Scientifico della Fondazione Genoa 1893, sottolinea:

1) la F.I.G.C. aveva sotto la propria giurisdizione il movimento calcistico dell’intera Penisola, con competenza assoluta sul massimo campionato e delegata ai comitati regionali per gli altri.

Il quadro degli avvenimenti delineato da parte laziale, a livello decisionale tra la Lega del Nord e la Lega del Sud, si venne a determinare a partire dal Campionato 1922/23, dopo aver caratterizzato quello precedente nella “scissionista” Confederazione Calcistica Italiana;

2) conseguentemente la decisione federale di assegnare il titolo a una squadra (nella fattispecie, il Genoa) senza ulteriori specificazioni territoriali aveva valore per tutta l’Italia;

3) il Campionato Meridionale ebbe l’annullamento delle due partite dell’aprile 1915 per irregolare tesseramento di due giocatori della stessa squadra (l’Internazionale Napoli) e venne sicuramente ripreso in forma ufficiale il 16 maggio 1915;

4) se da parte laziale si vuole chiedere oggi un titolo che, all’epoca dei fatti, mai la Lazio rivendicò, appellandosi alla mancata disputa delle finali centro-meridionali ed eventualmente nazionali, ossia la concessione del titolo nazionale ex aequo con il Genoa, lo si deve fare nel rispetto della veritiera e completa ricostruzione storica dei fatti”.

Continue Reading

Il Calcio Racconta

Vicenza vs Chelsea e quella notte magica del 2 aprile 1998

Published on

GLIEROIDELCALCIO.COM (Alessandro Lancellotti) – Era il 2 Aprile del 1998, un giovedì e a Vicenza era una giornata uggiosa.

Il Vicenza guidato da Francesco Guidolin e con giocatori di spicco come Mimmo Di Carlo, Fabio Viviani e Gigi Brivio era il detentore della Coppa Italia.

Dopo aver eliminato i polacchi del Legia Varsavia, gli Ucraini dello Shakhtar Donetsk e gli Olandesi del Roda quel piccolo grande Vicenza, miracolo di quel calcio italiano di fine anni novanta, aspettava allo stadio Romeo Menti la temibilissima squadra inglese del Chelsea per la gara valida per le semifinali di Coppa delle Coppe.

All’epoca i “blues” erano guidati da Gian Luca Vialli che era anche giocatore. In squadra vi erano anche altri due italiani Zola e Di Matteo, il forte Rumeno Dan Petrescu, l’Uruguaiano Poyet e il francese Frank Lebœuf che qualche mese dopo divenne campione del mondo con la Francia.

La febbre per il match era salita da tempo e nelle due settimane precedenti i botteghini erano stati presi d’assalto. Le vecchie biglietterie che si trovavano tra la tribuna e il settore ospiti registravano lunghissime code; con il biglietto veniva dato in omaggio un poster con al centro riprodotta una foto del Teatro Olimpico progettato da Andrea Palladio simbolo di “vicentinità”.  La febbre per la partita del secolo dei biancorossi continuava a salire.

La stampa locale parlava del possibile pericolo hooligan a Vicenza ma nei giorni prima della partita si vedevano per il centro di Vicenza turisti con maglia blu del team londinese che si comportavano tranquillamente facendo foto con macchine fotografiche con ancora la vecchia e amata pellicola Kodak.

Ed eccoci al 2 Aprile 1998, nella città bagnata dalla pioggia, già dal pomeriggio le persone si dirigevano verso lo stadio Menti, tutti col prezioso tagliano in tasca. I controlli delle forze dell’ordine cominciavano già da Piazza Matteotti, presso il ponte di ferro altro controllo e poi verso i settori.

L’atmosfera era incredibile! Adrenalina a “mille” condita da pioggia battente. All’epoca vi era ancora il famoso palo in tribuna che disturbava le dirette televisive così la troupe di Mediaset si mise nel settore distinti.

Al calcio d’inizio le due squadre scendevano con le seguenti formazioni:

Vicenza: Brivio, Belotti, Di Cara, Mendez, Ambrosetti, Ambrosini, Di Carlo, Schenardi, Viviani, Zauli, Luiso.

Allenatore: Francesco Guidolin

Chelsea: De Goey, Ckarke, Duberry, Le Saux, Leboeuf, Petrescu, Di Matteo, Newton, Wise, Vialli, Zola.

Allenatore: Vialli

In palio la finale della Coppa delle Coppe a Stoccolma contro la vincitrice di Stoccarda Lokomotiv Mosca.

Nei settori dello stadio tutto esaurito spiccavano gli impermeabili dei tifosi e le bandierine bianco rosse con il logo delle due squadre consegnate prima della partita. Dalla curva sud scendeva il grande bandierone con lo sponsor dell’epoca. Sulle note di 2001 odissea nello spazio, mentre si alzava una coreografia con un tricolore che riempiva tutta la curva sud e gli stendardi che componevano la scritta vincere, gli inglesi occupavano tutto il vecchio settore ospiti dello stadio. Anche i rivali storici del Vicenza i veronesi gemellati da anni con la squadra inglese erano presenti per tifare Chelsea.

In campo fu subito un attacco da parte degli undici di Guidolin e dopo 16 minuti Lamberto Zauli da Roma centrò la rete battendo il gigante olandese il portiere De Goy. L’esultanza durò un minuto, lo stadio scoppiò per la gioia dei ventimila del Menti.

Quella rete decise la partita di una squadra e di una città, una partita che passò alla storia, incoronando un momento e un giorno memorabile.

Al ritorno s’imposero gli inglesi ma quella è un’altra storia. Trasferta Londinese rimasta nella storia con 3.500 tifosi al seguito. La partita di ritorno divenne anche una canzone cantata dalla punk rock vicentina Derozer dal titolo Fedeli alla Tribù.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Continue Reading

Il Calcio Racconta

La Coppa Italia Eccellenza del Campobasso

Published on

GLIEROIDELCALCIO.COM (Alessandro Lancellotti) – Il 2 Aprile del 2014 a Firenze per i tifosi rossoblù del Campobasso fu una data da incorniciare.

Nell’Aprile 2014 il Campobasso calcio guidato dal tecnico Farina aveva letteralmente divorato il campionato d’Eccellenza Molisano vincendo tutte le partite del campionato, alcune anche con punteggi tennistici, pareggiandone due e vincendo la coppa Italia regionale battendo in finale a Trivento il 2 febbraio 2014 il Fornelli.

Grazie alla vittoria della coppa il Campobasso si qualificò per i gironi nazionali della Coppa Italia d’Eccellenza. Nella prima gara eliminò gli abruzzesi dell’Avezzano poi fu la volta dei Sardi del Porto Corallo Villaputzu (nonostante la lontana trasferta i Lupi furono seguiti da moltissimi tifosi). Dalla Sardegna alla Sicilia a Mascalucia per sfidare il San Pio X Catania la squadra dei padri salesiani.

Una cavalcata che portò i Lupi Molisani a giocarsi a Firenze il 2 Aprile 2014 la finale per la coppa contro la squadra toscana del Ponsacco.

Quel giorno allo stadio Buozzi di Firenze c’erano circa 2.000 spettatori, più della metà venivano dal capoluogo Molisano partiti con sette pullman, furgoncini e auto per l’epica trasferta. Già dalla mattina i tifosi passeggiavano per le vie della città di Firenze.

Nel pomeriggio, con diretta su Rai sport, le due squadre si scontrarono, lo stadio era colorato di rosso e di blu colore d’entrambe le formazioni.

La gara si accese dopo venti due minuti di gioco quando Minadeo batté il portiere del Ponsacco Cappellini, al 45’ le squadre chiusero con i Molisani in vantaggio.

Al 62’ Pieroni pareggiò e quattro minuti dopo Lazzarini portò nuovamente in vantaggio i Lupi sanniti. Tre minuti dopo Vitelli entrato al posto di Palumbo portò la gara sul 3-1 per la gioia dei propri supporters. Il Ponsacco trovò al 71’ la rete del 3-2.

Gli ultimi minuti furono un assedio alla porta difesa da Cattenari, i Lupi tirarono fuori gli artigli difendendo l’area sino al termine, e al triplice fischio finale la grande gioia dei tifosi giunti dal Molise per una squadra che rappresentò la regione in Italia e che dopo un brutto periodo ritrovava la gloria.

Il tabellino della partita:

Campobasso: Cattenari, Scampamorte, Minadeo, Scudieri, Palumbo (50’ Vitelli), Pigantaro, Corradino, Volpecina, Cianci (74’ Mauriello), Fazio, Lazzarini (85’ Di Lallo).

Allenatore: Farina

Ponsacco: Cappellini, Lici, Lazzerini, Barsotti( 68’ La Bruna), Giacovelli, Tamberi, Bortoletti, Doveri, Pieroni, Brega(78’ Balestri), Granito.

Allenatore: Lazzini

Arbitro: Donda di Cosmos

Marcatori:: 22’ Minadeo, 62’ Pieroni, 66’ Lazzarini, 68’ Vitelli, 71’ Granito.

foto: sscittadicampobasso.it

Continue Reading

più letti

WP-Backgrounds Lite by InoPlugs Web Design and Juwelier Schönmann 1010 Wien
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: